Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Nuova Zelanda ritira i fondi per il festival scolastico di Shakespeare, citando il ‘canone dell’imperialismo’ | Nuova Zelanda

L’Arts Council of New Zealand ha ritirato i fondi per lo Shakespeare Festival, che si tiene nelle scuole superiori per quasi tre decenni, dopo che il suo legame con il paese è stato messo in dubbio e perché si è concentrato sul “canone dell’imperialismo”.

Ogni anno, lo Shakespeare Globe Center della Nuova Zelanda organizza lo Sheila Wayne Shakespeare Festival, un concorso scolastico in cui gli studenti eseguono brani delle opere di Shakespeare.

Gli studenti hanno la possibilità di dirigere e comporre musica, esibirsi e creare scenografie e costumi per il loro spettacolo. È stato un evento così popolare che oltre 120.000 studenti delle scuole superiori di più della metà delle scuole superiori del paese hanno preso parte al festival sin dal suo inizio.

Il festival riceve regolarmente circa $ 30.000 all’anno dall’ente statale di finanziamento delle arti – Creative New Zealand. Ma quest’anno, il consiglio ha deciso di ritirare i soldi.

Nel documento di valutazione del finanziamento, il comitato consultivo ha affermato che, sebbene il festival abbia avuto una forte partecipazione giovanile e un impatto positivo sui partecipanti, “non ha dimostrato rilevanza per il contesto dell’arte contemporanea di Aotearoa in questo momento, luogo e paesaggio”.

Il consiglio ha rilevato la preoccupazione che l’organizzazione fosse “totalmente paternalistica” e che questo tipo “rientri nel canone dell’imperialismo e perda l’opportunità di creare un curriculum vivo e dimostrarne l’importanza”.

Un valutatore ha affermato che l’app li ha fatti “chiedere se un unico focus sul drammaturgo elisabettiano fosse più rilevante per la decolonizzazione ad Aotearoa negli anni ’20 e oltre”.

Il consiglio ha ritenuto che il centro non avesse avanzato una proposta forte rispetto ad altri gruppi in cerca di finanziamenti.

L’amministratore delegato del centro, Don Sanders, ha affermato che l’organizzazione è rimasta costernata dalla decisione.

“Creative New Zealand dice che non ha nulla a che fare con la Nuova Zelanda moderna – è vero il contrario”, ha detto. “Ci occupiamo di ciò che la gente pensa, della psiche umana, della competizione, della gelosia, della misoginia e di tante cose totalmente correlate”.

Sanders ha affermato che era “assolutamente sbagliato” per i valutatori dei finanziamenti formulare ipotesi sulla rilevanza per il festival, aggiungendo che un gran numero di studenti di Maori, Pacifica e altre minoranze etniche hanno adattato regolarmente le opere di Shakespeare in modi nuovi e culturalmente significativi.

“Più del 76% delle opere teatrali sono dirette dagli studenti, quindi produciamo anche giovani leader e pensatori”, ha detto Sanders.

Sanders ha detto che il festival andrebbe avanti senza il finanziamento, che rappresenta circa il 10% dei suoi costi totali, ma che i soldi dovrebbero essere trovati altrove.

Parlando con Re: notizieNicola Hyland, docente di teatro senior presso la Victoria University di Wellington, di Te Atihaunui-a-Pāpārangi, di origine Ngāti Hauiti, ha affermato di riconoscere la poesia e la narrazione di Shakespeare, ma pensava che fosse sovrarappresentato nel paese.

Hyland ha detto che i coloni britannici hanno usato le opere di Shakespeare come esempio di come le persone dovrebbero comportarsi. “Sarebbe un tremendo e meraviglioso atto di decolonizzazione se scoprissimo prima le nostre storie e poi Shakespeare.

Non sarebbe bello se i ragazzi tornassero a casa e dicessero: ‘Ehi, mamma, papà, ho appena trovato questa storia ed è davvero come Hinemoa e Tūtānekai. Sono Romeo e Giulietta”.

READ  Le ultime notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale