Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Federcalcio ungherese difende i suoi tifosi in un caso razzista – Notizie sportive, Firstpost

L’autorità ha promesso di agire contro i tifosi che “sono entrati nello stadio e hanno lanciato razzi e tazze”, ma ha insistito sul fatto che qualsiasi “disabile” apparteneva alla minoranza e non ha fatto riferimento in una dichiarazione agli abusi razzisti.

Venerdì la Federcalcio ungherese ha difeso la “grande maggioranza” dei tifosi inglesi dopo che i giocatori inglesi sono stati oggetto di abusi razzisti durante una partita di qualificazione ai Mondiali a Budapest.

L’autorità ha promesso di agire contro i fan che “sono entrati in campo e hanno lanciato razzi e tazze”, ma ha insistito sul fatto che eventuali “persone disabili” appartenessero alla minoranza e non ha fatto riferimento in una dichiarazione all’abuso razziale.

“La stragrande maggioranza dei 60.000 tifosi che hanno visitato la Puskas Arena ha sostenuto la squadra nazionale ungherese in modo sportivo, anche quando la squadra stava già perdendo”, si legge in una nota.

“In loro difesa è lui che deve identificare i vandali e punirli severamente”.

La federazione ha affermato che i tifosi, autoidentificati e condannati per essere entrati nello stadio e aver lanciato razzi e coppe, dovranno affrontare una squalifica di due anni dagli eventi sportivi insieme a multe.

I canti delle scimmie sono stati diretti ai giocatori inglesi Raheem Sterling e Judd Bellingham durante la partita di giovedì alla Puskas Arena di Budapest, che i secondi classificati del Campionato Europeo 2020 hanno vinto 4-0.

La FIFA ha promesso di agire in merito alle violazioni, mentre venerdì il primo ministro britannico Boris Johnson ha definito gli incidenti “totalmente inaccettabili”.

“Esorto (l’organo di governo globale) FIFAcom a intraprendere azioni forti contro i responsabili per garantire che questo tipo di comportamento vergognoso venga eliminato definitivamente dal gioco”, ha scritto Johnson su Twitter.

READ  Voci di trasferimento: Kane, Tillman, Martinez, Remo, Nandez, Romero, Wijnaldum, Ramsey

In risposta alle sue osservazioni, il ministro degli Esteri ungherese Peter Szyjjatou-Johnson ha messo in guardia contro “l’ipocrisia”.

“Con tutto il rispetto per il Primo Ministro, dico che a mio avviso l’ipocrisia su una questione così seria dovrebbe essere evitata”, ha detto in una dichiarazione video sulla sua pagina Facebook.

“Tutti hanno potuto vedere nella finale di Euro 2020 (a Wembley) come i tifosi inglesi hanno trattato gli italiani”, ha detto.

“Non si sente nemmeno l’inno italiano per i fischi dei tifosi inglesi, figuriamoci per gli insulti dopo la partita, quindi non c’è posto per l’ipocrisia nello sport o nella politica”.

In un altro post su Facebook ha chiesto se i giocatori inglesi che hanno protestato per l’atmosfera di Budapest si fossero lamentati anche dei fischi dell’inno italiano prima della finale di luglio.