Luglio 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La corte giordana incarcera ex funzionari per 15 anni per presunto complotto reale | Giordania

Il tribunale per la sicurezza dello stato giordano ha condannato due ex funzionari a 15 anni di carcere per un complotto volto a fomentare disordini nel regno alleato dell’Occidente in Medio Oriente.

Basem Awadallah, cittadino statunitense e in passato suo principale aiutante Re Abdullah Il secondo ; Sharif Hassan bin Zaid, un membro della famiglia reale, è stato condannato per sedizione e accuse di sedizione. Sono stati condannati ciascuno a 15 anni di carcere.

Si presume che abbiano cospirato con il principe Hamzah, il fratellastro del re, e che abbiano cercato aiuto straniero. Il verdetto è stato annunciato lunedì dopo un processo chiuso durato solo sei sessioni.

La famiglia reale afferma di aver risolto la faida con Hamza, il cui stato esatto non è noto, ma non è mai stato formalmente accusato. L’avvocato di Awadallah negli Stati Uniti ha affermato che il suo cliente ha affermato di essere stato torturato durante la custodia giordana e teme per la sua vita.

I tre giordani furono accusati di fomentare disordini contro il re mentre cercavano assistenza straniera. Hamza ha negato le accuse nelle dichiarazioni video rilasciate ad aprile dopo essere stato posto agli arresti domiciliari, dicendo che è stato messo a tacere per aver parlato contro la corruzione e la cattiva gestione da parte del regime al potere.

Entrambi gli imputati si sono dichiarati non colpevoli delle accuse di istigazione e istigazione.

Abdullah dovrebbe arrivare a Washington il 19 luglio, dove sarà il primo leader arabo ad incontrare il presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla Casa Bianca. La Giordania è uno stretto alleato degli Stati Uniti in Medio Oriente ed è considerata un partner chiave nel rilancio dell’eventuale processo di pace israelo-palestinese.

READ  L'Indonesia colpita dal virus affronta la crisi dell'approvvigionamento di ossigeno

Michael Sullivan, un ex procuratore federale nominato dalla famiglia Awadallah con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato all’Associated Press che il processo chiuso è stato “completamente ingiusto”.

Awadallah ha affermato di essere stato picchiato, sottoposto a scosse elettriche e minacciato di futuri maltrattamenti “se non avesse confessato”, ha detto Sullivan.

La corte ha respinto le richieste degli avvocati giordani di chiamare testimoni e solo l’accusa non ha fornito copie presunte, ma non registrazioni audio, della sorveglianza dei presunti cospiratori.

L’ufficio del pubblico ministero della Corte di sicurezza dello Stato ha negato che il processo fosse iniquo, affermando che Awadallah era soggetto a un giusto processo in linea con la legge giordana e non è stato maltrattato in alcun modo. Ha aggiunto che Awadallah ha solo sollevato le accuse di tortura mentre si avvicinava il verdetto.

Prima dell’annuncio del verdetto, Sullivan, un ex procuratore statunitense del Massachusetts ed ex direttore ad interim del Federal Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives, ha affermato che in base al modo in cui è stato condotto il processo, un verdetto di colpevolezza sembrava essere una conclusione scontata. conclusione. Ha detto che ci sarebbe stato un appello contro qualsiasi condanna.

Awadallah, che ha la doppia nazionalità giordana e saudita, è stato capo della corte reale e ministro del governo in Giordania. Ha vasti interessi commerciali nel Golfo e ha consigliato al potente principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, di attirare investimenti stranieri. La famiglia di Awadallah ha esortato l’amministrazione Biden a chiedere il suo rilascio.