Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La cooperazione con l’Azerbaigian potrebbe aiutare l’Italia a diventare un centro energetico – analisti italiani

di direzione

Domenico Letizia, analista di economia e geopolitica italiana, ha affermato che la cooperazione con l’Azerbaigian potrebbe aiutare l’Italia a diventare un hub energetico.
direzione.

“L’Azerbaigian si è dimostrato un paese amico e leale all’Italia. Nella complessa situazione geopolitica in corso, le forniture di gas dell’Azerbaigian aiutano ad alleviare i problemi energetici dell’Italia. Credo che la cooperazione con Baku debba essere ulteriormente rafforzata. L’Azerbaigian non è solo un fornitore affidabile di L’Italia e altri paesi europei, ma ha anche buoni rapporti con Roma e l’intera Unione Europea. Ho visitato l’Azerbaigian quattro volte e ho sempre notato come l’Italia sia apprezzata, dalla sua cultura, al suo stile, dalla moda alla musica. merita molta attenzione da parte di politici e cittadini italiani.

Domenico Letizia ritiene che la cooperazione energetica tra i due Paesi crescerà ulteriormente.

L’Italia e l’Azerbaigian sono associati alla necessità di avviare una seria diversificazione dell’economia e dell’energia, e oltre al gas, possono essere realizzati molti progetti legati all’idrogeno. Di recente, le autorità italiane hanno analizzato la possibilità che TAP venga utilizzato anche come gasdotto per l’idrogeno, il che rafforzerà la cooperazione energetica. Penso che questo sia il modo giusto e ringrazio Baku per il vostro supporto. Grazie all’Azerbaigian, l’Italia può diventare un polo energetico, innovativo e mirato alla sostenibilità economica e ambientale. È un percorso equo ed efficiente che merita ulteriore cooperazione”.

Pier Paolo Rimondi, Research Fellow nel programma Energia, Clima e Risorse dell’Istituto Affari Internazionali, un think tank italiano per le relazioni internazionali, ha detto a Trend che ad oggi l’Azerbaigian include un’alternativa limitata ma preziosa all’Italia.

“Mostra quanto sia importante l’investimento infrastrutturale. TAP è stata l’ultima infrastruttura di importazione costruita in Italia ed è iniziata nel 2020. Oggi le infrastrutture hanno un valore strategico. Gli attuali sviluppi geopolitici creano un’opportunità per aumentare la partnership nel campo energetico. L’Azerbaigian si inserisce bene nella diversificazione strategia e quindi i due paesi possono rafforzare la loro cooperazione energetica.Tuttavia, una cooperazione energetica più forte (cioè l’espansione della capacità TAP) deve tenere conto di considerazioni sia sull’offerta che sulla domanda. L’Azerbaigian dovrebbe sviluppare risorse aggiuntive. Nel frattempo, la domanda futura sarà sul gas in Europa e un’altra componente chiave del successo dell’espansione del progetto, le politiche climatiche e l’aumento dei prezzi del gas dovrebbero influenzare la domanda di gas europea, e in questo senso i due paesi possono lavorare per sviluppare gas decarbonizzati”.

READ  I ministri delle finanze si incontrano a Venezia per finalizzare l'accordo fiscale globale

Pier Paolo Raimondi ha osservato che TAP contribuisce sicuramente a trasformare l’Italia in un hub energetico.

“Tuttavia, dipenderà da quanto gas l’Italia sarà in grado di attrarre anche da altri fornitori. Inoltre, l’Europa deve superare le strozzature infrastrutturali del continente dovute alla riconfigurazione dei flussi di gas”, ha aggiunto.

Seguici su Twitter Incorpora il tweet