Agosto 7, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Nuova Zelanda deve affrontare una nuova ondata di Covid poiché gli esperti affermano che la transizione dalla pandemia è un “pio desiderio” | Nuova Zelanda

Gli esperti avvertono che la Nuova Zelanda è sull’orlo di un’altra ondata di omicron, con casi medi in aumento con il declino dell’immunità, l’arrivo di varianti più infettive e l’arrivo dell’inverno.

Tuttavia, gli esperti di salute pubblica temono che il pubblico e il governo si concentrino principalmente sulla “trasmissione” del virus, dopo che lo stato Sono passato dalla strategia per sradicare il Covid Non prendendo le misure necessarie per cercare di ridurre la trasmissione.

“Ci sono tutte le indicazioni che l’epidemia sta diventando più grave in Nuova Zelanda”, ha affermato il professor Michael Baker, esperto di salute pubblica presso l’Università di Otago.

I casi sono in costante aumento e martedì la media su sette giorni dei casi nella comunità nel paese è stata di 7.246, rispetto ai 5.480 questa volta della scorsa settimana e il punto più alto in più di un mese. Anche i decessi ospedalieri e i tassi giornalieri di casi sono in aumento: questa settimana 487 persone sono ricoverate in ospedale, il più alto dalla fine di aprile.

Martedì il numero dei casi segnalati è salito a 9.629. In risposta ai numeri, il primo ministro Jacinda Ardern Ha detto che “non si aspetta” restrizioni Covid più severe. “Tieni presente che abbiamo regole davvero importanti nell’ambiente arancione che sono in atto per proteggerci”, ha detto.

La continuazione dell’attività come al solito si basava sul “pio desiderio”, ha affermato il dottor Seoksi Wells, microbiologo e specialista della comunicazione COVID-19.

“Penso che ci sia stata una narrativa in tutto il mondo secondo cui prendi l’infezione e te ne liberi e hai finito”, ha detto. Nessuna di queste cose è garantita.

“C’è un elemento di pio desiderio, e c’è un elemento di ‘se lo ignoriamo, andrà via’, ma ovviamente non è quello che succede ai problemi quando li ignori”.

“Dobbiamo fare un lavoro migliore”, ha detto Baker. “Dobbiamo pensare molto chiaramente [the] scenari. Se continuiamo questo tasso di trasmissione e mortalità – nell’intervallo di 12-14 decessi al giorno – affrontiamo fino a 5.000 decessi all’anno dall’epidemia. Ciò aggiungerebbe il 15% al ​​nostro tasso di mortalità annuale. È 15 volte di più in fondo alla strada. È 10 volte il tasso di mortalità per influenza”.

Di fronte a un numero crescente di prove secondo cui le persone possono essere reinfettate con l’omicron entro poche settimane dall’infezione, la scorsa settimana il governo Ha cambiato consiglio Per isolare se risulterai positivo entro tre settimane, invece dei 90 giorni precedentemente consigliati.

Becker ha detto che i dati recenti sulle varianti di Omicron suggeriscono che le persone La reinfezione può verificarsi in poche settimane Un duro colpo alle speranze che l’immunità combinata alle infezioni e alla vaccinazione fornisca ai paesi un percorso chiaro per uscire dall’epidemia.

Baker ha citato un ampio studio di prestampa di Affari dei veterani degli Stati Uniti, che non sono stati ancora sottoposti a revisione paritaria. Ha scoperto che quando le persone vengono nuovamente infettate, la probabilità di complicazioni gravi o a lungo termine rimane ogni volta la stessa, piuttosto che diminuire, come sperato, dall’aumento dell’immunità.

Ciò significa che ogni infezione potrebbe essere un “tiro di dadi” per il virus Covid a lungo termine, danni agli organi, effetti sulla salute mentale e neurologica e malattie gravi, ha detto Baker.

“Abbiamo scelte molto difficili”, ha detto Baker. “Penso che dobbiamo decidere: quale livello di infezione possiamo tollerare, dato quello che sappiamo su questo virus?”

“Ciò che è molto frustrante è che disponiamo di strumenti nel nostro kit di strumenti che aiuteranno a ridurre la trasmissione”, ha affermato Wells.

Baker, Wells e altri professionisti della salute pubblica chiedono al governo – e al più ampio pubblico della Nuova Zelanda – di adottare strategie come maschere, ventilazione e autoisolamento, che ritarderebbero la diffusione del virus senza fermare la vita quotidiana.

READ  I candidati pro-Pechino ottengono la maggioranza alle elezioni di Hong Kong in mezzo alla bassa affluenza alle urne