Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La miracolosa trasformazione del virus Corona giapponese sconcerta gli esperti

Il Giappone si stava dirigendo verso un disastro di Covid prima che un cambiamento inspiegabile lasciasse sconcertati gli esperti. Questo è ciò che il Giappone ha fatto diversamente.

Nelle settimane prima e dopo le Olimpiadi di Tokyo, c’erano timori diffusi che il Giappone si stesse precipitando verso una catastrofe del coronavirus.

Motivati ​​da una variante delta altamente contagiosa, i casi a livello nazionale pochi giorni dopo la fine dei giochi hanno superato i 25.000. Gli ospedali erano sull’orlo del collasso: la mancanza di letti ha costretto migliaia di residenti infetti ad affrontare malattie o, sfortunatamente, la morte in casa.

Yoshihide Suga, che all’epoca era primo ministro e ignorò il suo principale consigliere per la salute andando avanti con i Giochi, nonostante la diffusa opposizione popolare, fu costretto a dimettersi.

Sebbene il Giappone non avesse nulla di simile al blocco, a differenza dell’Europa e di altre località in Asia, Australia e Nuova Zelanda, lo stato di emergenza sembrava destinato a durare per sei mesi a Tokyo e nelle aree circostanti.

Titoli nelle pubblicazioni di tutto il mondo annunciare Che le Olimpiadi hanno “infranto” la fiducia dei residenti nella loro strategia Covid “nel peggior momento possibile” e che la situazione ad agosto era “cattiva e in peggioramento”.

Tuttavia, nelle ultime settimane, quella che si credeva fosse la “quinta ondata” del Giappone si è placata rapidamente. Da un picco di metà agosto di quasi 6.000 infezioni giornaliere a Tokyo, il numero di casi nella capitale è ora sceso al minimo di 11 mesi, segnalando meno di 100 casi ogni 24 ore per più di una settimana.

Ci sono solo 31 pazienti con sintomi virali “gravi” secondo gli standard del governo di Tokyo e sono in cura in ospedale.

READ  Puoi risolverlo? Il genio giocoso dei puzzle galattici | matematica

I bar sono affollati, i treni affollati, l’atmosfera è festosa e gli esperti di salute pubblica sono sconcertati da come si è rivelata la storia apparentemente di successo.

Vaccini e cambiamenti comportamentali sono la chiave del successo

Sebbene non vi sia un singolo fattore per trasformare una nazione, i funzionari affermano che l’impatto di questo è vaccinazioni Un cambiamento nel comportamento delle persone ha giocato un ruolo.

Dopo un avvio lento, quasi il 70% della popolazione del paese ha ricevuto due dosi del vaccino contro il coronavirus, con diversi sondaggi che confermano l’elevata efficacia dei vaccini nella prevenzione delle infezioni secondarie nella comunità.

Parlando con Japan TimesNon solo sempre più persone vengono vaccinate, ha affermato il professore della Tokyo Medical University Atsu Hamada, ma che dopo le Olimpiadi, le persone hanno iniziato ad astenersi da comportamenti che potrebbero aumentare il rischio di infezione.

“La variante Delta è più trasmissibile rispetto al nuovo coronavirus originale, ma la sua virulenza potrebbe essere diventata debole”, ha detto, notando anche che gli spazi interni vengono adeguatamente ventilati ora che il caldo estivo si è placato.

Il professore di virologia alla Toho University, Kazuhiro Tateda, ha detto Agenzia di stampa La campagna di vaccinazione tra i giovani in particolare ha portato a una diminuzione dei contagi.

“Vaccinazioni rapide e massicce in Giappone per i minori di 64 anni potrebbero aver creato una condizione temporanea simile all’immunità di gregge”, ha affermato il dott. Tateda.

Il direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, Norio Ohmghari, ha concordato, descrivendo l’effetto dei vaccini come “estremamente significativo”.

READ  Una cameriera britannica è sbalordita dopo che la sposa le dà $ 100 per GRAVY per sprecare il vestito di sua suocera

“Allo stesso tempo, le persone che si radunano in ambienti ad alto rischio, come luoghi affollati e meno ventilati, potrebbero essere già state infettate e ora hanno acquisito l’immunità naturale”, ha aggiunto.

Il Giappone non è gratuito al 100%.

Tuttavia, ci sono preoccupazioni che senza conoscere il motivo alla base del declino e della gravità dell’infezione, e con il clima freddo e l’efficacia del vaccino in declino, il Giappone potrebbe affrontare un’altra ondata.

Il dottor Tateda ha fatto riferimento al cosiddetto “supercontagio” in luoghi come Israele, Stati Uniti e Regno Unito, dove il rilascio del vaccino è iniziato molto prima, ma la protezione è gradualmente svanita.

I piani attuali mirano ad allentare le restrizioni intorno a novembre – quando si stima che tutte le persone che vogliono ottenere il vaccino lo abbiano fatto – che vedranno i ristoranti autorizzati a servire alcolici, le persone autorizzate a viaggiare attraverso i confini provinciali ed eventi più grandi organizzati con più partecipanti.

“So che ci sono molte persone che mi hanno criticato, ma possiamo dire che questi trattamenti e vaccini sono efficaci e stiamo davvero vedendo una luce alla fine del tunnel”, ha detto Suga ai giornalisti durante una delle sue ultime sessioni. Conferenze stampa da primo ministro.

“D’ora in poi, dobbiamo presumere che vivremo con il virus e renderemo la nostra società più resiliente al fine di bilanciare le attività quotidiane con le misure anti-virus”.

Nonostante ciò, il principale consigliere del Paese per il Covid-19, Shigeru Omi, ha avvertito a metà settembre che “la fine dell’emergenza non significa che siamo liberi al 100%”.

“Nonostante l’alto tasso di vaccinazione, ci sarà sicuramente un rimbalzo se allentassimo improvvisamente le restrizioni”, ha detto alla Commissione sanitaria della Camera.

READ  Forte tempesta colpisce la California tra gli avvertimenti di "potenziale pioggia storica" ​​| California

Mentre è “un fatto che il numero di nuovi casi di coronavirus sta diminuendo rapidamente a livello nazionale”, ha affermato, “potrebbero essere necessari dai due ai tre anni affinché il pubblico non debba preoccuparsi di Covid-19”.