Maggio 12, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La disputa sul Mar Cinese Meridionale ha scatenato un osceno tweet cancellato dal ministro degli Esteri filippino Teodoro Luxin

Manila: In un osceno messaggio su Twitter, il ministro degli Esteri filippino ha chiesto che le navi cinesi escano dalle acque contese, nell’ultimo scambio di battute con Pechino sulle loro attività nel Mar Cinese Meridionale.

I commenti fatti lunedì da Teodoro Luxen Jr., che urla ripetutamente, arrivano sulla scia delle proteste di Manila per quella che descrive come la presenza di centinaia di barche cinesi all’interno della ZEE filippina.

“Il solito dolce discorso sulla diplomazia non funziona”, ha detto Teodoro Luxen, ministro degli Esteri filippino. Attribuisci a lui:GT

“China, amico mio, come posso spiegarlo educatamente? Luxen ha detto in un tweet sul suo account personale, fammi vedere … O … prendi un F —.”

“Cosa stai facendo per la nostra amicizia? Tu. Non noi. Stavano provando. Tu. Sei come un uomo brutto che costringe la tua attenzione su un bel ragazzo che vuole essere un amico;” Luxin disse: “Non essere il padre di un boicottaggio cinese “.

Dopo aver rimproverato Luxen sui social media per il suo “linguaggio studentesco”, non si vergogna, dicendo che “il solito dolce discorso diplomatico non ottiene nulla”.

L’ambasciata cinese a Manila non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Funzionari cinesi hanno detto in precedenza che le navi nella contesa Whitsun Reef erano barche da pesca che si riparavano dal mare agitato.

La Cina rivendica quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, attraverso il quale transitano ogni anno circa 3,8 trilioni di dollari di scambi effettuati dalle navi. Nel 2016, un tribunale arbitrale dell’Aia ha stabilito che la causa, su cui Pechino si basa sulle sue vecchie mappe, è in conflitto con il diritto internazionale.

READ  Mar Cinese Meridionale: l'Australia "scoraggia" l'attacco di Pechino a Taiwan con "grande forza" | Il mondo | notizia

In un comunicato diffuso lunedì, il Dipartimento filippino degli affari esteri ha accusato la Guardia costiera cinese di “oscuramento, ostruzione, manovre pericolose e sfide wireless alle navi della Guardia costiera filippina”.