Settembre 28, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La poco conosciuta lingua Kushan di 2000 anni è stata finalmente decifrata

La poco conosciuta lingua Kushan di 2000 anni è stata finalmente decifrata

Dagli anni ’60, gli archeologi dell’Asia centrale hanno trovato rocce scolpite con una lingua misteriosa sconosciuta. Ora, un team dell’Università di Colonia ha decifrato la sceneggiatura sconosciuta, rivelando che è apparsa tra i mercanti sulla Via della Seta.

L’Impero Kushan, fondato dalla tribù Kushan, fiorì dal I al III secolo d.C. In tutta l’Asia centrale e in parti dell’Asia meridionale, la religione Kushan è stata influenzata dal buddismo, dallo zoroastrismo e dall’induismo, che sono tutti penetrati nella cultura Kushan attraverso il commercio lungo la Via della Seta.

L’Università di Colonia è stata fondata nel 1388 d.C. da Papa Urbano VI, con un focus su teologia, filosofia e linguistica. Ora, in linea con le tradizioni originarie dell’istituto, un gruppo di ricerca dell’università Dipartimento di Linguistica Decifrare il 60% dell’antico sistema di scrittura Kushan noto come “Scrittura Kushan sconosciuta”.

Una mappa delle posizioni delle varie iscrizioni ora identificate dai linguisti come un'antica lingua Kushan.  (Boonman, S et al./CC BY-NC-ND 4.0)

Una mappa delle posizioni delle varie iscrizioni ora identificate dai linguisti come un’antica lingua Kushan. (Bonmann, S. et al. / Aggiornamento CC BY-NC-ND 4.0.0 )

L’interpretazione della ceramica e delle pareti delle caverne / scrittura Kushan è sconosciuta

secondo UNESCOIl sanscrito e il pracrito hanno preceduto la storia dell’Impero Kushan, ei mercanti che hanno partecipato al commercio della Via della Seta attraverso l’Asia centrale parlavano battriano e sogdiano. Tuttavia, mentre si sa molto su questi sistemi linguistici, resta ancora molto da scoprire sulle lingue dell’Impero Kushan.

La cosiddetta “scrittura Kushan sconosciuta” è stata identificata per la prima volta dagli archeologi negli anni ’60, ma ora i professori universitari Svenja Pönemann, Jakob Halfmann e Natalie Korobzu hanno esaminato sezioni della scrittura sconosciuta trovata su pareti di caverne, ceramiche e vasi in molte parti dell’Asia paesi centrali.

READ  Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo approvano gli spettatori domestici tra le restrizioni COVID-19 ma non è consentito cantare

Il team ha inizialmente annunciato la decodifica “parziale” del linguaggio il 1 marzo 2023, durante una conferenza online organizzata da Accademia delle Scienze della Repubblica del Tagikistan . Ora, un nuovo studio sul loro lavoro è stato pubblicato sulla rivista Operazioni della società linguistica Sotto il titolo “Decodifica parziale della scrittura Kushan sconosciuta”.

Secondo il nuovo documento, il team è riuscito a decifrare circa il 60% dei simboli di una lingua kushan sconosciuta che era ampiamente utilizzata in Asia centrale tra il 200 a.C. circa e il 700 d.C.

La pietra 1 è stata trovata a Musi Gorge, nel Tagikistan nordoccidentale, e contiene un’iscrizione scritta in una scrittura sconosciuta in lingua Kushan. (Bobomolo Bobomolov / Aggiornamento CC BY-NC-ND 4.0.0 )

Comprendere le caratteristiche fonetiche della lingua Kushan ha fatto girare la chiave

La maggior parte degli antichi testi in lingua Kushan conosciuti si trovano nell’odierno Tagikistan, Afghanistan e Uzbekistan. Tuttavia, nel 2021, è stato trovato un breve testo scolpito in una parete rocciosa nella gola di Musi, nel Tagikistan nordoccidentale. Non solo questa parete rocciosa mostrava un raro esempio di scrittura Kushan sconosciuta, ma portava anche un piccolo esempio della lingua battriana.

Il team dell’Università di Colonia si è affidato a mezzi collaudati per decifrare l’antica lingua, inclusa, ad esempio, la metodologia utilizzata per decifrare i geroglifici egizi utilizzando la Stele di Rosetta.

Articolo sul nuovo studio su Fis Spiega che la presunta svolta è arrivata nel decifrare il “nome reale Vema Takhtu”, che era scritto in entrambe le scritture battriane parallele. Quindi il termine “Re dei Re” è definito nelle sezioni corrispondenti.

READ  Donald Trump afferma che "nulla è stato fatto illegalmente" in risposta a 34 accuse penali mosse contro di lui

Il Kushan Language Study ha affermato che questi reperti “si sono rivelati un buon indicatore della lingua di base”. Utilizzando la scrittura battriana parallela, il team ha poi analizzato le sequenze dei caratteri, rivelando le caratteristiche fonetiche dei singoli caratteri.

Inchiodare la sconosciuta lingua iraniana Kushan

Il nuovo studio conclude che la poco conosciuta lingua kushan è “una lingua iraniana centrale completamente sconosciuta, che non è identica né al battriano né alla lingua nota come khotanese saka, un tempo parlata nella Cina occidentale”. Inoltre, si ritiene che la nuova lingua decodificata “possa occupare una posizione intermedia nell’evoluzione tra queste lingue”, secondo lo studio.

Chi ha usato allora questa lingua quasi perduta e dimenticata? I ricercatori hanno scritto che era probabilmente la lingua delle popolazioni sedentarie della Battria settentrionale, che ora fa parte del Tagikistan. Ma hanno anche ipotizzato che potesse essere stato utilizzato dai gruppi nomadi Yuezi nell’Asia interna, originari della Cina nordoccidentale.

Il termine “re delle specie” è riconosciuto nelle iscrizioni Kushan in questo esemplare da Musi Guji (a sinistra) e Dast Nawar III. (Bonnmann, S et al. / Aggiornamento CC BY-NC-ND 4.0.0 )

Diffondere cultura e lingua lungo la Via della Seta

L’autrice principale, la professoressa Svenja Pönmann, ha affermato che la decifrazione di questo testo da parte del suo team “aiuterà a far progredire la nostra comprensione di lingua e la storia culturale dell’Asia centrale e dell’Impero Kushan, simile alla decifrazione di geroglifici egizi o simboli Maya alla nostra comprensione dell’antico Egitto o della civiltà Maya.

In sostanza ciò che il nuovo studio chiarisce è che questa lingua iraniana appena identificata, provvisoriamente chiamata “Eteo-Tocharian”, era una delle lingue ufficiali utilizzate dall’Impero Kushan. Ho anche ipotizzato che questo antico sistema di comunicazione fosse utilizzato principalmente dai mercanti Via della Seta Contemporaneamente alle lingue battriane, gandhari/medio indoariano e sanscrito.

READ  La principessa Mary parteciperà all'incoronazione

Immagine in alto: un sito di iscrizioni bilingue in Tagikistan che ha aiutato i linguisti a decifrare l’antica lingua Kushan. Fonte: Bobomullo Bobomulloev / Aggiornamento CC BY-NC-ND 4.0.0

Scritto da Ashley Coe