Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Nuova Zelanda riapre completamente i suoi confini, accoglie lavoratori qualificati

Il governo della Nuova Zelanda afferma che il paese riaprirà i suoi confini ai turisti di tutti i paesi entro luglio, consentirà il ritorno delle navi da crociera e faciliterà la migrazione dei lavoratori qualificati mentre cercano di nuovo all’estero sulla scia della pandemia di COVID-19.

La Nuova Zelanda ha imposto alcuni dei controlli alle frontiere più severi del mondo quando il COVID-19 ha colpito per la prima volta più di due anni fa.

Ciò ha consentito alla nazione di 5 milioni di persone di arginare molti focolai di virus e aumentare i tassi di vaccinazione prima che la variante Omicron si diffondesse quest’anno.

Il numero di decessi per coronavirus in Nuova Zelanda è rimasto ben al di sotto di quello di quasi tutti gli altri paesi sviluppati.

restare indietro

Ma mentre la pandemia continua a diffondersi, le misure di frontiera della Nuova Zelanda sembrano sempre più obsolete con la riapertura di altri paesi.

La Nuova Zelanda sta riaprendo lentamente, prima agli australiani il mese scorso e poi ai turisti provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna e più di 50 altri paesi all’inizio di questo mese. L’ultimo annuncio consentirà ai turisti provenienti da Cina, India e altri paesi di venire dal 31 luglio.

Una donna con i capelli corti e grigi che indossa una maschera abbraccia un'altra donna e sembra essere sopraffatta dall'emozione.
Le persone provenienti da paesi con visto si sono riunite alle loro famiglie quando i confini della Nuova Zelanda sono stati aperti ad alcuni all’inizio di maggio.(AP, Jed Bradley)

Il governo ha affermato che prevede anche di porre fine alla necessità per le persone di sottoporsi ai test COVID-19 prima della partenza entro la fine di luglio.

Ma in segno che il virus continua a sconvolgere la vita quotidiana, il primo ministro Jacinda Ardern non ha fatto l’annuncio di persona durante un pranzo di lavoro ad Auckland come previsto, ma ha parlato invece tramite collegamento video dalla sua residenza a Wellington, dove si trova. isolamento.

Il fidanzato di Ardern, Clark Gifford, è risultato positivo al virus domenica. La sig.ra Ardern è risultata negativa finora e ha affermato di essere priva di sintomi. Le norme sanitarie della Nuova Zelanda richiedono che i contatti familiari delle persone infette si isolino per sette giorni.

“Oggi posso annunciare che la Nuova Zelanda aprirà completamente le sue porte al mondo entro il 31 luglio, completando il nostro lavoro sulla riconnessione con due mesi di anticipo”, ha detto Ardern nel collegamento video.

Benvenuto Lavoratori Qualificati “Green List”

Ha affermato che le nuove impostazioni per l’immigrazione renderebbero più facile l’ingresso per i lavoratori qualificati a partire da luglio, con una nuova “lista verde” di 56 occupazioni richieste tra cui medici, infermieri, ingegneri, idraulici, insegnanti e operatori tecnologici.

“Questo pacchetto è progettato per affrontare l’urgente carenza di competenze creata da COVID, mettendo al contempo le nostre impostazioni di immigrazione su una base migliore e più sostenibile”, ha affermato la Ardern.

Prima della pandemia, più di 3 milioni di turisti visitavano ogni anno, rappresentando il 20% del reddito estero della Nuova Zelanda e oltre il 5% dell’economia complessiva.

Leader aziendali e rappresentanti del turismo hanno accolto favorevolmente l’annuncio.

“Dopo due anni di difficoltà, centinaia di fornitori di navi e operatori del turismo kiwi possono iniziare a ricostruire le loro attività”, ha affermato Debbie Summers, presidente della New Zealand Cruise Association.

La signora Ardern si riferiva anche ai piani per riaprire il paese con viaggi all’estero, incluso un recente viaggio a Singapore e in Giappone e un prossimo viaggio negli Stati Uniti.

AP

READ  Robert Kennedy jnr si scusa dopo il contraccolpo per il suo commento su Anne Frank