Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La perdita annuale dell’Italia arriva dopo un crollo dei prezzi del petrolio

La compagnia petrolifera italiana Eni ha subito una perdita annuale nel 2020, con il suo amministratore delegato che l’ha definita “l’anno peggiore nella storia del settore energetico”.

Il gruppo con sede a Roma ha dichiarato venerdì di aver aggiustato la sua perdita netta a 742 milioni di dollari l’anno scorso, rispetto a un utile netto di 2,9 miliardi di dollari nel 2019, ma ha anticipato l’accelerazione dei suoi obiettivi di riduzione delle emissioni.

L’epidemia ha visto il calo della domanda di petrolio e gas, tagliare i prezzi l’anno scorso, colpire le finanze delle società energetiche e costringere le major petrolifere a segnalare le perdite entro il 2020.

Tra l’ottimismo sui vaccini, dopo che i prezzi del greggio sono rimbalzati, Eni è tornata a guadagnare nel quarto trimestre, dando all’industria poco sollievo alla fine di un anno brutale.

Ha riportato un utile netto di $ 66 milioni negli ultimi tre mesi dell’anno, facendo cadere la previsione di consenso di un analista a una perdita di $ 40 milioni. Ma questo è in calo dell’88% rispetto all’anno precedente.

La performance di Eni è stata “supportata dall’efficienza del nostro flusso di cassa operativo e dalla nostra risposta alla crisi”, ha affermato l’Amministratore Delegato Claudio Descalci.

È stato alimentato dalla sua attività di esplorazione e produzione di petrolio durante il trimestre, con prezzi più alti che hanno compensato un calo dell’11% della produzione, nonché il suo segmento dell’energia e delle rinnovabili.

La società ha garantito un dividendo 2020 di 36 centesimi per azione.

Eni, come i suoi concorrenti, sta portando avanti la sua strategia per la conversione dell’energia a combustibili più puliti, con crescenti pressioni da parte di investitori e ambientalisti per agire sul cambiamento climatico.

READ  L'italiano Tragi Erdogan critica Sofagate come un "dittatore" dopo Politico

Venerdì ha definito la sua strategia organizzativa per i prossimi quattro anni. Comprende piani per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, accelerando le riduzioni delle emissioni per raggiungere l’obiettivo zero netto su base “assoluta”, che calcola tutte le emissioni associate al business.

“Ci impegniamo per la completa decarbonizzazione dei nostri prodotti e processi entro il 2050”, ha affermato Descalci.

Newsletter due volte a settimana

L’energia è l’attività essenziale del mondo e la fonte di energia è la sua newsletter. Ogni martedì e giovedì, Energy Source ti porta notizie essenziali, analisi prospettiche e approfondimenti direttamente nella tua casella di posta. Registrati qui.

La spesa per la sua attività petrolifera tradizionale dovrebbe diminuire di quasi un quarto tra il 2021 e il 2024, con una spesa in conto capitale di $ 18 miliardi durante questo periodo.

Eni punta a modificare il proprio portafoglio nel tempo acquisendo e cedendo asset di idrocarburi non core. Si prevede che i ricavi totali delle vendite raggiungeranno b 2 miliardi entro il 2024.

Si sta muovendo verso gas, prodotti chimici, energie rinnovabili e altre strategie a basse emissioni di carbonio, con costi per queste aziende, incluso il segmento al dettaglio, di circa 8 miliardi di dollari nel periodo 2021-2024.

Sebbene molti produttori prevedano di investire di più nell’energia pulita, si affidano ai combustibili fossili per incoraggiare il flusso di cassa, il che significa che guideranno la maggior parte delle loro spese negli anni a venire.

Eni ha detto che la produzione di petrolio crescerà fino a circa 2 milioni di barili al giorno al 4 per cento all’anno fino al 2024, dopodiché diventerà un plateau e il mix energetico sarà gas e rinnovabile.

READ  Vodunit cattura una piccola isola italiana dopo dozzine di furti | Italia

Per ridurre le sue emissioni, prevede di investire in raffinerie verdi e progetti di cattura e stoccaggio del carbonio.

Descalci ha dichiarato in un’intervista che l’azienda produce combustibili fossili da decenni, quindi “questo non è qualcosa che puoi cambiare dall’oggi al domani”.

Alcuni investitori e attivisti hanno esortato le compagnie petrolifere a trasformarsi completamente allontanandosi dai combustibili fossili.

Ma Descale ha detto: “Non si tratta di cambiare completamente. . . Siamo il popolo del petrolio e del gas ”. Sebbene affermi di voler espandere la composizione energetica di Eni e decarbonizzarla, gli idrocarburi sono “ancora molto necessari”.