Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La fisica ha espresso il suo giudizio sulla statua di Flora

Molte delle opere di Leonardo da Vinci potrebbero essere andate perdute e sembra che una di esse sia apparsa di nuovo quasi un secolo fa sotto forma di busti di cera. Un team di fisici e chimici ha appena posto fine al dibattito sull’autenticità di questo busto utilizzando metodi moderni di caratterizzazione dei materiali, alcuni dei quali si basano su acceleratori di particelle.

Ricordiamo che il 2019 è stato l’occasione per celebrare il bicentenario della nostra fondazione La morte di Leonardo da Vinci In Francia si è tenuta una mostra in onore di Leonardo al Louvre. Non c’è dubbio che l’infatuazione Leonardo Da Vinci Non è nemmeno morto all’inizio del ventunesimo secoloe secolo. Sogniamo ancora di scoprire le opere scomparse dell’artista ed è un peccato che ancora non sappiamo davvero se la scienza abbia trovato davvero leggendarie. ” Battaglia di AnghiariPiù di un decennio dopo aver iniziato a essere sospettato, Futura ha chiarito in numerosi articoli, incluso il precedente di seguito.

Ciò che sembra essere stato ottenuto oggi è che i ricercatori dell’LSCE / LMC14 (CEA-CNRS-UVSQ) e dell’Istituto di ricerca chimica Paris (CNRS-Chimie ParisTech-C2RMF) ha posto fine con successo a un caso risalente all’inizio del XXe Il secolo relativo a un busto in cera raffigurante la dea Flora, antica divinità agricola d’Italia e di Roma, il cui ruolo principale era quello di tutelare la prosperità Grano E il gli alberi Alberi da frutta.

Lorsque le Prussien Wilhelm von Bode le découvre en 1909 in une galerie londonienne et l’acquiert pour le musée de Berlin, il est convaincu qu’il s’agit d’une œuvre de Léonard de Vinci, mais très vite une contention naerset t subject . Il figlio dello scultore inglese Richard Cockle Lucas si affrettò a far esplodere una bomba sostenendo che la statua di Flora era in realtà un’opera di suo padre realizzata nel 1846. Inoltre, questo è facile da provare perché afferma di essere vuoto e contiene oggetti di carta e Legna Risale al XIX secoloe secolo. Verificato, questo è davvero il caso, ma Bode ei curatori del Museo di Berlino si rifiutano di concludere che, nonostante tutto, non è inizialmente opera di Leonardo.

La datazione al carbonio 14 non è più un problema

XXe Il secolo ha visto felicemente una via da scoprire Datazione al carbonio 14 Sviluppato da Willard Libby Nel 1949. Gli fu conferito il Premio Nobel per la Fisica nel 1960 (tuttavia, secondo un altro Premio Nobel, Emilio Segrè, gli fu suggerito prima Enrico Fermi Durante un seminario all’Università di Chicago). Purtroppo la cera della statua di Flora è una miscela di materiali diversi, un po ‘di cera d’api ma soprattutto tanta balena bianca (o spermaceti), a materia bianca Trovato nelle teste di alcuni cetacei come Capodoglio, Contenenti candele e Trigliceridi.

Tuttavia, sebbene sia organico e quindi contenga carbonio, la balenottera bianca riflette piuttosto il contenuto di carbonio-14 dell’oceano piuttosto che il contenuto diAtmosfera I cetacei respirano. Ma questo contenuto varia da regione a regione nell’oceano e passa più tempo tra la produzione di questo pari Dai neutroni derivati ​​indirettamente da Raggi cosmici Si scontrano con i nuclei di azoto-14 nell’atmosfera superiore e la loro fusione in un organismo oceanico, più che nel caso dei continenti. Quindi semplicemente non può essere usato per datare secondo la stessa cronologia di una dataEruzione del vulcano di SantoriniPer esempio.

READ  Certificato di vaccinazione: polemiche per i prossimi mesi | Scienza | Notizie | il Sole

In effetti, è come se avessimo diverse clessidre i cui tempi di scorrimento non fossero gli stessi e non sapessimo molto bene a quale attribuire.

Protoni, raggi X e raggi infrarossi sono le chiavi del puzzle

Ma come Lucille Beck E le sue colleghe Ina Reiche e Ingrid Caffy spiegano in un articolo per il quotidiano natura Nel suo dipartimento Rapporti scientificiLe moderne tecniche per la caratterizzazione e la datazione dei materiali hanno fornito una soluzione per decifrare l’entanglement della pelle. Ma per questo è stato necessario affidarsi ad altre opere di Richard Cockle Lucas “. Lida e il cigno (1850) e Donna e donna alate »(1848), ed è evidente che era anch’esso di bianco di balena e forse anche di cera d’api.

Come spiegato dal comunicato stampa del CEA sul lavoro dei tre ricercatori, la determinazione dei costituenti della cera e della loro origine marina o terrestre è il risultato di uno studio Emissioni Raggi X Atomi In risposta ai bombardamenti prima Protoni, Reso possibile dalla sonda nucleare Pixe di stabilizzazione nuovo Il Centro di ricerca e restauro museale, Francia (Il metodo ricorda il metodo basato sulla legge che Henry Moseley scoprì nel 1914 nel laboratorio di Ernest Rutherford che gli permise di identificare gli elementi semplicemente mediante l’emissione di raggi X atomici), che fu completato dalla spettroscopia a infrarossi al trasformata di Fourier (FT-IR), Gas cromatografia Fusa con Spettrometria di massa (GC-MS), laboratorio di ricerca di Rathgen (Allemagne).

