Agosto 3, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Francia adotta la riproduzione medicalmente assistita per tutte le donne

L’estensione dell’assistenza riproduttiva alle coppie sposate e alle donne single, come promesso dalla campagna del presidente Emmanuel Macron, è attesa da anni in Francia in particolare dalle associazioni gay, ed è stata osteggiata da alcuni movimenti conservatori.

Al termine di quasi due anni di dibattiti parlamentari, la legge è stata approvata con 326 voti favorevoli, 115 contrari e 42 astenuti, in tutte le divisioni di partito.

Il governo punta sui primi “percorsi di riproduzione assistita” dalla fine dell’estate e sui primi bambini che nasceranno in questo modo entro la fine del 2021.

Diversi paesi europei offrono già la possibilità alle coppie di donne e donne sole di ricorrere alla procreazione assistita: Svezia, Finlandia, Danimarca, Gran Bretagna e Irlanda, Benelux (Belgio e Paesi Bassi). Bass e Lussemburgo), così come Spagna e Portogallo.

In Francia, il sostegno pubblico all’apertura della procreazione assistita è aumentato negli anni: il 67% dei francesi ora lo sostiene, secondo un recente sondaggio Ifop sull’associazione delle famiglie dello stesso sesso.

“E’ una bella giornata per il nostro Paese”, ha salutato martedì il ministro della Salute Olivier Veran, che ha accolto “un impegno costante”, al termine di quasi 500 ore di dibattito in Parlamento.

Tuttavia, un ricorso in particolare al Consiglio costituzionale dei deputati della destra potrebbe ritardare di alcune settimane l’approvazione della legge.

Sono “nove anni di gravidanza e parto dolorosi”, secondo la Federazione Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender (Inter-LGBT).

L’ex presidente francese François Hollande, promesso da Emmanuel Macron, ha affermato che la prima e forse l’unica riforma sociale nell’attuale quinquennio, è stata ritardata, in particolare dall’emergenza Covid-19, facendo “perdere” alcune occasioni di gravidanza, denunciando questo legame.

READ  Almaviva Santé acquisisce il gruppo Maymard

A sua volta, il movimento conservatore condanna Munif per Tus come “clausola valida” con un “rifiuto sistematico” di “qualsiasi modifica della bozza iniziale”. Insieme ad altre associazioni e con il sostegno dell’episcopato cattolico, il movimento ha mobilitato per mesi decine di migliaia di persone contro le “Pma senza padre”.

Questo ampio testo fornisce anche una soluzione sfumata per la filiazione e l’accesso alle origini e affronta una serie di argomenti complessi come l’autoconservazione degli ovociti o la ricerca sulle cellule staminali embrionali.

Se i dibattiti sono stati aspri, la PMA per tutti, rimborsata dall’assicurazione sanitaria, non ha infiammato la società, a differenza del matrimonio tra persone dello stesso sesso sotto François Hollande.

La leader del partito presidenziale di La République en Marche (LREM), Aurore Bergé, sostiene: “Siamo progrediti metodicamente, senza gonfiare il tronco sulla questione dell’espansione dei diritti delle donne”.

Il disegno di legge ha iniziato il suo viaggio parlamentare nell’autunno del 2019, avanti e indietro tra la Camera dei rappresentanti, dove il partito presidenziale ha la maggioranza, e il Senato, che è dominato dalla destra.

Durante l’esame finale di giovedì, i senatori hanno respinto il disegno di legge fin dall’inizio e la relatrice Muriel Gorde (da sinistra a destra) ha nuovamente espresso il suo sgomento per la “miscela di specie” tra le disposizioni “che rientrano nel regno della bioetica e di altre decisioni della società”. .

In tutti questi argomenti spesso complessi e intimi, la libertà di voto è essenziale. E tutti i gruppi politici erano divisi, alla Camera come al Senato, anche se la sinistra ha votato per lo più, e la destra contro.

Con migliaia di emendamenti, la destra ha messo in guardia contro una società in cui prevale il “desiderio individuale”, senza riguardo per il “superiore interesse del bambino”.

READ  Il riscaldamento globale danneggia l'intelligenza dell'animale?

Secondo loro, la riproduzione assistita per tutte le donne porterà inevitabilmente alla maternità surrogata, cioè dalla madre surrogata, in nome dell’uguaglianza, a favore dell’uomo.

Il ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti ha sottolineato che il disegno di legge consente di riconoscere le condizioni di filiazione dei figli nati per maternità surrogata all’estero, mentre in Francia rimane una “linea rossa invalicabile”.