Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Grecia abbassa il controllo dei salvataggi, ma il dolore dell’austerità indugia – Politico

Clicca play per ascoltare questo articolo

ATENE – La Grecia uscirà dal controllo post-bailout – il governo ei creditori pubblicizzano l’uscita come la fine di un’era oscura che ha lasciato profonde cicatrici sull’economia e sulla società.

Il 20 agosto, Atene ha ufficialmente posto fine al regime di sorveglianza rafforzata seguito ai tre salvataggi consecutivi dal 2010 al 2018. La mossa “invia un messaggio agli investitori e ai mercati che la Grecia è fuori pericolo”. [and] Un passo avanti verso l’investment grade”, secondo George Pagolatos, capo della Hellenic Foundation for European and Foreign Policy di Atene.

“Dopo 12 anni… un capitolo difficile per il nostro Paese sta volgendo al termine”, ha dichiarato la scorsa settimana il ministro delle finanze greco Christos Staikouras, aggiungendo che ciò consentirebbe al Paese una maggiore libertà nella politica economica.

Commissione europea Benvenuto I risultati e l’impegno della Grecia a continuare ad attuare le riforme dopo la fine del monitoraggio rafforzato.

Ma i titoli oscurano il fatto che la Grecia sta ancora lottando con molte delle debolezze che hanno pesato sulla crescita per decenni, affermano gli analisti. Inoltre, rende l’economia particolarmente vulnerabile ai nuovi shock della guerra in Ucraina, alla crisi energetica e alla minaccia incombente di stagflazione nell’eurozona.

L’inflazione ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 29 anni [while] I salari sono ancora molto bassi, rileva Wolfango Piccoli, co-presidente della società di consulenza Teneo. “Ci sono nuove sfide economiche che mettono completamente da parte questo momento. L’attenzione degli elettori è sull’economia reale e non su questioni tecniche”.

L’economia greca è rimbalzata dall’era della crisi. Il tasso di disoccupazione, che durante la crisi era del 28 per cento, è ora del 12,5 per cento. Il PIL è cresciuto dell’8,3% nel 2021 e la Commissione aspettare Crescerà del 4% nel 2022 e del 2,4% nel 2023.

READ  Novità del settore artistico: gli artisti di New York possono ora richiedere uno stipendio mensile di $ 1.000 più altre storie

Tuttavia, il tasso di inflazione è dell’11,5%, il che rende il costo della vita quasi insopportabile per molti greci. Anche la Grecia Il ritardo è dietro di noi Le economie più avanzate offrono posti di lavoro ben retribuiti, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Il ministro delle finanze Christos Staikouras ha affermato che l’uscita dal monitoraggio dei salvataggi consentirebbe alla Grecia una maggiore libertà nel fare politica economica | Jon Teese/AFP tramite Getty Images

Inoltre, nonostante le riforme che Atene ha dovuto pagare in base agli accordi di salvataggio, non è stata in grado di eliminare alcune delle maggiori sfide strutturali. Questi includono un’enorme burocrazia, specialmente in sistema legaleE il Evasione fiscale cronica. Piuttosto che diversificare la sua economia, la Grecia fa ancora molto affidamento sul turismo. E la stragrande maggioranza delle imprese – di solito piccole imprese – lo sono considerato insolvente.

Nel frattempo, la Grecia detiene ancora il dubbio primato di essere l’unico membro della zona euro il cui debito sovrano ha un rating spazzatura, anche se il primo ministro Kyriakos Mitsotakis Affermazioni Che il Paese sia in grado di raggiungere un rating di investimento nella prima metà del 2023.

In questo contesto, il debito sovrano greco rimane tra i più costosi dell’Eurozona, riflettendo il sentimento degli investitori secondo cui è ancora necessario un premio enorme per mantenere i suoi titoli di stato. Da martedì, frutta Sulle obbligazioni a 10 anni, il 3,26%, contro il 3,07% dell’Italia, che è afflitta da turbolenze politiche. Questo è molto più alto del Bund tedesco ultra sicuro allo 0,94%.

angolo di sterzata?