La datazione finale dei campioni è stata eseguita con datazione al radiocarbonio presso il Carbon Measurement Laboratory (LMC14), a Saclay, mediante una spettrometria di massa con acceleratore.

I risultati ottenuti hanno dimostrato la correttezza di un’ipotesi preliminare, ovvero che le candele del busto di Flora abbiano rilievo. Lida e il cigno »Dal 1850 hanno composizioni molto simili, con il bianco di balena predominante (85%) mescolato con un po ‘di cera d’api (15%), quindi entrambi hanno la stessa origine.

READ  Sano Croc alla Le Rocher School

Infine, queste candele hanno un’età compresa tra il 1704 e il 1950. Quindi è impossibile che un busto di Flora sia realizzato da Leonardo Da Vinci.

La fisica scoprirà il murale perduto di Leonardo da Vinci?

Articolo di Laurent Saco Pubblicato il 26/10/2007

Questo potrebbe essere l’inizio della fine dei misteri della pittura murale perduta di Leonardo da Vinci: Battaglia di Anghiari. Il laser, la telecamera a infrarossi e i raggi di neutroni saranno utilizzati da Maurizio Seracini e dai colleghi dell’Università di San Diego per vedere se sono davvero indietro. Parete Il Palazzo Vecchio, A Firenze.

La storia dell’arte è tutt’altro che scolpita nella pietra. L’architetto Maurizio Ceracini ha trascorso 30 anni alla ricerca del murale perduto di Leonardo da Vinci, “La battaglia di Anghiari”, e nel frattempo ha scoperto che molti dei dipinti contengono strati di storia nascosti sotto. Dovrebbero anche far parte dell’esperienza visiva? © TED Conferences, LLC.

Battaglia di Anghiari È una delle opere leggendarie di Leonardo da Vinci. Era una celebrazione della vittoria di Firenze MilanoNel 1440 fu ordinato a Leonardo nel 1504 da Piero Sudirini, alto personaggio della Repubblica Fiorentina, contemporaneamente alla Battaglia di Cassina a Michelangelo, all’inizio del Cinquecento. I due illustri artisti, odiandosi a vicenda, gareggiavano nel padiglione 500, una delle sale principali di Palazzo Vecchio dove si riunivano i notabili di Firenze.

Secondo la leggenda, volendo sperimentare una nuova tecnica per il murale, e cercando di accelerarne l’asciugatura, Leonardo distrusse solo l’opera da lui iniziata. Lasciò quindi Firenze nel 1506, lasciando il suo lavoro incompiuto. Pochi anni dopo, Giorgio Vasari, grande appassionato di Leonardo e autore di una celebre opera sulla storia degli artisti rinascimentali, fu chiamato per illustrare la Battaglia di Marciano.

L’opera per la gloria dei Medici esiste ancora, ma da diversi anni viene da chiedersi se il Vasari, come ha già fatto con gli altri pittori, non avrebbe protetto ciò che restava della pittura murale di Leonardo con un muro di mattoni. Sappiamo che l’affresco era considerato un capolavoro molto bello di Leonardo dai suoi contemporanei, come l’Ultima Cena, e ne sono state fatte alcune copie, tra cui quella di Rubens. Tuttavia, a rigore, nessuno sa con certezza, non solo se l’affresco sia stato effettivamente danneggiato da Leonardo con i camini, o anche se il Vasari lo distrusse per consentire lo svolgimento della sua missione.

READ  Università di Parigi accusata

Strana iscrizione

L’interesse per questa domanda fu rinnovato quando l’ingegnere italiano Maurizio Seracini ne fu famosoRichiesta Dalle tecniche fisiche all’analisi delle opere d’arte, in particolare dei dipinti, esaminando da vicino l’affresco del Vasari, ho trovato una strana iscrizione in italiano: “ Cerca Il che potrebbe significare. Cerca e troverai ».

Seguirono vari studi in archivio e mediante una telecamera ad infrarossi, radar e raggi X, che fecero sospettare l’esistenza di una doppia parete recante un pannello vasariano dietro la doppia parete separata dalla prima. Il Vasari, non potendo ridursi a rovinare l’opera di colui che tanto ammirava, avrebbe ingannato i Medici conservando l’affresco di Leonardo per i posteri.

Per scoprire se questa ipotesi è corretta, il modo più semplice è, ovviamente, depositare l’affresco vasariano. È chiaro che questa decisione non può essere presa alla leggera e lasciata lì.

Più recentemente, nelle Riserve di Palazzo Vecchio, sono stati ritrovati i resti in laterizio che hanno portato alla realizzazione del muro del padiglione 500 recante un affresco del Vasari. Attualmente sono in fase di buona analisi a San Diego.

Tra pochi mesi il murale verrà nuovamente scansionato con laser, infrarossi e una migliore conoscenza della parete e della composizione della parete Pigmenti Il murale dovrebbe consentire una buona ricostruzione, in 3 dimensioni, dall’insieme. Se l’immagine della cavità diventa più chiara, viene utilizzato un fascio di neutroni per rispondere alla domanda cruciale: Possiamo rischiare di danneggiare il murale del Vasari per andare alla ricerca del murale perduto di Leonardo? »

Si spera che, dopo trent’anni di lavoro, Maurizio Seracini sia famoso in tutto il mondo per un motivo diverso dall’essere esplicitamente descritto nel libro di Dan Brown ”, Il codice da Vinci ».

Ti interessa quello che hai appena letto?