Luglio 31, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Corte Suprema chiude un procedimento penale in India contro i marines italiani per l’uccisione di pescatori indiani nel 2012

Martedì la Corte Suprema ha ordinato la chiusura del procedimento penale in India contro due marò italiani, accusati di aver ucciso due pescatori al largo del Kerala nel febbraio 2012, e ha chiesto all’Alta Corte del Kerala di vigilare sull’assegnazione del risarcimento di Rs 10 crore alla eredi della vittima.

La sede di recesso dei giudici Indira Banerjee e Mr. Shah ha notificato alla FIR e agli atti del procedimento contro i Marines italiani.

Il tribunale ha detto che in accordo con il lodo arbitrale internazionale accettato dall’India, l’Italia riprenderà ulteriori indagini sul caso contro i Marines – Massimilano Latorre e Salvatore Gironi.

L’Alta Corte ha definito “ragionevole e adeguata” la compensazione di 10 crore pagata dall’Italia in aggiunta all’importo già pagato.

Leggi anche: Depositi di risarcimento per pescatori indiani uccisi dai marò italiani, racconta il Centro a SC

Ha detto che per un compenso di compensation 10 crore, Rs 4 crore ciascuno dovrebbe essere depositato a nome degli eredi di due pescatori deceduti del Kerala e Rs 2 crore al proprietario della barca.

L’Alta Corte ha affermato che la somma di Rs 10 crore depositata nel registro dell’Alta Corte sarà trasferita all’Alta Corte del Kerala, che effettuerà un deposito fisso di Rs 4 crore ciascuno a nome degli eredi dei pescatori deceduti per qualche tempo .

L’autorità ha affermato che gli eredi dei pescatori potranno ritirare l’importo degli interessi durante il periodo del deposito fisso dei fondi di compensazione, in modo che i fondi non vengano completamente sottratti.

Nel febbraio 2012, l’India ha accusato due marines a bordo della petroliera italiana MV Enrica Lexie di aver ucciso due pescatori indiani che si trovavano a bordo di un peschereccio nella zona economica esclusiva dell’India (ZEE).

READ  Euro 2020: lunedì le scuole e le imprese aprono fino a tardi per far assistere alla finale

L’11 giugno la Corte Suprema ha detto che avrebbe ordinato la chiusura del procedimento in India contro i marò italiani. In precedenza, il governo del Kerala ha informato l’Alta Corte che ciascuno di Rs 4 crore sarebbe stato dato agli eredi di due pescatori deceduti e che il restante Rs 2 crore sarebbe stato pagato al proprietario del peschereccio St Anthony su cui si trovavano i due. Lo voleva morto.

L’Alta Corte aveva affermato che era dell’opinione che il denaro del risarcimento sarebbe stato trasferito all’Alta Corte del Kerala per l’esborso e per garantire che l’importo non scomparisse.

Il Centro aveva precedentemente notificato all’Alta Corte che l’Italia aveva depositato ₹ 10 crore oltre alla dotazione prepagata, e il Ministero degli Affari Esteri dell’Unione aveva depositato presso la Cancelleria dell’Alta Corte come indicato.

Leggi anche: L’India non ha “giurisdizione” per perseguire i marines italiani nel caso di omicidio di pescatori, afferma Hague-PAC

“C’è stato un premio dalla Corte internazionale e l’abbiamo accettato come nazione. L’accordo è tra la Repubblica italiana, l’India e il governo del Kerala”, ha affermato il procuratore generale Tushar Mehta.

Mehta ha affermato che la controversia davanti alla corte internazionale riguardava quale paese, l’Italia o l’India, aveva giurisdizione per perseguire i marines, ed è stato stabilito che entrambi i paesi avevano “giurisdizione comune”.

“Ma sulla base dei fatti, è stato deciso che l’India non perseguirà il procedimento penale e avvierà il procedimento in Italia”, ha affermato.

Il centro ha anche detto alla Corte Suprema che l’Italia aveva assicurato al governo indiano che avrebbe citato in giudizio i Marines lì secondo la legge e che sarebbe stato garantito il massimo risarcimento ai familiari delle vittime.

READ  Notizie dall'UE: l'economista avverte che l'Italia deve affrontare la "disoccupazione permanente" | Città e affari | finanza

Il centro aveva citato la sentenza dell’anno scorso della Corte permanente di arbitrato (PCA) dell’Aia che ha stabilito che l’India aveva diritto a un risarcimento nel caso, ma non poteva citare in giudizio i marines a causa dell’immunità formale di cui godevano.

Aveva detto che l’arbitrato ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), istituito su richiesta dell’Italia, aveva emesso il lodo il 21 maggio 2020.

Latorre, colpito da un ictus il 31 agosto 2014, è stato rilasciato prima su cauzione e il 12 settembre 2014 la Corte Suprema gli ha permesso di recarsi in Italia per quattro mesi dopo i quali la proroga è stata prorogata.

In Italia, Latorre è stato operato al cuore, dopo di che la Corte Suprema gli ha concesso una proroga del soggiorno nel suo paese natale.

Il 28 settembre 2016, la Corte Suprema ha consentito a Latorre di rimanere nel suo Paese fino a quando un tribunale arbitrale internazionale non decidesse sulla questione della giurisdizione.

Il 26 maggio 2016 anche Jeroni è stato rilasciato su cauzione con determinate condizioni e la Corte Suprema gli ha permesso di tornare a casa fino alla decisione del caso giudiziario.

Freddy, proprietario del peschereccio ‘St Anthony’, fece uccidere due pescatori del Kerala quando i marines aprirono il fuoco su di loro con l’idea sbagliata che fossero pirati.