Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La “Madre cristiana” italiana di estrema destra è sull’orlo del potere

rilasciato in:

Roma (AFP) – Dall’attivista adolescente che ha elogiato Mussolini alla favorita per diventare la prima donna primo ministro d’Italia, Giorgia Meloni ha avuto un buon viaggio, mentre ha portato il suo partito di estrema destra sull’orlo del potere.

I sondaggi d’opinione hanno messo la coalizione di destra italiana sulla buona strada per vincere le elezioni di domenica, con Meloni che ha vinto la guida di Fratellanza d’Italia.

Spesso feroce e combattiva mentre critica l’Unione Europea, l’immigrazione di massa e i “lobbisti LGBT”, la 45enne ha conquistato elettori disamorati e ha costruito un potente marchio personale.

“Sono Georgia, sono donna, sono madre, sono italiana, sono cristiana”, ha dichiarato al Rally di Roma 2019, diventato virale dopo essere stata reintegrata in un tracciato di musica dance .

I Fratelli d’Italia sono nati dal movimento postfascista del paese, ma Meloni ha cercato di prendere le distanze dal passato, rifiutandosi di abbandonarlo del tutto.

Difende i valori tradizionali della famiglia cattolica, ma dice che sosterrà la legge italiana sull’aborto, che consente licenziamenti ma consente ai medici di rifiutarsi di attuarli.

Ma dice che vuole “dare alle donne che pensano che l’aborto sia la loro unica opzione il diritto di fare una scelta diversa”.

pronto a giudicare

Meloni è nata a Roma il 15 gennaio 1977, e sua madre è cresciuta nel quartiere popolare della Garbatella dopo che suo padre l’ha lasciata.

A lungo impegnata in politica, a 31 anni è stata la più giovane ministra della storia italiana del dopoguerra e nel 2012 ha co-fondato Fratelli d’Italia.

Nelle elezioni generali del 2018, il suo partito ha ricevuto solo il quattro per cento dei voti, ma ora ottiene più del 24 per cento.

READ  Rani Mukerji festeggia il suo 44esimo compleanno con Anil Kapoor e Karan Johar; Il marito di Aditya Chopra riceve un gelato prima della festa | Bollywood

Un risultato del genere domenica porterebbe Meloni davanti non solo ai suoi rivali, ma anche ai suoi alleati della coalizione, la Lega anti-immigrazione di Matteo Salvini e Silvio Berlusconi di Forza Italia, di cui ha servito il governo nel 2008.

# foto 1

Meloni ha beneficiato di essere l’unico partito di opposizione negli ultimi 18 mesi, dopo aver scelto di rimanere fuori dal governo di unità nazionale del premier uscente Mario Draghi.

Allo stesso tempo ha cercato di rassicurare coloro che dubitano della sua inesperienza, il suo slogan “Pronto” che adornava i cartelloni pubblicitari in tutto il paese.

Avvertita dall’enorme debito dell’Italia, ha sottolineato la prudenza fiscale, nonostante la richiesta della sua coalizione di tagli alle tasse e aumento della spesa sociale.

Il suo atteggiamento nei confronti dell’Europa si è moderato nel corso degli anni: non vuole più che l’Italia lasci la moneta unica dell’UE e ha fortemente sostenuto le sanzioni dell’UE contro la Russia per la guerra in Ucraina.

Ma dice che Roma deve difendere di più i suoi interessi nazionali e ha sostenuto il primo ministro ungherese Viktor Orban nelle sue battaglie con Bruxelles.

Il passato neofascista

Meloni era un attivista adolescente con l’ala giovanile del Movimento Sociale Italiano (MSI), formato dai sostenitori del dittatore fascista Benito Mussolini dopo la seconda guerra mondiale.

# foto 2

A 19 anni, facendo una campagna per l’Alleanza nazionale di estrema destra, ha detto alla televisione francese che “Mussolini era un buon politico, perché tutto ciò che ha fatto, lo ha fatto per l’Italia”.

Dopo essere stata eletta parlamentare per l’Alleanza Nazionale nel 2006, ha cambiato tono dicendo che il dittatore aveva commesso “errori”, in particolare le leggi razziste, la sua autorità e il suo ingresso nella seconda guerra mondiale dalla parte della Germania nazista di Adolf Hitler.

READ  Invincibile: L'amata cantante italiana Milva muore a 81 anni divertimento

Il suo partito prende il nome dalla prima riga dell’inno nazionale d’Italia e il suo stemma riporta la stessa fiamma che MSI ha utilizzato nel verde, bianco e rosso della bandiera del Paese.

Ha rifiutato gli appelli a cambiare lo slogan, insistendo che le fiamme “non hanno nulla a che fare con il fascismo” – e ha accusato la “sinistra” di parlare del contrario.

# foto 3

“La destra italiana ha passato il fascismo nella storia ormai da decenni”, ha detto in un videomessaggio trilingue inviato ai corrispondenti esteri il mese scorso.

All’interno del suo partito, insiste, “non c’è spazio per atteggiamenti nostalgici”.

Meloni ha una figlia nata nel 2006 con il compagno giornalista televisivo.