Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La mobilitazione di Putin è iniziata in modo caotico

Russia Il suo “imballo parziale” guerra in Ucraina Ha avuto un inizio caotico tra proteste, errori di redazione e un esodo di cittadini in fuga dalla Russia, mentre il Cremlino rafforza le regole sull’evasione degli ordini militari.

Secondo un comandante locale, alcuni residenti nella lontana Repubblica russa di Sakha sono stati reclutati “accidentalmente” nonostante non fossero idonei alla mobilitazione, come i genitori di bambini minorenni.

“Tutti coloro che si sono mobilitati per errore devono essere restituiti. Questo lavoro è già iniziato”, ha detto il presidente della Repubblica Aysen Nikolaev in un post di Telegram dopo un incontro sul decreto presidenziale sulla mobilitazione parziale.

Reclute russe salgono a bordo di un autobus vicino a un centro di reclutamento militare a Krasnodar, in Russia. (AFP)

Due dei massimi legislatori russi hanno riconosciuto i casi domenica, affermando che la mobilitazione dovrebbe avvenire “in conformità con la legge” e lamentando notizie di “incidenti errati di mobilitazione di cittadini”.

“Tali estremismi sono assolutamente inaccettabili. Secondo me, la dura reazione che vediamo nella società merita”, ha detto Valentina Matvienko, presidente del Consiglio della Federazione Russa, in un post su Telegram.

In un discorso diretto ai governatori regionali della Russia, Matvienko ha affermato che questi “si assumono la piena responsabilità dell’attuazione delle campagne di mobilitazione” nel “pieno e assoluto rispetto dei parametri dichiarati”.

Vyacheslav Volodin, capo della Duma di Stato, la camera bassa del parlamento russo, ha fatto eco agli appelli di Matvienko alla due diligence, aggiungendo: “Se si verifica un errore, deve essere corretto”.

Nel frattempo, i video che circolano sui social media russi sembrano rivelare le tensioni, il dolore e la confusione sollevati dal progetto di redazione – iniziato dopo l’annuncio di mercoledì – con scene di famiglie che salutano emotivamente e altre reclute che litigano per essere state convocate.

Reclute russe siedono all’interno di un autobus vicino a un centro di reclutamento militare a Krasnodar, in Russia. (AFP)

Il filmato di venerdì mostra la polizia e il personale della Guardia Nazionale che litigavano con la folla, mentre gli uomini reclutati salgono a bordo di un autobus nella regione di Omsk, nella Siberia russa.

Il presidente russo Vladimir Putin mercoledì ha sollevato drammaticamente i rischi del suo attacco all’Ucraina per i russi comuni, annunciando un’immediata “mobilitazione parziale” nel tentativo di rafforzare la sua vacillante invasione dopo i guadagni dell’Ucraina.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha affermato che la mobilitazione riguarderà solo i russi con precedenti esperienze militari, che hanno affermato che sarebbero stati richiamati 300.000 riservisti. Tuttavia, il decreto stesso offre condizioni molto più ampie, il che solleva i timori dei russi sull’esistenza di un progetto più ampio in futuro.

Gruppi di attivisti, come la Free Buryatia Foundation, hanno affermato che le minoranze etniche in Russia sono mobilitate in modo sproporzionato. La CNN ha identificato geo-videoclip di alcuni di questi uomini mobilitati nelle regioni dell’Estremo Oriente della Russia.

L’annuncio della mobilitazione ha innescato manifestazioni contro la guerra in tutto il paese, che sono state rapidamente represse dalla polizia. Almeno 1.472 manifestanti sono stati arrestati in dozzine di città in tutta la Russia a partire da sabato, secondo il gruppo indipendente di monitoraggio delle proteste OVD-Info.

La polizia russa arresta un manifestante che protestava contro la mobilitazione a San Pietroburgo. (AFP)

Ha anche portato a un esodo di massa dalla Russia quando uomini in età militare fuggono dal paese piuttosto che rischiare la coscrizione, con filmati che mostrano lunghe file di traffico ai valichi di frontiera terrestre verso molti paesi vicini e tariffe aeree in aumento e vendita di voli negli ultimi giorni.

Più di 8.500 russi si sono recati nella vicina Finlandia via terra sabato, secondo il funzionario della guardia di frontiera finlandese Matti Petkniti. Il numero rappresenta un aumento del 62 percento rispetto al sabato precedente, su Twitter. Ha aggiunto che quasi 4.200 russi hanno lasciato la Finlandia per la Russia.

