Gennaio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Formula 1 ha un duro lavoro da seguire dopo l’eccitazione del 2021 | Notizie sulle corse

LONDRA: Il campionato di Formula 1 sarà più grande il prossimo anno, con 23 gare registrate, inclusa la prima a Miami, ma sarà difficile spingerlo a essere migliore del 2021 in termini di dramma ed eccitazione.
La stagione in cui si è concluso il regno del sette volte campione del mondo Lewis Hamilton e il giovane principe ereditario olandese Max Verstappen ha ceduto tra accese polemiche, è stata quella che ha visto tutto e ha continuato a dare.
Le battaglie sono iniziate più vicino all’ultimo giro dell’ultima gara, il livello di Verstappen per la Red Bull e l’Hamilton Mercedes in termini di punti e percorrendo ruota per ruota sette curve dell’ultima bandiera a scacchi.
L’allenatore della Red Bull Christian Horner, che ha avuto le sue battaglie con la sua controparte Mercedes Toto Wolff, non aveva dubbi sul fatto che lo sport gli dovesse molto.
Alla domanda sul suo primo anno come CEO di Formula 1 Stefano Domenicali, Horner ha detto ai giornalisti: “Penso che abbia bisogno di comprare alla Red Bull un’enorme pausa natalizia per l’eccitazione, le corse e il dramma che sta guidando.
“Non credo che nemmeno uno sceneggiatore di Hollywood avrebbe potuto inventare i dettagli quest’anno. La popolarità della Formula 1 è alle stelle… e il numero di nuovi fan che abbiamo accolto in questo sport è stato sbalorditivo.”
La prossima stagione vedrà regolamenti rinnovati e vetture di nuova concezione progettate per migliorare i sorpassi.
La giuria è ancora fuori su questo, ma non su Verstappen – vincitore di 10 gare quest’anno e sul podio 18 volte in una stagione – o Hamilton, che rimane un contendente spaventoso e decisamente a 36.
Il britannico è venuto alla ribalta come un modello, un atleta sconfitto e un attivista per la parità di diritti e la diversità.
Miglioramenti richiesti
Ci sono miglioramenti da fare, non ultimo la coerenza delle decisioni prese dai padroni di casa e il ruolo del direttore di gara Michael Massey.
Ci sono anche preoccupazioni che lo sport sia stato alterato dalla popolare serie di documentari di Netflix Drive to Survive, che sacrifica l’integrità per il bene dell’intrattenimento.
Sul lato positivo, la Ferrari è tornata tra i primi tre dopo un terribile 2020, mentre la McLaren ha vinto per la prima volta dal 2012 ed Esteban Ocon sulle Alpi ha festeggiato la sua prima vittoria. Se Daniel Ricciardo della McLaren ha vissuto una stagione instabile, vincendo a Monza ma faticando altrove, allora il suo giovane compagno di squadra britannico Lando Norris ha avuto un anno speciale.
Kimi Raikkonen, campione 2007 con la Ferrari, si è ritirato dopo 349 gare e 19 stagioni nello sport.
Il finlandese sarà sostituito all’Alfa Romeo dal connazionale Valtteri Bottas, compagno di squadra fedele ma regolarmente sconfitto di Hamilton il cui posto Mercedes va a George Russell in una squadra tutta britannica.
L’unico attore italiano rimasto, Antonio Giovinazzi, a essere sostituito dal primo Chu cinese.
I partner motoristici della Red Bull Honda, che ha vinto il titolo piloti per la prima volta dal compianto campione brasiliano Ayrton Senna alla McLaren nel 1991, si sono lasciati alle spalle la loro tecnologia.
Anche la partecipazione in Medio Oriente è cresciuta, con il Qatar e l’Arabia Saudita che debuttano nel 2021 insieme a gare consolidate in Bahrain e Abu Dhabi.