I prezzi del debito greco sono aumentati dallo scorso autunno, con la tendenza esacerbata dalle mosse della Banca centrale europea per inasprire la politica quest’anno. Tuttavia, il rendimento dell’obbligazione a 10 anni è ancora significativamente inferiore rispetto a metà giugno, quando è balzato al 4,69%. La successiva promessa della Banca centrale europea di utilizzare un nuovo “strumento” per l’acquisto di obbligazioni per alleviare i costi di finanziamento dei membri più indebitati dell’eurozona, in particolare l’Italia, ha alleviato parte di tale pressione.

READ  La Cina consente voli da Germania, Francia e Italia per riportare il personale a terra

Lo strumento, soprannominato Transmission Protection Tool (TPI), “ha un effetto stabilizzante [and] Fornisce supporto a qualsiasi economia che potrebbe affrontare una crisi, inclusa la Grecia”.

Inoltre, la volatilità dei rendimenti obbligazionari non ha un impatto significativo sugli oneri finanziari in Grecia. Il suo debito – per un totale di 350 miliardi di euro – è regolato a un tasso di interesse limitato ai termini del salvataggio e circa il 70 per cento di tali obbligazioni è dovuto a istituzioni finanziarie pubbliche, con piani di rimborso a lungo termine, piuttosto che a investitori privati.

Sul fronte interno, Atene ha attuato molte riforme, anche nel sistema di assistenza sociale, nel mercato del lavoro e nella governance fiscale. Alcune delle azioni programmate da tempo sono ancora pendenti, ma sono state prorogate fino a ottobre, tra cui, tra l’altro, lo stato di avanzamento di alcune privatizzazioni, la liquidazione delle pensioni accumulate e il pieno funzionamento del sistema degli uffici delle imposte.

La Grecia è anche tra i maggiori beneficiari attraverso l’Epidemic Recovery Fund dell’UE, pronto a ricevere fino a 17,8 miliardi di euro in sovvenzioni e 12,7 miliardi di euro in prestiti. La RRF del paese afferma che il 37,5% del piano sosterrà gli investimenti verdi e il 23,3% sarà diretto alla trasformazione digitale.

Rivisitare gli anni della crisi

Nonostante tutti i progressi, molti economisti ora affermano che il costo a lungo termine dei salvataggi – che ha incanalato circa 290 miliardi di euro in prestiti dalla Commissione, dalla Banca centrale europea e dal Fondo monetario internazionale – ha causato un dolore che si sente ancora oggi. Le misure di austerità imposte dai creditori, principalmente sotto forma di tagli ai servizi pubblici e tasse schiaccianti, sono ammontate a 72 miliardi di euro.

READ  L'Italia resiste alla produzione di falso parmigiano

“L’UE ha imparato molto nel ‘workshop’ sulla crisi greca, che le ha permesso di reagire più rapidamente ed efficacemente alle sfide future”, ha affermato Evangelos Venizelos, che ha ricoperto posizioni di rilievo nel governo greco tra il 2011 e il 2015. Primo Ministro, durante la crisi dei soccorsi. “Gli istituti di credito hanno mostrato solidarietà ma anche un atteggiamento punitivo”.

Il PIL greco è sceso da $ 355,9 miliardi nel 2008 a $ 188,7 miliardi nel 2020 e ora sta iniziando a diminuire crescere di nuovo a circa $ 216,4 miliardi nel 2021. La depressione economica ha lasciato i greci esausti, arrabbiati e delusi. Quasi mezzo milione è partito per il più ricco nord Europa e pochi sono tornati.

Alvaro Santos Pereira, direttore degli studi nazionali presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha affermato che la Grecia ha compiuto enormi progressi, ma ha ancora molto da fare per mettersi al passo con i suoi pari.

Ad esempio, ha affermato: “Quasi 15 anni dopo l’inizio della crisi finanziaria globale, le banche greche stanno solo riportando il tasso di crediti inesigibili a una cifra, consentendo loro di iniziare a fornire i finanziamenti necessari per nuovi investimenti”.

E tra gli analisti, i salvataggi rimarranno un argomento controverso negli anni a venire.

“E’ troppo presto per dire se i salvataggi hanno avuto successo”, ha detto Piccoli di Teneo. La preoccupazione è che non sia cambiato molto in termini di struttura”.

Questo articolo fa parte di Politico Pro

La soluzione unica per i professionisti delle politiche che combina la profondità del giornalismo di Politico con la potenza della tecnologia


Scoop, idee esclusive e rottura


Piattaforma informativa sulle politiche personalizzate


Rete di pubbliche relazioni di alto livello