Ottobre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Nuova Zelanda taglia l’immigrazione “poco qualificata”, concentrandosi nuovamente sui ricchi | Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda sta diventando una destinazione sempre più attraente per chi cerca rifugio: dal Covid-19, alla recessione economica o alla caotica politica internazionale. Negli ultimi anni il Paese ha guadagnato terreno La reputazione di “Blythe Billionaires”, I ricchi speculatori, tra cui Peter Thiel, hanno acquistato proprietà remote in aree panoramiche e appartate.

Ma in un mondo post-Covid, raggiungere il sogno della migrazione sarà meno facile, almeno per coloro che non rientrano nella categoria dei ricchi. Lunedi , Nuova Zelanda Il governo ha annunciato che restringerà le strade per coloro che sperano di emigrare e lavorare nel paese, in particolare quelli che ha classificato come lavoratori “scarsamente qualificati” e con basso salario. E ha annunciato contemporaneamente nuove misure per attirare ricchi investitori.

“Quando i nostri confini saranno di nuovo completamente aperti, non possiamo semplicemente aprire il rubinetto alle precedenti impostazioni di immigrazione”, ha detto il ministro del turismo Stuart Nash in un discorso lunedì sera, suggerendo cambiamenti radicali in futuro per quanto riguarda l’immigrazione.

“Il Covid-19 ha messo in evidenza la nostra dipendenza dai lavoratori migranti, in particolare dai lavoratori migranti temporanei. Ha detto che la pressione che abbiamo visto sugli alloggi e sulle infrastrutture negli ultimi anni significa che dobbiamo anticipare la crescita della popolazione.

Nash ha affermato che gli alti livelli di immigrazione hanno contribuito per il 30% alla crescita della popolazione totale della Nuova Zelanda dall’inizio degli anni ’90. La dipendenza della Nuova Zelanda dai lavoratori temporanei – la più alta nell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico – “significa che le aziende erano in grado di fare affidamento su manodopera poco qualificata e soppressione dei salari piuttosto che investire capitali in fabbriche e macchine che aumentano la produttività, o impiegando neozelandesi e migliorare le loro capacità lavorative “, ha detto.

READ  Una ragazzina di 13 anni è stata uccisa da un gruppo di 20 cani vicino alla casa

I cambiamenti iniziali si concentreranno sulle categorie di immigrazione dei lavoratori migranti qualificati e temporanei. Il discorso del ministro è stato chiaro sui dettagli più fini di come queste categorie di visti potrebbero essere cambiate, ma ha detto che il governo “rafforzerà sia i requisiti minimi per un datore di lavoro che il test del mercato del lavoro che devono essere soddisfatti prima che un immigrato possa essere nominato”.

Il governo “incoraggerà i datori di lavoro ad assumere, formare e formare più neozelandesi per colmare la carenza di competenze”, ha detto Nash.

Le proposte fanno parte di una serie più ampia di modifiche all’immigrazione in Nuova Zelanda. Il governo ha anche annunciato nuove strategie per indirizzare gli investitori facoltosi. Ciò consentirà a più di 200 ricchi investitori internazionali di venire in Nuova Zelanda nei prossimi 12 mesi, ha detto Nash.

Giovedì, in un discorso preliminare al bilancio agli imprenditori, il primo ministro Jacinda Ardern ha indicato i cambiamenti imminenti. “Sia chiaro. Il governo sta cercando di spostare l’equilibrio dal lavoro poco qualificato, per attrarre immigrati altamente qualificati e affrontare la reale carenza di competenze.

Lunedì, Ardern ha detto che il governo sta usando Covid-19 come un’opportunità per riconsiderare aree come l’immigrazione. Non sarà dedotto da quante persone saranno interessate dai cambiamenti, dicendo che si tratta di risultati per la Nuova Zelanda, non di “numeri grezzi”. La politica di immigrazione del governo laburista dopo la sua prima elezione al potere nel 2017 è stata quella di ridurre l’immigrazione netta di circa un terzo, cioè di ridurre il numero di immigrati da 20 a 30mila immigrati su un totale di 73mila. tempo.

READ  Il volo MH370 della Malaysia Airlines ha lasciato "percorsi sbagliati" prima di scomparire