Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Francia e il Regno Unito si uniscono a un elenco crescente di paesi che richiedono test COVID per i passeggeri provenienti dalla Cina

Le autorità hanno affermato che il Regno Unito e la Francia si uniranno a un elenco crescente di paesi che implementano misure COVID-19 più severe per i passeggeri in arrivo dalla Cina.

Entrambi i paesi hanno annunciato che richiederanno ai viaggiatori provenienti dalla Cina di presentare un risultato negativo del test COVID-19 entro 48 ore dalla partenza.

Il governo francese esorta i suoi cittadini a evitare viaggi non essenziali in Cina. La Francia sta anche reintroducendo i requisiti per la maschera sui voli dalla Cina alla Francia.

Dopo aver tenuto i suoi confini completamente chiusi per tre anni, imponendo un rigido regime di blocchi e test incessanti, il 7 dicembre Pechino ha bruscamente invertito la rotta verso la convivenza con il virus e le infezioni si sono diffuse rapidamente nelle ultime settimane.

Il cambiamento è arrivato dopo settimane di proteste per la politica anti-COVID del paese.

Da allora, anche Stati Uniti, Italia, Taiwan, Corea del Sud, Giappone e India hanno imposto test COVID-19 per i viaggiatori provenienti dalla Cina.

Venerdì i media statali cinesi hanno definito “discriminatoria” l’imposizione di test COVID ai viaggiatori in arrivo dalla Cina.

Il primo ministro Anthony Albanese ha affermato che l’Australia sta monitorando la situazione rispetto alla Cina “mentre continuiamo a monitorare l’impatto del COVID qui in Australia e in tutto il mondo”.

I passeggeri si preparano a salire a bordo di un aereo in un aeroporto nella provincia di Jiangxi, nella Cina centro-settentrionale.
I media statali cinesi hanno definito “discriminatoria” l’imposizione di test COVID ai viaggiatori in arrivo dalla Cina.(AP: Ng Han Guan)

Nel Regno Unito, le nuove regole entreranno in vigore dal 5 gennaio, secondo una dichiarazione del governo.

In Francia, i requisiti entreranno in vigore domenica, ma i funzionari hanno affermato che ci vorranno alcuni giorni prima che diventino pienamente effettivi.

Le autorità sanitarie francesi hanno affermato che eseguiranno anche test PCR casuali negli aeroporti sui passeggeri in arrivo dalla Cina per identificare possibili nuove varianti di coronavirus.

Gli ospedali francesi hanno lottato nelle ultime settimane con un gran numero di pazienti a causa di tre focolai simultanei: influenza stagionale, un’ondata di casi di bronchite e COVID-19.

Spingere per una politica a livello europeo

Una poliziotta ritira i passaporti dalle persone in una stazione di polizia comunitaria.
L’allentamento delle restrizioni di viaggio da parte della Cina coinciderà con le imminenti festività del capodanno lunare.(AP: Ng Han Guan)

In precedenza, il governo spagnolo aveva affermato che avrebbe richiesto a tutti i passeggeri aerei in arrivo dalla Cina di avere test negativi o prove di vaccinazione.

Il ministro della Salute Carolina Darías ha detto ai giornalisti che la Spagna spingerà per misure simili a livello europeo dopo l’aumento dei casi in Cina.

I funzionari sanitari dell’Unione europea a 27 nazioni hanno promesso giovedì di continuare i colloqui sulla ricerca di un approccio comune, ma si sono fermati prima di imporre restrizioni.

“C’è una preoccupazione condivisa a livello internazionale e nazionale per l’evoluzione dei casi in Cina e la difficoltà nel valutare correttamente la situazione del COVID-19 data la scarsità di informazioni che abbiamo”, ha affermato la signora Daria.

Daria ha osservato che la Cina revocherà le restrizioni di viaggio dall’8 gennaio ed è probabile che ci sarà un aumento significativo del numero di viaggiatori stranieri.

Ha affermato che la preoccupazione principale è il potenziale per l’emergere di nuove varianti di coronavirus ed è importante agire rapidamente.

READ  Due lavoratori del Villaggio Olimpico di Tokyo sono risultati positivi al COVID-19 appena due settimane prima della cerimonia di apertura