Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Cina ha riportato il suo primo decesso di COVID-19 in oltre un anno nel suo peggior focolaio dal 2019

Sabato le autorità sanitarie nazionali cinesi hanno segnalato due decessi per COVID-19, il primo aumento registrato del bilancio delle vittime da gennaio 2021, mentre il paese combatte un aumento guidato dagli omicron.

A causa del decesso, nella provincia nord-orientale di Jilin, il numero dei morti per coronavirus nel Paese sale a 4.638.

Jilin, che confina con la Corea del Nord e la Russia, è al centro dell’ondata attuale, con numeri di casi che rappresentano oltre i due terzi di tutte le infezioni domestiche.

Ha imposto un divieto di viaggio, poiché le persone hanno bisogno del permesso della polizia per attraversare il confine.

Il paese nel suo insieme ha continuato ad applicare una strategia di successo, anche se ingombrante, “zero COVID” sin dall’inizio dell’epidemia a Wuhan.

La strategia si concentra su screening di massa e un rigoroso blocco con i residenti a cui è vietato uscire di casa fino a quando tutti i nuovi casi non vengono trovati in quarantena o attraverso il tracciamento dei contatti.

In termini pratici, ciò significa che il paese ha registrato relativamente poche infezioni da virus perché i cluster vengono repressi non appena vengono rilevati.

Ha il sostegno popolare e ha impedito il gran numero di decessi visti in altri paesi, molti dei quali hanno iniziato ad abbandonare qualsiasi tipo di misura di distanziamento sociale.

La Cina nel peggior focolaio dal 2019

La notizia sorprendente: la Cina ha riportato solo due decessi per COVID nel corso del 2021, l’ultimo il 25 gennaio, poiché il paese ha finora combattuto un’epidemia su larga scala.

READ  Il capo dell'Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la teoria della fuga di laboratorio di Wuhan Covid non può essere esclusa