Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Commissione invita l’Italia e Malta a rispettare le regole per la creazione di un documento di viaggio dell’UE per i rimpatri nei paesi terzi

La Commissione Europea ha invitato l’Italia e Malta a rispettare le norme sul Documento di Viaggio Europeo per la riammissione dei cittadini di Paesi terzi.

Secondo un comunicato stampa diffuso dalla Commissione europea, l’autorità ha deciso di inviare una lettera agli Stati membri interessati chiedendo la corretta applicazione delle norme dell’UE nell’istituzione di un documento di viaggio europeo per il rimpatrio dei cittadini di paesi terzi. Illegale in Italia e Malta, riporta SchengenVisaInfo.com.

Il presente regolamento mira a stabilire un documento di viaggio europeo standardizzato per il ritorno in termini di progettazione, sicurezza e specifiche tecniche.

Il Documento di viaggio europeo per il rimpatrio semplifica il processo di rimpatrio basato su accordi di rimpatrio o altri accordi, oltre a ridurre gli oneri amministrativi per gli Stati membri e i paesi terzi.

L’Italia e Malta non sono riuscite a stabilire e inviare tale documento. Pertanto, la Commissione ha deciso di avvertire ufficialmente l’Italia e Malta per lettera. Entrambi i paesi hanno due mesi per rispondere e risolvere il problema introducendo le misure necessarie. Se uno dei paesi non soddisfa il requisito, la Commissione può emettere un parere ragionevole sulla questione.

La Commissione europea ha inviato lettere di costituzione in mora anche ad altri paesi, come Germania, Belgio, Grecia e Spagna, criticandoli per non aver rispettato le linee guida dell’UE sul rimpatrio dei cittadini soggiornanti illegalmente da paesi al di fuori della zona.

“Pur incoraggiando il rimpatrio volontario degli immigrati clandestini, la Direttiva stabilisce regole generali per il rimpatrio dei cittadini di paesi terzi che non soddisfano le condizioni di ingresso, soggiorno o soggiorno in uno Stato membro” L’autorità ha spiegato.

READ  Città italiana che vende case a 1 euro - FOX23 News

La direttiva sul rimpatrio è una condizione necessaria per l’istituzione di regole standardizzate di sistema dell’UE sul soggiorno illegale di cittadini di paesi terzi nel blocco dei 27 paesi.

Pur incoraggiando il rimpatrio volontario degli immigrati clandestini, la direttiva contiene anche disposizioni che spiegano il rimpatrio dei cittadini di paesi terzi che non soddisfano le condizioni per l’ingresso, il soggiorno o il permesso di soggiorno negli Stati membri.

Inoltre, gli Stati membri dovrebbero garantire che l’allontanamento dei cittadini di paesi terzi che soggiornano illegalmente nella zona sia effettuato secondo una procedura equa e trasparente. Inoltre, le decisioni prese in base a tale ordinanza devono essere riesaminate caso per caso e devono essere decise sulla base di criteri oggettivi e non devono basarsi su più di un soggiorno irregolare.

Come per Malta e l’Italia, se la risposta alle argomentazioni sollevate è insoddisfacente, la Commissione Ue può emettere un parere giustificativo a Germania, Belgio, Grecia e Spagna.