In un altro tweet di domenica, Pittkniti ha affermato che il valico di frontiera di Valima nel sud-est della Finlandia era il punto più trafficato per i russi che entravano nel paese, aggiungendo che la linea alle 8:00 ora locale era lunga circa 500 metri.

Ksenia Thurstrom, un sindaco russo di San Pietroburgo che ha lasciato la Russia, ha definito la mobilitazione una “decisione molto impopolare” nei commenti alla CNN sabato.

“Non mi aspettavo che Putin lo facesse”, ha detto Thurstrom, riferendosi alle proteste in tutto il paese, aggiungendo che “quando il primo shock sarà passato, la resistenza crescerà”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante il suo discorso di sabato sera ha descritto la parziale mobilitazione della Russia come una “mobilitazione nelle tombe” e ha esortato i soldati ad arrendersi.

Zelensky ha promesso che quei soldati che si sono arresi sarebbero stati “trattati in modo civile”, dicendo che nessuno in Russia avrebbe saputo che la loro “resa era volontaria” e se avessero “paura di tornare in Russia e non vogliono uno scambio. ” L’Ucraina “troverà un modo per garantire anche questo”.

Ma la Russia si è mossa per scoraggiare il personale militare dall’evadere la coscrizione o disobbedire agli ordini con nuove leggi.

Putin ha firmato sabato diversi emendamenti al codice penale del paese che inaspriscono le sanzioni per il servizio militare in tempi di mobilitazione, legge marziale o tempo di guerra, che sono “fattori aggravanti nelle condanne penali”, secondo il linguaggio pubblicato sul portale legale del governo. Ciò avviene dopo che gli emendamenti sono stati introdotti martedì dalla Duma di Stato.

Secondo le nuove regole, i russi che si arrendono o non lo fanno potrebbero essere puniti fino a 10 anni di carcere.

“La legge federale prevede anche la responsabilità penale del personale militare in caso di resa volontaria, nonché la responsabilità penale per il saccheggio durante la legge marziale, in tempo di guerra o in condizioni di conflitto armato o ostilità”, si legge in una dichiarazione del Cremlino sugli emendamenti .

File foto che mostra il presidente russo Vladimir Putin che ascolta il vice ministro della Difesa Dmitry Bulgakov, a destra, come nota del ministro della Difesa Sergei Shoigu e del governatore della regione del Baikal Konstantin Ilkovsky. (AFP)

Putin ha anche firmato sabato una legge che renderà più facile per gli stranieri che prestano servizio nell’esercito russo richiedere la cittadinanza russa, eliminando la necessità per tali richiedenti di mostrare un permesso di soggiorno, come precedentemente richiesto.

Con una mossa separata, sabato il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver sostituito il suo viceministro della difesa e ha nominato il colonnello Mikhail Mizintsev – l’ufficiale ucraino che ha guidato l’assedio della città portuale orientale di Mariupol – al posto.

Al via i sondaggi di Al-Sham

La mobilitazione coincide con il voto in una serie di referendum per unirsi alla Russia, che i leader sostenuti da Mosca hanno affermato che si terrà in quattro regioni dell’Ucraina occupate dalla Russia a partire da venerdì.

I governi occidentali hanno ampiamente denunciato i referendum come illegittimi e uno stratagemma politico in un momento in cui la Russia ha perso terreno a favore dell’Ucraina, in particolare nel nord-est del paese.

Potrebbe anche aprire la strada all’annessione dei territori da parte della Russia, consentendo a Mosca di inquadrare la controffensiva ucraina in corso come un attacco alla Russia stessa, il che potrebbe fornirle una scusa per intensificare il suo attacco all’Ucraina. Putin ha detto la scorsa settimana che userebbe “ogni mezzo a nostra disposizione” se ritenesse che “l’integrità territoriale” della Russia sia in pericolo.

In generale, l’affluenza alle urne il primo giorno di votazione ai referendum nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nella regione di Zaporizhzhya e Kherson ha superato il 15%, ha affermato Alexander Khlodov, vice capo dell’organo di controllo statale russo, comitato per la sicurezza e parte dell’interazione del pubblico organo di controllo, secondo RIA Novosti.

Secondo il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko, l’Ucraina ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sui referendum “finti” russi nei territori occupati ucraini.

“La Russia deve essere ritenuta responsabile per i suoi ulteriori tentativi di modificare i confini dell’Ucraina riconosciuti a livello internazionale in violazione della Carta delle Nazioni Unite”, ha detto sabato Nikolenko in un tweet.

READ  Il tribunale statunitense blocca temporaneamente il piano di Joe Biden di rinunciare a miliardi di prestiti studenteschi