Giugno 14, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“La dimensione culturale dell’ecologia è leggermente rialzata, ma è fondamentale”.

Mentre la crisi sanitaria scuote il mondo culturale, i cinema e le arti dello spettacolo sono in declino. Ma anche la nostra cultura politica: le convulsioni tra destra e sinistra, l’ambiente che la legge sul clima ha impoverito, l’economia per sopravvivere … questa dispersione delle emergenze è una fonte comune: la nostra cultura.

Perché la cultura non è solo spettacolo o intrattenimento. È anche la base dei valori che compongono un’azienda. In quanto tale, l’ambiente, come la politica, sono due temi molto culturali: ci modellano, ci connettono ed entrambi richiedono immaginazione.

Nuove fantasie

La repubblica è anche una cultura. I suoi diritti e doveri non sono solo una fredda successione di leggi. Mi ci è voluto molto tempo per immaginare una repubblica per realizzarla, per essere creativa. Lo stabilimento è sempre accompagnato da una fertile fantasia. Questa immaginazione è un programma completo che promette una vita migliore: poi realizza le aspirazioni dei cittadini e le prende su di sé.

L’immaginazione rivoluzionaria francese si può riassumere in tre parole: Liberté-Égalité-Fraternité. Come definiamo l’immaginazione ambientale? Natura – rispetto – amore? Uguaglianza – diversità – libertà? Tuttavia, l’immaginazione ambientale non è solo ambientale. Quando i giovani manifestano per il clima, protestano anche per il diritto di sognare e per il diritto alla vita e al lavoro. Perché come costruire un “mondo al di là” senza desideri o speranze. O senza immaginarlo? Tra questi sogni c’è sempre qualcosa.

“Con un sogno, formulano un nuovo strumento culturale che porterà alla società”.

A livello politico, le “nuove immaginazioni” del ventunesimo secolo sono la prima fase creativa del razzo sociale di domani. Pertanto, i giovani devono essere ascoltati nelle loro richieste. Il nostro presente e il nostro futuro dipendono da questo. Con un sogno, formulano un nuovo strumento culturale che desidera guidare la società. Questo strumento è politico e sociale.

READ  Certificato di vaccinazione: polemiche per i prossimi mesi | Scienza | Notizie | il Sole

Teoria del gap

Tuttavia, l’attuale retorica – sia anti-ambientale che ambientale – non plasma la società. Ci dispiace. Tutti hanno un interesse per l’eccellenza e l’autismo è dalla loro parte. Questa è la teoria del divario, organizzata dai giochi di ruolo. Liberali contro i grandi cuori, economia contro l’umanità, Robin Hood contro i taglialegna, ecc.

Spesso spiegare la vita attraverso l’economia e la gestione è una mancanza di prospettive. La promessa economica spesso si riduce a una formula: andare avanti. Anche l’attività verde conosce i suoi limiti. È davvero una tattica, ma non è una politica. Inoltre, salvare il pianeta non è un progetto politico, ma l’argomento principale al momento. Resta da dimostrare che l’io può ideare una politica che generi una cultura.

“Quasi tutti, nella cultura occidentale, predica un equilibrio tra i bisogni umani e le risorse terrene”.

La responsabilità per la qualità o il degrado di un dibattito è sempre condivisa e la legge sul clima non fa eccezione. Le scommesse sono ambientali, politiche e culturali. Tuttavia, le prime due leve sono attivate e sono oggetto di discussione, ma la terza leva è lasciata libera. E questo è da entrambe le parti. Crediamo che per unire la società non sarà solo necessario legiferare o manifestare. Dobbiamo essere persuasi e in questo gioco la politica politica appare impotente. La dimensione culturale dell’ecologia è stata leggermente innalzata ma comunque fondamentale.

Ambiente culturale

Presentare l’ambiente come una novità è un triplice errore. Errore scientifico, storico e psicologico. Prima scientificamente, perché l’ecologia è l’economia e le interrelazioni degli esseri viventi. Non abbiamo aspettato il liberalismo o l’ambiente politico perché la vita emergesse sulla Terra. Storicamente, quindi, i testi abbondano sulla necessità di preservare gli ecosistemi, dall’antichità ai giorni nostri. Aristotele, Platone, Montaigne, La Fontaine, Rousseau, Sand, Hugo, prima di Hulu o Greta Thunberg.

READ  Covid-19 a Yellowknife: salute pubblica rassicurante

Quasi tutti nella cultura occidentale annunciano un equilibrio tra i bisogni umani e le risorse terrene. Spesso sono le stesse parole che usano i nostri ragazzi. Non lo sappiamo perché non ci è stato detto. Leggiamo, insegniamo e poi facciamo un vero lavoro di educazione popolare in ecologia. E infine, il terzo errore è quello psicologico: si apprezza il rinnovamento dell’aspetto del capo, dell’auto o dell’acconciatura. Ma a chi piace vedere la sua vita sconvolta? In effetti, temiamo il rinnovamento. È allo stesso tempo una perdita di conoscenza, meraviglia e un’immersione nell’ignoto.

Una necessità repubblicana

Evidenziare l’ambiente culturale come parte integrante della nostra civiltà significa andare oltre il sarcasmo e le parolacce. Ci sono anche alcuni esempi contrari nella storia, ma tanto meglio. Non è compito della democrazia discutere la sua cultura e le sue radici? Il progresso senza dibattito o adesione alla fede non è affatto repubblicano.

L’ecologia, che è la scienza degli esseri viventi, non deve astenersi dal possedere una memoria.

Ciò che rende la società, ciò che unisce le persone in una repubblica o in qualsiasi altro luogo, sono costanti. Precedenti, paternità che stabiliscono il presente agiscono e incoraggiano il futuro. La Francia contemporanea si basa su una narrativa nazionale e internazionale, tessuta nei secoli. Dobbiamo ora aggiungere il filo dell’ecologia perché c’è ogni posto per esso, culturalmente, politicamente e socialmente.

L’ecologia, la scienza degli esseri viventi, non deve astenersi dal possedere una memoria. Lascia che si metta in posa per arricchire la discussione e dipingi un ponte sulle trincee.

Leggi anche: Ecologia: agisci con, contro o senza istituzioni?

Scrittore :

Patrick Scheider, autore Per un pensiero ecologico positivo (Beilin)

READ  Johnson & Johnson, AstraZeneca: quale vaccino è in questione? - Salute

Firmatari partecipanti:

Allen Bogreen-Doburg, Presidente della LPO (Bird Protection Association)

Sebastian Folin, produttore, presidente onorario di Atmosphere Festival

Jonathan Atias, utopia, autore Fertile disobbedienza (Payot)

Pierre Gilbert è un autore ed esperto di clima presso l’Istituto Rousseau

Quentin Jagorell, funzionario senior, consigliere locale, direttore