Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Germania teme che i flussi di gas russo possano essere sul punto di fermarsi per sempre

La Russia afferma di essere pronta a fornire gas all’Europa e ha descritto i persistenti timori di interruzione come una “crisi provocata dall’uomo” creata dall’Europa.

Bloomberg | Bloomberg | Getty Images

La Russia si sta preparando a chiudere temporaneamente il suo gasdotto Nord Stream 1 – la parte più grande dell’infrastruttura di importazione del gas dell’Unione europea – per la manutenzione annuale. L’azienda ha sollevato timori che un’ulteriore interruzione delle forniture di gas possa indebolire gli sforzi del blocco per prepararsi all’inverno.

Alcuni temono che il Cremlino utilizzerà la manutenzione programmata per chiudere definitivamente i rubinetti.

Le attività di manutenzione estiva del gasdotto, che corre sotto il Mar Baltico dalla Russia alla Germania, sono corso Dall’11 luglio al 21 luglio.

Arriva mentre i governi europei si affrettano a riempire il deposito sotterraneo con forniture di gas naturale nel tentativo di fornire alle famiglie abbastanza carburante per mantenere calde le luci e le case durante l’inverno.

L’Unione Europea, che riceve quasi il 40% del suo gas attraverso i gasdotti russi, sta cercando da mesi di ridurre rapidamente la sua dipendenza dagli idrocarburi russi in risposta all’attacco del presidente Vladimir Putin all’Ucraina.

Non possiamo escludere la possibilità che il trasporto del gas non riprenda dopo questo per motivi politici.

Klaus Müller

Responsabile dell’Energy Regulator in Germania

Klaus Muller, capo dell’autorità di regolamentazione dell’energia tedesca, ha dichiarato alla CNBC che la Russia potrebbe continuare a esercitare pressioni sulle forniture di gas in Europa oltre la fine dei lavori di manutenzione programmata.

Mueller della Bundesnetzagentur ha affermato che non è previsto che il gas venga trasportato attraverso il gasdotto una volta iniziato l’esame annuale, aggiungendo: “Non possiamo escludere la possibilità che il trasporto del gas non riprenda dopo questo per motivi politici”.

Gli analisti della società di consulenza sul rischio politico Eurasia Group concordano con questo punto di vista.

READ  I leader del G20 riconoscono il lavoro dell'AIE nel tracciare recuperi sostenibili

Se la fornitura non torna dopo la manutenzione perché il presidente Putin sta giocando o vuole colpire l’Europa mentre sta soffrendo, il piano per riempire le scorte di gas entro la fine dell’estate probabilmente non funzionerà”, ha affermato Henning Gloesten, direttore dell’energia. clima e risorse all’Eurasia Group, ha detto al telefono alla CNBC.

Il gasdotto Nord Stream 1 è di proprietà della maggioranza della compagnia russa del gas Gazprom. Il gigante dell’energia sostenuto dallo stato non ha risposto alla richiesta di commento della CNBC.

Una delle principali preoccupazioni per i responsabili politici dell’Unione europea e del settore energetico in generale è che “praticamente non hanno idea di cosa accadrà” perché la maggior parte dei contatti con Gazprom sono ora interrotti, ha affermato Gloustin.

In precedenza era relativamente aperto e frequente fino a maggio.

Prospettive di spettacoli invernali

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck e il cancelliere Olaf Schulz sono raffigurati durante una riunione settimanale del gabinetto il 1 luglio 2022.

Alleanza fotografica | Alleanza fotografica | Getty Images

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha respinto l’affermazione, affermando che le restrizioni all’approvvigionamento della Russia erano una “decisione politica” volta a destabilizzare la regione e aumentare i prezzi del gas.

Alla fine del mese scorso, la Germania è passata al secondo cosiddetto “livello di allerta” nel suo piano di emergenza del gas. La misura significa che la più grande economia europea vede un alto rischio di penuria di gas a lungo termine, ma ritiene che il mercato possa ancora gestire l’interruzione senza dover intervenire.

