Agosto 17, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Francia è in guerra con l’Italia a causa della burocrazia.. e Roma è vittoriosa | mondo | Notizia

Il governo italiano sta combattendo contro il sistema di etichettatura alimentare francese, noto come Nutri-Score, che è stato descritto come un potenziale standard a livello dell’UE. Il suo uso di barre luminose dal rosso al verde che avvertono di cibi grassi e salati ha portato la gastronomia italiana vicino a un punto di ebollizione, dove affermano che punisca ingiustamente prelibatezze come l’olio d’oliva e il parmigiano.

Roma afferma che ora sta lavorando per riportare il round di Madrid nel suo pensiero che le nazioni mediterranee devono unirsi per proteggere gli alimenti premium che potrebbero essere contrassegnati da un avvertimento rosso sulla salute.

Il ministro italiano dell’Alimentazione e dell’Agricoltura Stefano Patuanelli ha dichiarato al parlamento nazionale a dicembre: “Pensavo fosse una battaglia persa. Ora la Spagna ha riferito di aver completamente cambiato posizione, e quindi è contraria a Nutri-Score. La Francia ha grossi problemi interni. “

In seguito ha insistito sul fatto che se la Spagna dovesse ufficializzare l’opposizione, la minoranza di blocco non consentirebbe un’eventuale proposta della Commissione europea su Nutri-Score per ottenere l’approvazione dei capi di stato dell’UE.

In un’altra possibile battuta d’arresto, l’autorità italiana garante della concorrenza ha avviato cinque indagini sull’uso di Nutri-Score nel paese da parte di aziende tra cui il gigante francese dei supermercati Carrefour e la britannica Weetabix Ltd.

Il timore è che l’etichetta Nutri-Score venga vista come una valutazione assoluta della salute di un particolare prodotto, indipendentemente dalle esigenze di dieta e stile di vita di una persona, nonché da quanto si mangia all’interno di una dieta variata ed equilibrata.

Nutri-Score converte il valore nutrizionale dei prodotti in un codice di cinque caratteri con il proprio colore.

READ  La crescita dell'Italia nel primo trimestre è stata rivista al rialzo

Ogni merce viene valutata secondo un algoritmo scientifico che tiene conto della formula nutrizionale per evitare i nutrienti più positivi come la fibra.

Leggi di più sull’autista che ha rotto la gamba di un uomo in una fila di parcheggio

Il signor Herzberg ha risposto: “Questa è una notizia falsa, una palese bugia! Certo, non ho mai detto o scritto una cosa così ridicola su #NutriScore. Ma la diffusione [rumours]La diffamazione dei ricercatori e della ricerca è una strategia comune di lobbying. Manipolazione grossolana…”.

“Tutto questo discorso è per ragioni puramente politiche ed è una completa negazione dell’interesse dei consumatori, della salute pubblica e del lavoro scientifico che dimostra i benefici di Nutri-Score”, ha detto a Politico.

Tuttavia, Marco Driosto, eurodeputato della Lega, ha elogiato l’attivismo di Centinaio, sostenendo che la Roma stava vincendo la battaglia contro il Nutri-Score.

“Il lavoro del governo è stato solido e le discussioni con Francia e Spagna hanno portato a risultati”, ha detto a Politico.

Il ministro dell’Agricoltura francese Julien Denormandy ha riconosciuto che era giunto il momento di adeguare la metodologia alla base del sistema.

Ha detto che la Francia non renderà obbligatorio il Nutri-Score a meno che l’Unione Europea non lo faccia.

Ma ci sono divisioni anche all’interno della Spagna.

Il ministro dell’Agricoltura Luis Planas è uno scettico di Nutri-Score che vuole che tratti le specialità mediterranee in modo più equo.

Si dice che sia coinvolto in una disputa interna con il ministro dei consumatori Alberto Garzon, il quale ha affermato che Nutri-Score potrebbe salvare migliaia di vite.

Claire Bury, un alto funzionario dell’UE, ha dichiarato a POLITICO a settembre che la commissione avrebbe tenuto conto delle caratteristiche specifiche di alcuni prodotti alimentari come l’olio d’oliva e il miele quando avrebbe legiferato su un piano a livello dell’UE.

READ  Relazioni economiche tra Pakistan e Italia

La Commissione deve scegliere il sistema di etichettatura entro la fine dell’anno poiché si sta adoperando per spingere i consumatori verso scelte alimentari più sane.