Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La FIA impone nuove misure a tutela della salute dei conducenti

Tra i motivi che potrebbero spiegare il predominio della Red Bull in Belgio c’è la configurazione del circuito, e nello specifico il sorpasso dell’Eau rouge, questa pressione prima della salita del Raidillon che costringe le squadre ad alzare l’altezza da terra dalla monoposto per non urtare il asfalto duro.

È stato notato a Spa-Francorchamps che i singoli sedili generano molte scintille provenienti dal fondo piatto e dai bordi in titanio della tavola forzata (FIA per usura) avvitata sotto la vettura.

Ingrandisci l’immagine (Una nuova finestra)

La McLaren di Lando Norris su Raidillon

Foto: Getty Images / Rudy Carezzevoli

La Mercedes-Benz W13, la Ferrari F1-75 e l’Aston Martin AMR22 devono essere in pista per affari. Soffrono di una mancanza di supporto quando l’altezza da terra è troppo elevata, costringendo gli ingegneri a preferire configurazioni meccaniche molto rigide.

Al contrario, la Red Bull RB18 beneficia di una maggiore altezza da terra, un concetto aerodinamico perfettamente padroneggiato dall’aerodinamico Adrian Newey e che ora offre un chiaro vantaggio a Max Verstappen.

A spiegare il predominio della Red Bull, ci sono anche nuove indicazioni tecniche della FIA per affrontare le focene che quest’anno stanno causando dolore ai piloti. Alcuni sono rimasti gravemente feriti per le strade di Baku in Azerbaigian, spingendo la FIA a intervenire.

Un pilota abbassa la testa e tiene la parte bassa della schiena e la mano sinistra sulla cinghia della fotocamera del suo sedile singolo.

Lewis Hamilton ha sofferto di mal di schiena e ha lottato per uscire dalla sua vettura alla fine del Gran Premio dell’Azerbaigian.

Foto: TSN/Formula Uno

Hog wobble è l’oscillazione aerodinamica verticale causata dall’improvvisa perdita di carico aerodinamico quando l’auto si attacca alla pista a causa dell’effetto suolo nella parte posteriore in F1.

READ  Disturbi dell'apprendimento o modalità esploratore del cervello?

Nelle immagini televisive, i singoli sedili sembrano rimbalzare sulla pista in linea retta.

Rischi di shock a lungo termine

La FIA ha chiesto alla professione medica di analizzare il fenomeno e le conclusioni sono chiare: oscillazioni di 1-2 Hz (la ripetizione di un evento) per alcuni minuti possono causare danni cerebrali, e i conducenti sperimentano vibrazioni di 6-6 Hz per diverse ore .

Il modo per contrastare le focene è aumentare l’altezza da terra, il che è dannoso per Mercedes-Benz e Ferrari.

Le pelli di maiale non sono scomparse del tutto a Spa-Francorchamps, come si vede dalle foto di bordo, ma le squadre hanno dovuto fare domanda per la prima volta a Spa-Francorchamps con i provvedimenti imposti dalla FIA.

Per proteggere i piloti da possibili commozioni cerebrali o dolori alla colonna vertebrale, la FIA ha fatto la sua parte, ed ha potuto far rispettare queste misure senza l’approvazione unanime delle squadre, in quanto questione di sicurezza, come da regolamento sportivo stipulato.

Dopo il Gran Premio dell’Azerbaigian, particolarmente difficile fisicamente per i piloti, le squadre hanno ricevuto una guida tecnica a Montreal il 16 giugno, prima del fine settimana del Gran Premio del Canada.

L’aggiornamento è stato inviato ai team per consentire loro di eseguire le proprie analisi per capire quali modifiche, se presenti, dovranno implementare per essere conformi quando la guida tecnica entrerà in vigore.Lo ha spiegato la Fia in un comunicato.

Così la FIA ha presentato due benchmark per il resto della stagione nel fine settimana del Gran Premio del Belgio:

  • Inasprimento delle regole relative alla durezza del pavimento. Ferrari e Red Bull avrebbero potuto già interpretare il regolamento per aumentare la flessibilità del pianale in modo da abbassare la monoposto una volta in pista. Queste due squadre hanno provato a confrontarsi con la FIA, ma senza successo. Mercedes-Benz non avrebbe scelto lo stesso approccio.
  • Installazione di sensori per misurare l’oscillazione aerodinamica che determina il delta tra la posizione bassa e alta di ogni veicolo. L’accelerometro registra tutti gli impatti verticali oltre il 3G e imposta la soglia di energia (causata dalla forza degli impatti) che le bande non possono superare.

La FIA ha imposto misure anche per la stagione 2023:

  • Le squadre dovranno alzare il fondo piatto di 15 mm, pena la morte. L’aumento, ovviamente, ha un impatto diretto sul livello di prestazioni della vettura. La FIA ha voluto imporre un’altezza di 25 mm, ma diverse squadre si sono opposte ed è stato raggiunto un compromesso.
  • Le squadre dovranno ridisegnare il loro diffusore monoposto (attorno all’impianto di scarico del gas) in modo che sia posizionato più in alto, modificando l’effetto suolo creato dall’orientamento dei flussi d’aria.

Pertanto, le squadre possono già incorporare queste nuove misure nel design della loro monoposto 2023, che è già in lavorazione.