Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La famosa cantante brasiliana Gal Costa è morta all’età di 77 anni

Rio de Janeiro – La cantante Gal Costa, uno dei simboli dei movimenti musicali popolari nella regione tropicale e brasiliana, vissuta per quasi sessant’anni, è morta mercoledì. Aveva 77 anni.

La sua morte è stata confermata da un rappresentante della stampa che non ha fornito ulteriori informazioni.

Il soprano dai capelli scuri e ricci era noto per aver prestato la sua voce unica a brani come “Aquarela do Brasil” (Gli acquerelli del Brasile) di Tom Jobim, “Dindi” di Jorge Ben Jor, “Que Pena” (Che vergogna) e Caetano Veloso “Bambino”.

“Gal Costa è stato tra i migliori cantanti del mondo e tra i nostri principali artisti che hanno portato il nome e i suoni del Brasile in tutto il pianeta”, ha scritto su Twitter il presidente eletto Luiz Inacio da Silva insieme a una foto di se stesso mentre la abbraccia. “Il suo talento, il suo stile e il suo coraggio hanno arricchito e rinnovato la nostra cultura, plasmando e segnando la vita di milioni di brasiliani”.

Nato nello stato nord-orientale di Bahia, Costa María da Graça Pena Burgos è apparso accanto alle future leggende Veloso, Gilberto Gil e María Bezaña.

Erano già artisti solisti di successo quando formarono la band Doces Bárbaros. Il loro progetto parallelo congiunto è diventato un importante riferimento alla controcultura durante i due decenni di dittatura militare del Brasile, ispirando un disco, un tour e un film documentario.

Nel 2011, Costa ha ricevuto il Latin Grammy Lifetime Achievement Award.

È rimasta un’artista attiva quasi fino alla fine, avendo recentemente sospeso gli spettacoli per sottoporsi a un intervento chirurgico a una delle sue narici. Il suo prossimo concerto era previsto per il 17 dicembre a San Paolo.

READ  Netflix annuncia una crescita degli abbonati migliore del previsto grazie a "Squid"

Copyright 2022 L’Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.