Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Francia sostiene di essere una cospirazione culinaria raccogliendo cibi bianchi italiani

Postato su: Modificata:

Grenoble (Francia) (AFP)

I ricercatori francesi hanno annunciato martedì il successo della coltivazione di prodotti alimentari bianchi rari trovati in Italia, una svolta che potrebbe innescare sforzi ancora più diffusi per coltivare sapori preziosi.

Il tuber magnetum è l’orgoglio della regione alfa italiana, con i prezzi nell’asta autunnale di quest’anno che superano regolarmente i 300 euro per 100 grammi (3,5 once $ 360).

Come i loro cugini francesi, come i famosi cibi neri della regione di Pericard, è quasi impossibile che i peli bianchi vengano trapiantati nello stesso suolo, nella stessa fauna o nel clima senza tempo.

Ma molti anni fa Bruno Robin, proprietario di un vivaio francese, in collaborazione con l’Istituto nazionale di ricerca agraria francese (INRAE), iniziò a vendere alberelli coltivati ​​con prodotti alimentari bianchi.

Il successo non è una garanzia poiché gli agricoltori hanno aspettato molti anni prima che la rete fungina crescesse e iniziasse la produzione, ma negli ultimi due anni alcuni sono stati raccolti nella Francia sud-occidentale.

“Questa è la prima volta che un tubero viene raccolto in un giardino al di fuori dell’area geografica dello scambio alimentare”, ha detto Robin ai giornalisti durante la videoconferenza.

Spera di vendere “qualche migliaio” di prodotti alimentari quest’anno agli alberelli degli alberi, che gli agricoltori francesi possono trovare solitamente coltivando una gemma culinaria che si trova in piccole parti del nord Italia o dell’Europa centrale.

“Questo è un enorme sviluppo per noi”, ha detto Michael Turner, capo della Federazione francese dei coltivatori di alimenti – durante una videochiamata – anche perché i prezzi di comando per il cibo bianco sono quasi tre volte superiori a quelli per il cibo nero.

READ  Gli archeologi usano l'esclusivo veicolo rituale Pompei Archeologia

La Francia attualmente produce circa 30 tonnellate di cibo ogni anno.