Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La compagnia aerea che ha salvato gli italiani bloccati è premiata ai China Awards

02:34

Nell’ambito della 15a edizione degli Italy-China Awards, le aziende italiane in una vasta gamma di settori sono state premiate per le eccellenti relazioni commerciali in Cina.

Nios Airlines ha vinto la categoria “Capital Elite”.

L’amministratore delegato Carlo Stradioti afferma che ha svolto un ruolo chiave nell’insorgenza dell’epidemia.

“Decine e decine di italiani stavano aspettando che qualcuno li portasse a casa, quindi è quello che abbiamo fatto. Abbiamo concordato con i nostri ministri degli esteri una sorta di pacchetto aereo di soccorso”, ha detto.

È stata fondata nel 2002 e ha iniziato a volare in Cina nel 2016. Dopo essere stata sospesa per i voli passeggeri a causa di blocchi, la compagnia aerea ora opera l’unico volo del paese tra i due paesi, da Milano a Nanchino.

“Stiamo effettuando sopralluoghi in aeroporto, che sono già superiori ai test effettuati dai passeggeri, nei requisiti di isolamento in Cina. Il risultato è in sospeso perché per molto tempo non abbiamo nemmeno avuto un passeggero vittima”.

I premi sono stati trasmessi in diretta in tutta Italia questa mattina e sono stati organizzati dalla Fondazione Italia-Cina, il cui presidente, Mario Bocelli, ha detto che la cerimonia “riconosce la profondità dei rapporti tra i due Paesi e li presenta come esempi da seguire in futuro”.

Un’altra azienda che ha ricevuto i migliori corsi quest’anno è ASK Industries, che progetta e produce sistemi audio e antenna per auto.

È stata fondata nel 1965 dall’Emilia Romagna e ha iniziato a fare affari in Cina 17 anni fa.

Secondo il CEO Alberto Pianchi, l’azienda autorizza 1.600 lavoratori presso la sede della sua azienda a Ningbo, in Cina. “Non puoi fare l’industria automobilistica senza essere in Cina, non puoi essere rilevante. Fin dall’inizio, abbiamo cercato di trattare con il governo locale per capire cosa avremmo potuto portare nella regione, e siamo sicuri che ‘ Avrò qualcosa in cambio “, ha detto.

READ  In Costa Smeralda tornano le megalopoli

Li Junhua, ambasciatore della Cina in Italia, ha affermato che i due paesi si sono impegnati a lavorare insieme nonostante le sfide del COVID-19.

Questo è un sentimento condiviso dall’Italia.

L’ambasciatore italiano in Cina Luca Ferrari ha dichiarato: “Entro il 2020 l’Italia sarà in grado di esportare 13 miliardi di euro. [$15.7 billion] Prodotti che valgono in Cina, simili al 2019 nonostante siano bloccati. Sono queste le figure chiave per realizzare la serietà del rapporto tra Italia e Cina e il valore del mercato cinese per le grandi, medie e piccole imprese. “

Questi sono segnali positivi mentre l’Italia cerca di riprendersi con un nuovo governo nazionale.