Giugno 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La polizia armata era presente in una scuola del Texas circa un’ora prima che l’uomo armato fosse colpito

Un nuovo filmato mostra poliziotti pesantemente armati all’interno di una scuola elementare in Texas circa un’ora prima di affrontare un uomo armato che ha ucciso 21 persone.

testata giornalistica locale KVUE ha rivelato la visioneche dovrebbe essere mostrato su un’indagine in corso sulla risposta della polizia alla sparatoria del 24 maggio alla Robb Primary School, Ovaldi.

L’immagine mostra poliziotti armati di fucili e scudo balistico che sono entrati nella scuola nove minuti dopo il pistolero Salvador Ramos.

Il filmato della Robb Elementary School mostra che la polizia era a scuola molto prima di incontrare l’uomo armato. (KVUE)

Ma non sono entrati nella classe che il tiratore ha attaccato per altri 58 minuti.

Ramos ha ucciso 19 studenti in età elementare e due insegnanti nell’attacco, prima di essere ucciso da agenti di legge.

Era armato con un fucile d’assalto.

La risposta della polizia è stata oggetto di un attento esame, con una forte enfasi sul ritardo tra il loro arrivo sulla scena e il confronto con l’uomo armato.

    Il personale delle forze dell'ordine si trova fuori dalla scuola elementare Robb dopo una sparatoria il 24 maggio 2022 a Ovaldi, in Texas.
La risposta della polizia alla sparatoria è ancora sotto inchiesta. (AFP)

I genitori fuori dalla scuola hanno chiesto agli ufficiali di entrare per più di un’ora.

Il rappresentante statale Dustin Burroughs, che presiede la commissione investigativa sulla sparatoria, ha detto che ascolteranno altre testimonianze dal dipartimento di polizia di Uvald, oltre a parlare con un altro agente di polizia del distretto scolastico e un membro del Dipartimento di pubblica sicurezza.

“Vogliamo almeno elogiare tutte le forze dell’ordine per la loro collaborazione e per aver fornito i testimoni che abbiamo richiesto”, ha affermato Burroughs, un repubblicano di Lubbock.

Dopo le osservazioni di apertura di Burroughs durante l’udienza della commissione a Ovaldi, la commissione è entrata in una sessione esecutiva, impedendo al pubblico di ascoltare le testimonianze.

L’assassino ha ucciso 19 bambini e due insegnanti. (AFP)

Giovedì scorso, Burroughs ha manifestato la sua impazienza con il dipartimento di polizia di Uvald, dicendo che non era chiaro se avrebbero testimoniato volontariamente davanti alla commissione. Ma venerdì, ha detto che i funzionari di polizia di Uvald avevano accettato di parlare con la commissione.

La testimonianza continuerà martedì ad Austin, ha detto Burroughs. Ha detto che sperava di fornire informazioni su quando almeno un rapporto iniziale sarebbe stato rilasciato al pubblico.

Le forze dell’ordine hanno fornito informazioni scarse o contrastanti dopo le sparatorie, a volte ritirando le dichiarazioni poche ore dopo che erano state fatte. I funzionari hanno rifiutato di fornire dettagli, citando un’indagine in corso.

Insegnante ucciso nel massacro del Texas addio al marito

Alcuni temono che i funzionari in Texas utilizzino una scappatoia legale per impedire il rilascio di documenti – anche alle famiglie delle vittime – una volta che il caso sarà chiuso.

L’eccezione alla legge protegge le informazioni dalla divulgazione per reati per i quali nessuno è stato condannato. L’ufficio del procuratore generale del Texas ha stabilito che si applica alla morte del sospetto.

Inoltre, i funzionari non hanno rivelato i record richiesti dalle leggi sull’informazione pubblica ai media, inclusa l’Associated Press, citando spesso ampie esenzioni e un’indagine in corso. Ha sollevato preoccupazioni sul fatto che tali documenti verranno rilasciati, anche alle famiglie delle vittime.

Tra gli altri intervistati dal comitato a porte chiuse c’era il personale scolastico.

Burroughs ha difeso la giuria, che ha intervistato i testimoni in privato e finora non ha rilasciato le loro scoperte, dicendo che i suoi membri vogliono un resoconto accurato prima di emettere un rapporto.

READ  Vladimir Putin dice che l'Occidente tratta con leggerezza le "linee rosse" della Russia