READ  Italia e Francia approfondiscono la cooperazione economica e di difesa | sua madre

Eurasia Group ha affermato che se Putin organizzerà un taglio totale delle forniture di gas dopo i lavori di manutenzione programmati sul gasdotto Nord Stream 1 – in quello che Gloestin ha descritto come uno scenario di “massima guerra economica” – la Germania dovrà probabilmente passare al terzo livello di il suo piano di emergenza gas in tre fasi.

A questo livello, la Bundesnetzagentur tedesca dovrà decidere come distribuire la fornitura di gas a livello nazionale.

‘Hot spot per l’intera Unione Europea’

“La Germania è diventata un punto caldo per l’intera Unione europea”, ha affermato Gloesten. “La Germania ha la popolazione più numerosa d’Europa, la più grande economia, il più grande consumatore di gas, il più grande importatore singolo di gas russo e ha nove confini terrestri. Quindi, qualunque cosa accada in Germania si riversa nel resto d’Europa”.

In effetti, non sono solo le autorità tedesche ad essere profondamente preoccupate per il potenziale di ulteriori tagli all’offerta.

E in Italia, il secondo acquirente di gas russo nell’Unione Europea, il governo ha dichiarato la scorsa settimana di aver prestato 4 miliardi di euro (4,2 miliardi di dollari) al Gestore dei Servizi Energetici di proprietà statale per acquistare gas per aumentare le scorte.

Lo hanno indicato Germania, Italia, Austria e Paesi Bassi Le centrali a carbone potrebbero essere utilizzate per compensare l’interruzione delle forniture di gas russe.

“Ecco perché in realtà … pensiamo che la Russia tornerà un po’”, ha detto Gloesten. “Vogliono una piccola moneta di scambio nel caso in cui gli europei inaspriscano le sanzioni in modo che i russi possano vendicarsi”.

READ  P101 sgr - Report Bebeez su Venture Capital e Startup italiane

Il 1° luglio 2022 il presidente russo Vladimir Putin partecipa al 9° Forum delle regioni Russia-Bielorussia tramite collegamento video a Mosca.

Michael Metzel | Afp | Getty Images

Gloucestin ha affermato che un arresto completo delle forniture di gas tramite il Nord Stream 1 per il resto dell’anno sembra improbabile, soprattutto perché una mossa del genere sarebbe contraria alla narrativa di Mosca.

Il Cremlino ha affermato in precedenza che l’attuale calo delle forniture è dovuto a “fattori tecnici” e sanzioni economiche.

Il mantenimento di almeno alcuni dei flussi consentirebbe alla Russia di trarre vantaggio da prezzi più elevati e riservarsi l’opzione di tagli più drastici nel corso dell’anno, forse in risposta alle restrizioni sui prezzi occidentali del petrolio e del gas proposti, ha affermato Gloustin.

I dati della rete tedesca mostrano che negli anni precedenti il ​​gas russo scorre attraverso il gasdotto Nord Stream 1 restituito entro la fine di luglio dopo i lavori di manutenzione estiva.

Thomas Rodgers, analista del gas europeo presso la società di consulenza internazionale ICIS, ha affermato di non aspettarsi che i flussi si interrompessero completamente e ha notato che i lavori di manutenzione separati sono stati completati in tempo.

“Al momento non vediamo alcuna soluzione ai presunti problemi del compressore che hanno portato i flussi di NS1 a un livello così basso, ma non ci aspettiamo una moratoria completa dopo che questo lavoro sarà completato”, ha detto alla CNBC.

Ha aggiunto: “I recenti lavori sul gasdotto Turkstream, che trasporta il gas russo nell’Europa sudorientale attraverso il Mar Nero e la Turchia, sono stati recentemente completati secondo i programmi e senza ulteriori interruzioni”.