Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Cina afferma che l’Australia “pagherà il prezzo” per boicottare le Olimpiadi invernali

Un portavoce del governo cinese ha affermato che Australia, Stati Uniti, Regno Unito e Canada “pagheranno il prezzo” per il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022.

I quattro paesi, insieme alla Nuova Zelanda, non invieranno funzionari ai Giochi nel febbraio del prossimo anno, citando le violazioni dei diritti umani da parte della Cina contro le minoranze uigure nella provincia dello Xinjiang.

Un certo numero di governi occidentali e le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per il lavoro forzato, la detenzione di massa, la tortura e altre violazioni dei diritti umani degli uiguri in Cina.

“Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Canada stanno utilizzando la piattaforma olimpica per la manipolazione politica”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin in una conferenza stampa.

Indipendentemente dal fatto che i loro funzionari partecipino o meno, vedranno il successo delle Olimpiadi di Pechino”.

Gli atleti e il loro staff di tutti e cinque i paesi partecipanti al boicottaggio diplomatico continueranno a partecipare ai Giochi.

Non è ancora chiaro quale sarà il “prezzo”, in quanto il portavoce non ha risposto direttamente alle domande su cosa potrebbero comportare queste ripercussioni.

Mercoledì, il primo ministro Scott Morrison ha affermato che un tale boicottaggio non dovrebbe essere una “sorpresa” per la Cina.

Scott Morrison in piedi davanti all'ingresso del Parlamento nella Corte del Primo Ministro, dietro il podio.
Il primo ministro Scott Morrison si rivolge ai media dal cortile del primo ministro, 30 novembre 2021.(ABC News: Luke Stevenson)

“Questo è nell’interesse nazionale dell’Australia”, ha detto.

Sulle possibili ripercussioni politiche o economiche della risposta al boicottaggio, il premier ha detto che sarebbe “totalmente e assolutamente inaccettabile”.

“Non ci sarà assolutamente alcuna base per questo”.

Il primo ministro ha sottolineato che anche le tensioni diplomatiche in corso tra Australia e Cina hanno contribuito alla decisione, poiché i funzionari australiani non sono stati in grado di sollevare preoccupazioni sui diritti umani direttamente con le loro controparti cinesi.

ABC ha contattato l’ufficio del Segretario di Stato Marise Payne, che ha rifiutato di commentare.

READ  Sheikha Latifa ha avvistato il reale degli Emirati all'aeroporto di Madrid in "vacanza" su Instagram