Maggio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La dieta dimagrante non funziona

Dieta Montignac, ipocalorica, dieta chetogenica… diete e diete si susseguono sempre con lo stesso risultato, fallimento. L’industria della perdita di peso è in forte espansione a causa di questi fallimenti. “Questa industria è una macchina per stampare denaro sulle spalle delle vittime della cultura della dieta”, ha affermato il ricercatore Benoit Arsinoe.

considerato dS Arsenault è professore associato presso il Centro di ricerca dell’Istituto universitario di cardiologia e malattie polmonari in Quebec, dove la sua ricerca si concentra su obesità, diabete e malattie del fegato grasso. Misura il legame tra obesità, salute e dieta.

Fino a che punto il sovrappeso è un fattore di rischio per la salute?

Benoit Arsino: Studi molto forti in grandi gruppi hanno dimostrato che il rischio di soffrire di malattie come il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari o alcuni tipi di cancro è correlato al nostro peso. Nessun dubbio su questo. Ma è molto difficile mettere in relazione i dati della popolazione con i dati individuali.

Pertanto, le persone magre si ammaleranno a causa di abitudini di vita non ottimali. Al contrario, non tutte le persone in sovrappeso soffriranno necessariamente di malattie. Alcune donne immagazzinano il loro grasso nei fianchi o nelle cosce senza le conseguenze metaboliche associate al sovrappeso.

Infatti, a volte sentiamo dire che il grasso cattivo è quello che si deposita nella pancia. che dire ?

Laurea: Infatti, è stato dimostrato per 40 anni che l’importante non è necessariamente la quantità assoluta di grasso, ma dove si trova quel grasso nel corpo.

È improbabile che i grassi immagazzinati nelle nostre cellule adipose portino all’insorgenza della malattia. Ma a un certo punto, le cellule di grasso saturo non possono più immagazzinare grasso. Il grasso poi viaggia nel flusso sanguigno e si trova nell’addome, nel cuore, nel pancreas, nel fegato e nei muscoli. Questo tipo di obesità è legato a problemi di colesterolo e pressione alta, fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari. Questi grassi sono coinvolti anche nella regolazione della sensibilità all’insulina, e quindi sono legati al rischio di diabete di tipo 2.

READ  Covid-19 e fattori genetici che ne influenzano la gravità

Queste persone non dovrebbero perdere peso per ridurre il rischio?

Laurea: Sebbene il sovrappeso aumenti il ​​rischio di malattie, la scienza non ha ancora dimostrato che la dieta riduca questo rischio. Per le malattie cardiovascolari, ad esempio, l’American Heart Association ha pubblicato nel maggio 2021 AD dichiarazione scientifica Non ci sono ancora studi per dimostrare che perdere peso attraverso la dieta o l’attività fisica abbia un effetto sul rischio di malattie cardiovascolari.

D’altra parte, decine di studi indicano che le diete dimagranti non funzionano per la stragrande maggioranza delle persone. Indipendentemente dalla dieta e dal modo in cui perdono peso, è relativamente facile per alcune persone perdere qualche chilo in tre mesi, sei mesi o un anno. Ma alla lunga il peso tornerà a quello di prima. Una dieta che finisce con un fallimento e poi un altro porta a cicli di perdita e aumento di peso. Li chiamiamo la dieta yo-yo. Questi cicli hanno dimostrato di essere un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Quindi come ridurre il rischio di malattie cardiovascolari?

Laurea: Spesso pensiamo che dobbiamo perdere peso completamente per essere più sani, ma questo è completamente sbagliato. Possiamo ripristinare le nostre abitudini di vita essendo più attivi e mangiando meglio. È stato dimostrato che ridurre il consumo di prodotti ultralavorati o ad alto contenuto di sodio può abbassare la pressione sanguigna, il colesterolo e la glicemia. dieta mediterranea [composée de fruits, de légumes et de céréales, pauvre en sel et en sucre et exempte d’aliments transformés] Ha un effetto nell’abbassare il colesterolo nel sangue e la pressione sanguigna. un studio Spiega che una dieta in stile mediterraneo riduce il rischio di malattie cardiovascolari, ma non influisce sul peso.

READ  Dopo essersi ripresi dal Covid-19, hanno accettato di reinfezione per la scienza

E l’attività fisica?

Laurea: Spesso viene suggerito alle persone di essere fisicamente attive per perdere peso e sono deluse dal fatto che la stragrande maggioranza non lo perderà.

Se siamo attivi quotidianamente, aumentiamo la nostra capacità cardiorespiratoria e la sensibilità all’insulina, riduciamo il grasso nei nostri muscoli e miglioriamo molti processi biologici. Questo riduce il rischio di malattie cardiovascolari, senza necessariamente portare alla perdita di peso. Ci sono alcuni enormi benefici per la salute nel solo fare esercizio ogni giorno, indipendentemente dal fatto che tu stia perdendo peso o meno.

Quando parliamo di perdere peso per ottenere un peso sano, stiamo inviando il messaggio sbagliato allora?

Laurea: Da 40 anni la cultura della dieta e del dimagrimento ha impiantato nel cervello l’idea che bisogna essere magri per essere sani. Questa cultura porta a una relazione tossica con il cibo e il corpo. Mina l’autostima. Alle persone che sono al di sopra della media viene ripetutamente detto che dovrebbero mettersi a dieta. Spesso, perdere peso è il biglietto di sola andata per i disturbi alimentari. In questo momento, siamo in un’epidemia di disturbi della salute mentale, e questa coltivazione del corpo perfetto e la restrizione calorica contribuiscono notevolmente a questo.

Dobbiamo disfare 40 anni di messaggio pubblico ed essere meticolosi sull’assoluta necessità di perdere peso per essere più sani ed essere una persona migliore nella nostra società. Dobbiamo smettere di dire che dobbiamo mangiare bene ed essere attivi per perdere peso. Abbiamo bisogno di mangiare bene ed essere attivi per migliorare la nostra salute, indipendentemente dal fatto che stiamo perdendo peso o meno.

READ  Dio ci protegga dai virus?