Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La pandemia sta facendo precipitare le famiglie nella povertà alimentare nelle ricche economie del mondo

Quando la pandemia dello scorso anno ha costretto Mariasonta Secia e suo marito, Rodolfo, senza lavoro, hanno faticato a pagare cibo, affitto e bollette.

“Non ci è voluto molto prima che finissero tutti i soldi”, ha detto la 36enne Seccia, che lavorava come donna delle pulizie in un hotel di Milano mentre suo marito vendeva frutta in una bancarella del mercato. Quando i nostri bambini hanno aperto il frigo e non riuscivano nemmeno a trovare una bottiglia d’acqua. . . È stato molto scioccante per loro, perché non avevano mai sperimentato la fame in vita loro”.

La famiglia Seccia non è l’unica di un paese ricco e sviluppato che sta lottando. In Europa e Nord America, il numero di persone che soffrono la fame è aumentato per la prima volta da quando le Nazioni Unite hanno iniziato a raccogliere dati nel 2014, secondo dati pubblicati di recente. Quasi il 9% delle persone era moderatamente o gravemente insicuro dal punto di vista alimentare nel 2020, rispetto al 7,7% dell’anno precedente.

I numeri impallidiscono rispetto ai livelli delle economie meno ricche. Secondo le Nazioni Unite, nel 2020 quasi un terzo della popolazione mondiale non riceverà un’alimentazione adeguata. A differenza dei paesi poveri che non hanno la protezione del governo, la maggior parte dei paesi sviluppati ha reti di sicurezza sociale sostenute dallo stato.

Nonostante ciò, molte persone vulnerabili nei paesi ricchi sono state duramente colpite dagli impatti economici del Covid-19, ha affermato Arif Hussain, capo economista del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite.

READ  Buongiorno al nuovo caffè all'italiana aperto tutto il giorno di Eataly Dallas

“Anche nei paesi sviluppati, ci sono persone che non sono necessariamente negli schemi delle reti di sicurezza. Hanno sofferto e stanno soffrendo”.

Questi includono i lavoratori autonomi o con contratto a tempo determinato, che spesso non sono coperti dai piani di disoccupazione e assicurazione malattia, e coloro che lavorano nell’economia informale.

In Italia, il numero di persone che vivono in povertà è salito del 22% nel 2020 rispetto all’anno precedente a 5,6 milioni, pari a un italiano su 10, secondo l’Istituto nazionale di statistica.

Mariasonta Secia e i suoi figli sono morti di fame dopo aver perso il lavoro a causa della pandemia © Albero della Vita

Per contrastare questo, il ruolo delle ONG come enti di beneficenza e banche alimentari è cresciuto durante la pandemia, ha affermato Lawrence Haddad, direttore esecutivo della Global Alliance for Better Nutrition.

Secondo la Federation of European Food Banks (FEBA), i suoi membri Assist Quasi 13 milioni di persone nel 2020, in crescita del 35% rispetto all’anno precedente. Sono state distribuite circa 860.000 tonnellate di cibo, con un aumento del 12%, e il numero non è diminuito nel 2021, ha affermato Angela Frigo, segretario generale della FIBA, “la domanda di cibo rimane alta”.

Grafico a barre dell'insicurezza alimentare moderata o grave in Nord America e in Europa (% della popolazione) che mostra che la fame è in aumento anche nei paesi ricchi

Seccia si è trasformata in una fondazione di beneficenza, la Fondazione Albero della Vita, che mira a combattere la povertà fornendo cibo, cure e istruzione a chi ne ha bisogno. “Se non fosse per aiuto [foundation]”Non so dove andremo a finire”, ha detto.

Isabella Catapano, direttore generale di Albero della Vita, ha affermato che il numero di famiglie aiutate dall’ente benefico è quadruplicato di anno in anno nel 2020 a poco più di 1.000.

“A volte si ha l’impressione che la povertà non esista nei paesi sviluppati, ma c’è”, ha detto. “Durante la pandemia, la situazione in molti casi è peggiorata bruscamente, con molte persone rimaste senza niente”.

In particolare, ha affermato, le persone che lavoravano nell’economia informale italiana erano “più vulnerabili”, in quanto “escluse dalla rete di sicurezza dello Stato”.

Grafico a linee delle persone che vivono in condizioni di estrema povertà (in milioni) che mostrano che la pandemia ha notevolmente aumentato la povertà in Italia

Secondo Feeding America, che gestisce una rete nazionale di banche alimentari, negli Stati Uniti le banche alimentari servivano il 55% in più di persone rispetto a prima della pandemia. Lui lei 45 milioni di persone hanno detto Hanno sperimentato l’insicurezza alimentare l’anno scorso.

Sebbene il numero fosse inferiore rispetto alla crisi finanziaria del 2008, quando l’insicurezza alimentare ha colpito 50 milioni di persone, l’inflazione alimentare è diventata una preoccupazione ancora maggiore. Craig GundersonProfessore di Economia Agraria e dei Consumatori presso l’Università dell’Illinois.

“Mi preoccupo più di quello che succede dopo il Covid che durante il Covid. Tutti questi pacchetti di stimolo portano all’inflazione che farà salire i prezzi del cibo. Quando l’inflazione sale, c’è un enorme fardello per le famiglie vulnerabili.

I membri della Chiesa preparano le valigie per un banco alimentare a New York. Circa 45 milioni di persone negli Stati Uniti hanno sperimentato l’insicurezza alimentare lo scorso anno, secondo Feeding America © Bennett Raglin / Getty Images for Food Bank For New York

I prezzi delle materie prime alimentari scambiate sui mercati internazionali sono aumentati di recente, a causa della siccità nelle principali aree di esportazione e dell’accumulo di scorte da parte di alcuni governi e aziende.

Le nazioni in via di sviluppo, che dipendono dalle importazioni agricole e da alimenti meno trasformati, sono state colpite duramente, ma le nazioni ricche ne risentiranno presto, secondo gli economisti.

Prezzi dei produttori di cibo rosa Christian Bugmanns, economista del Fondo monetario internazionale, ha dichiarato:

Lui e i suoi colleghi si aspettavano che i prezzi dei prodotti alimentari al consumo nei paesi ricchi salissero in media di 4,5 punti percentuali entro la fine del 2022. Ha avvertito che l’Unione europea e gli Stati Uniti potrebbero dover affrontare ulteriori pressioni sui prezzi a causa di politiche monetarie e fiscali allentate.

Grafico a linee dell'indice dei prezzi alimentari (2014-2016 = 100) che mostra l'aumento dei prezzi alimentari globali

Ha aggiunto che le condizioni meteorologiche secche in alcune parti degli Stati Uniti quest’anno potrebbero ulteriormente gonfiare i prezzi dei prodotti alimentari al consumo, sebbene ciò sia difficile da determinare in questa fase.

Gli esperti di aiuti hanno espresso preoccupazione per il fatto che gli alti livelli di povertà e fame nei paesi ricchi influenzeranno la loro capacità di fornire aiuti ai paesi poveri.

Hussain al Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite era preoccupato per la diminuzione della capacità collettiva del mondo di rispondere alla fame e alla povertà. “I bisogni sono in aumento, ma i paesi ricchi hanno meno risorse per soddisfare questi bisogni”, ha detto.

Tornata a Milano, Seccia e suo marito hanno svolto lavori saltuari, principalmente pulizie, negli ultimi sei mesi.

Seccia ha affermato di sperare che la loro situazione “migliori lentamente”, ma che l’impatto della pandemia continui: “Passeremo i prossimi mesi, se non anni, a ripagare i debiti che abbiamo accumulato”.