Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La maggior parte delle agenzie di intelligence statunitensi ritiene che il COVID-19 sia stato una trasmissione da animale a uomo

Le agenzie di intelligence statunitensi rimangono divise sulle origini del coronavirus, ma ritengono che i leader cinesi non fossero a conoscenza del virus prima dell’inizio della pandemia globale, secondo una revisione condotta dalla comunità di intelligence degli Stati Uniti per volere del presidente Joe Biden.

In un riassunto non classificato pubblicato venerdì ora locale, quattro agenzie di intelligence hanno affermato con scarsa fiducia che il virus inizialmente è passato dall’animale all’uomo.

Una quinta agenzia credeva con media sicurezza che la prima infezione umana fosse collegata a un laboratorio, sebbene gli analisti non credessero che il virus fosse stato sviluppato come arma biologica.

La maggior parte delle agenzie coinvolte credeva che il virus non fosse geneticamente modificato.

L’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale ha dichiarato venerdì che la Cina “continua a ostacolare le indagini globali, si oppone alla condivisione delle informazioni e ritiene in colpa altri paesi, compresi gli Stati Uniti”.

L’ufficio ha affermato che una conclusione sulla causa del virus probabilmente richiedeva la cooperazione della Cina.

Donna che parla in una conferenza stampa con la bandiera americana dietro di lei
Il direttore dell’intelligence nazionale degli Stati Uniti, Avril Haines, ha dichiarato in una conferenza stampa che la Cina “continua a ostacolare” le indagini globali sulle origini del COVID-19.(

AP Photo / Susan Walsh, file

)

La causa del coronavirus rimane una preoccupazione urgente per la salute pubblica e la sicurezza in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti, diversi conservatori hanno accusato gli scienziati cinesi di aver sviluppato il COVID-19 in laboratorio e di averlo lasciato scappare.

Funzionari del Dipartimento di Stato sotto l’ex presidente Donald Trump hanno pubblicato una scheda informativa citando la ricerca sui coronavirus condotta presso l’Istituto di virologia di Wuhan, situato nella città cinese dove si è verificato il primo grande focolaio noto.

Il consenso scientifico rimane che il virus molto probabilmente è migrato dagli animali in quella che è nota come trasmissione zoonotica.

I cosiddetti “eventi di spillover” si verificano in natura e ci sono almeno due tipi di coronavirus che hanno avuto origine nei pipistrelli e hanno causato epidemie umane, SARS 1 e MERS.

Biden ha dichiarato in una dichiarazione che la Cina ha ostacolato gli sforzi per indagare sul virus “fin dall’inizio”.

“Il mondo merita risposte e non mi fermerò finché non le avremo”, ha detto.

“Le nazioni responsabili non si sottraggono a questo tipo di responsabilità nei confronti del resto del mondo”.

Il ministero degli Esteri cinese ha attaccato l’indagine statunitense prima che il rapporto fosse pubblicato.

Un uomo con la bandiera nazionale cinese alle spalle
Fu Cong, direttore generale del ministero degli Esteri cinese, afferma che le accuse degli Stati Uniti contro la Cina sono prive di fondamento. (

Foto di AP: Ng Han Guan, File

)

Se i giornalisti stranieri “vogliono accusare la Cina in modo infondato, farebbero meglio ad accettare il contrattacco cinese”, ha detto Fu Cong, direttore generale del ministero degli Esteri, in una conferenza stampa.

Biden a maggio ha ordinato una revisione di 90 giorni di ciò che la Casa Bianca ha affermato essere una scoperta preliminare che porta a “due possibili scenari”: trasmissione da animale a uomo o perdita di laboratorio.

La Casa Bianca ha poi affermato che due agenzie della comunità di intelligence di 18 membri erano dirette verso l’ipotesi di trasmissione in natura e che un’altra agenzia era diretta verso una fuga di laboratorio.

L’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale venerdì non ha specificato quali agenzie supportano nessuna delle due ipotesi.

Ma ha notato alcuni degli stessi ostacoli che l’OMS e gli scienziati di tutto il mondo devono affrontare: la mancanza di campioni clinici e dati dai primi casi di COVID-19.

Nel condurre la revisione, le agenzie di intelligence si sono consultate con paesi alleati ed esperti esterni al governo.

L’epidemiologo è stato portato al National Intelligence Council, un gruppo di esperti di alto livello che si consulta con il capo della comunità dell’intelligence.

AP

READ  Il primo ministro Boris Johnson "preoccupato" per l'aumento dei casi COVID-19; Probabilmente è la variante indiana