Agosto 15, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Ferrari stabilisce profitti record con il boom delle vendite di supercar | Industria automobilistica

La Ferrari ha registrato vendite e profitti trimestrali record poiché le preoccupazioni per l’economia globale non sono riuscite a smorzare l’entusiasmo tra gli acquirenti di auto di lusso.

Il produttore italiano di auto sportive ha aumentato le sue previsioni di ricavi e profitti per l’intero anno dopo aver raggiunto un record nel secondo trimestre, sulla scia della popolarità di nuovi modelli e della forte domanda in Cina e nelle Americhe.

La società, l’ultimo produttore di auto di lusso o supercar a registrare profitti record dopo Lamborghini e Bentley, ha affermato che le spedizioni sono aumentate del 29% su base annua a 3.455 unità nei tre mesi fino alla fine di giugno.

La Ferrari ha affermato che le vendite sono state guidate dai modelli della famiglia Portofino M e F8 poiché le spedizioni totali di veicoli in Cina, Taiwan e Hong Kong sono raddoppiate da 166 a 358 su base annua e sono aumentate del 62% a 1.053 nelle Americhe.

La forte domanda, che includeva gli ordini netti di Ferrari che hanno raggiunto un nuovo massimo nel trimestre, ha aumentato l’utile netto del 22% a 251 milioni di euro (210 milioni di sterline), mentre i ricavi sono aumentati di un trimestre a 1,3 miliardi di euro.

“Ferrari sta vendendo più unità che mai nella sua storia”, ha affermato l’analista di Citi Gabriel Adler, poiché l’azienda mira a compensare il calo dei ricavi dalla fine delle vendite in serie limitata della Monza SP1 da oltre 1 milione di euro. e modelli SP2.

La Ferrari è passata ad aumentare la sua previsione di fatturato per l’intero anno a 4,9 miliardi di euro, da 4,8 miliardi di euro, e l’utile a una gamma da 1,15 miliardi di euro a 1,18 miliardi di euro, rispetto a una precedente previsione di 1,1 miliardi di euro a 1,15 miliardi di euro.

“La qualità dei primi sei mesi e la forza della nostra attività ci consentono di rivedere la nostra guida al rialzo per il 2022 su tutti i parametri”, ha affermato Benedetto Vigna, CEO di Ferrari.

A giugno, la società, con sede a Maranello e quotata a Milano, nel nord Italia, ha rivelato l’intenzione di produrre l’80% dei suoi modelli in auto elettriche e ibride entro il 2030.

Nel suo più recente aggiornamento trimestrale, le auto con motori a combustione interna convenzionali rappresentavano l’83% delle consegne, mentre i modelli ibridi rappresentavano solo il 17% delle spedizioni.

La scorsa settimana, l’Aston Martin ha riferito che le perdite ante imposte sono crollate a 285,4 milioni di sterline nella prima metà di quest’anno, poiché la carenza della catena di approvvigionamento ha influito sulla produzione, lasciando incompiute centinaia delle sue supercar.

Iscriviti alla posta quotidiana di Business Today o segui Guardian Business su Twitter su BusinessDesk

Tuttavia, il mercato delle auto di lusso e delle supercar in generale continua a prosperare.

Il mese scorso, un rapporto della società di revisione UHY Hacker Young, che ha compilato i numeri delle agenzie di guida e patente di guida, ha rilevato che i ricchi del Regno Unito pullulano di auto di lusso più che mai.

Più di 18.000 supercar – come i modelli Ferrari, Bugatti, Aston Martin, Maserati e Koenigsegg – sono state immatricolate nei titoli britannici nel 2021, con un aumento del 19% rispetto al 2020.

READ  L'hot dog coreano è finalmente arrivato a Little Italy