Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La piramide delle prove nella scienza: diversi tipi di studi sotto la lente d’ingrandimento eco

Base Comunicazione scientifica È saper analizzare e comprendere i diversi studi che incontriamo quotidianamente. Per questo, uno dei punti chiave è conoscere ogni tipo di studio per determinarne immediatamente la portata e l’impatto potenziale. Questo studio sarà considerato un riferimento futuro o aggiungerà pietra all’edificio? La scienza avanza o sono solo storie?

Segui questa guida preparata dal nostro team di comunicazione scientifica per comprendere tutti i dettagli dei diversi articoli.

Una rapida panoramica dei diversi studi

Un’immagine vale più di mille parole, guardala Piramide delle prove qui di seguito.

Gli studi sono classificati in diversi tipi a seconda del grado della loro prova scientifica

Più alti sono i livelli della piramide, più studi hanno un alto grado di evidenza. Ciò significa che quelli in cima hanno maggiori probabilità di raggiungere il consenso in un’area rispetto a quelli in fondo.

Ma ogni tipo di studio ha i suoi punti di forza e di debolezza. Vediamo quali.

Aneddoti, riflessioni di esperti e casi di studio (piani 1 e 2 della piramide).

Sebbene possano sembrare aneddotici, i resoconti scientifici presentati in questi studi arricchiscono la letteratura esistente e offrono prospettive riflessive. Non ha valore probatorio ma a volte è il punto di partenza per ulteriori ricerche.

Studi osservazionali (piani 3, 4 e 5 della piramide).

Questi studi sono osservazionali Mostra collegamenti. Forniscono una panoramica di un argomento ma non possono dimostrare una relazione causale perché non seguono un metodo empirico. Questi studi possono essere condotti su larga scala, il che li rende meno accurati a livello individuale. Sono però molto utili per individuare tendenze e indirizzare i ricercatori verso studi più approfonditi.

È spesso l’obiettivo degli studi osservazionali Scopri i fattori legati agli eventi sanitari (malattie, infortuni, ecc.). E anche se uno studio non è sufficiente per dimostrare qualcosa, diversi studi che giungono alle stesse conclusioni possono attirare l’attenzione dei ricercatori. Si dicono che c’è qualcosa da scavare e questo può essere il punto di partenza per prove future.

READ  Benefici per la salute del dente di leone: qual è l'effetto positivo?

esistere Tre tipi di studi osservazionali : studi di coorte che seguono un gruppo di persone per un periodo di tempo, studi caso-controllo che mettono a confronto due gruppi di persone in una data situazione e studi comparativi trasversali che studiano un gruppo di persone in particolare (coloro che soffrono spesso di emicrania per esempio) per vedere se avevano caratteristiche comuni.

Studi controllati randomizzati (6° piano della piramide).

Gli studi controllati randomizzati fanno parte della ricerca empirica. I ricercatori studiano un’idea e sviluppano un trattamento o un protocollo per testarla. In questi studi, alcuni partecipanti ricevono il trattamento e altri no, ma senza saperlo (gli viene invece somministrato un placebo).

Se gli scienziati stessi in uno studio randomizzato non sanno chi sta prendendo cosa al momento T, diciamo che questo studio è stato condotto a doppio cieco. State tranquilli, al momento dell’analisi, i ricercatori lavorano con dati accurati e non lasciano nulla al caso. Hanno solo fatto in modo, grazie ai vari membri del loro team, di snaturare il meno possibile il loro studio.

I protocolli di studio sono randomizzati, in doppio cieco per fornire i risultati più affidabili. Ma fai attenzione a non lasciarti convincere troppo facilmente da questo tipo di studi. Il loro valore dipende fortemente dai protocolli utilizzati e dall’interpretazione dei risultati.

👉🏼 Meta-analisi e rassegna riassuntiva (ultimo piano della piramide).

Questi studi raccolgono dati da dozzine o centinaia di studi sperimentali o osservazionali. considerano Riferimenti di ricerca. Spesso il loro punto debole è la selezione che gli autori fanno degli studi che compaiono nella loro composizione. Una buona meta-analisi dovrebbe includere tutti gli studi importanti su un argomento, anche se si contraddicono a vicenda.

READ  Di che colore sono i dinosauri? Scopri come la scienza risolve questo enigma

Un altro tipo di sintesi della conoscenza si chiama “Position Stands”. Sono sviluppati da organizzazioni rispettate e forniscono consigli e indicazioni pratiche in aree come l’alimentazione, l’attività fisica, ecc.

Studi qualitativi.

Non sono inclusi nella piramide perché si concentrano sul lato umano delle cose. I dati raccolti non sono gli stessi utilizzati negli studi quantitativi perché sono più soggettivi. Ad esempio: “Come ti senti a riguardo?” o “Il dispositivo X era facile da usare?”

Questi studi completano gli studi quantitativi e aiutano i ricercatori a comprendere i risultati nel contesto. Quando uno studio utilizza sia metodi quantitativi che qualitativi, si dice che utilizza un metodo misto.

La nostra squadraappassionato di divulgare la scienza per il grande pubblico, rimane a tua disposizione se hai domande.