Agosto 3, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Cina accusa l’Australia di fomentare conflitti con le crescenti carenze del Partito Comunista Cinese

Il messaggio del presidente Xi Jinping è chiaro e chiaro: “L’Oriente sta salendo, l’Occidente sta scendendo”.

Ma l’altezza ha raggiunto una pendenza.

Australia e Giappone hanno messo le parole questa settimana di fronte ai talloni d’Achille a Pechino. Una riunione congiunta dei ministri della Difesa e degli Esteri ha espresso “serie preoccupazioni” sulla repressione della minoranza etnica uigura nello Xinjiang. Hanno evidenziato la repressione del dissenso a Hong Kong. Hanno notato l’aggressività della Cina nei mari della Cina meridionale e orientale e a Taiwan.

Questo è stato il messaggio che i due partner della regione Asia-Pacifico hanno portato all’incontro del Gruppo dei Sette (G7) delle economie “più avanzate” del mondo.

Non doveva essere così.

Relazionato: La Cina è stata colpita da un devastante focolaio di Covid-19

I punti di discussione di Pechino ruotano attorno alla pace, alla calma e alla stabilità.

Così si è subito scagliato il ministero degli Esteri cinese, accusando Giappone e Australia di “fomentare conflitti”. Il portavoce Wang Wenbin è salito sul palco per chiedere alla coppia di “smetterla di interferire” in quelli che lui insiste essere i suoi “affari interni”.

Ha accusato l’Australia e il Giappone di “sovvertire la pace e la stabilità regionali”.

Il PCC controllava Tempi globali La testata giornalistica è stata seguita dall’accusa all’Occidente di “colpire la Cina giocando la carta ideologica e dei valori”.

nozioni di base sui comportamenti

In uno scambio diplomatico di alto livello a marzo, la Cina ha scatenato gli Stati Uniti.

Il suo importante diplomatico, Yang Jiechi, ha attaccato i fallimenti di Washington, dagli omicidi della polizia e la disuguaglianza razziale al suo coinvolgimento nei conflitti internazionali.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha fatto qualcosa di inaspettato.

non differiva.

Invece, ha offerto un punto di vista diverso. “Uno Stato fiducioso è in grado di considerare seriamente le proprie carenze e di sforzarsi costantemente di migliorare”, ha affermato.

READ  Decine di persone sono perse e si teme uccise dopo che una barca che trasportava 165 è affondata nel fiume Niger in Nigeria

L’elenco delle carenze del Partito Comunista Cinese sta diventando sempre più acuto.

Là occupato il Tibet.

Relazionato: Il nuovo sciopero cinese da 81 miliardi di dollari in Australia

Le sue fortezze artificiali illegali si trovano nel Mar Cinese Meridionale.

C’è un modo in cui usa la flotta da pesca e la guardia costiera per farsi strada nel Mar Cinese Orientale.

C’è la sua brutale repressione della democrazia e del dissenso a Hong Kong.

Ci sono sforzi in corso per assimilare Taiwan.

Circa un milione di uiguri sono imprigionati in strutture di “formazione professionale” ad alta sicurezza.

C’è il suo uso del suo enorme potere economico per costringere le nazioni a fare – e dire – ciò che vogliono.

C’è il modo in cui Pechino nega con veemenza che uno di questi problemi sia.

Ciò aumenta l’irrigidimento delle posizioni del mondo contro di essa.

sistema basato su regole

“Condividiamo serie preoccupazioni per le violazioni dei diritti umani denunciate contro gli uiguri e altre minoranze musulmane nello Xinjiang”, ha affermato una dichiarazione congiunta rilasciata da Giappone e Australia dopo l’incontro.

“Chiediamo alla Cina di concedere un accesso urgente, significativo e senza restrizioni allo Xinjiang per osservatori internazionali indipendenti, incluso l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani”.

Recenti scoperte includono documenti che descrivono in dettaglio la sterilizzazione forzata delle donne uigure al fine di “bilanciare” una crescente popolazione di immigrati Han. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e il Canada descrivono questa politica come un genocidio.

Sabato il primo ministro Scott Morrison parteciperà al vertice del G7 per insistere su una questione.

Vuole che la comunità internazionale prenda misure punitive contro Pechino.

E in un assaggio di ciò che verrà, mercoledì ha affermato di voler mobilitare l’OMC e “aggiornare il suo regolamento se necessario” per punire “il cattivo comportamento quando si verifica”.

READ  Centinaia di persone tengono una fiaccolata a Hong Kong per celebrare la repressione di Piazza Tiananmen nonostante il divietomen

Non è esattamente una buona posizione.

Canberra vuole che l’Organizzazione mondiale del commercio si occupi di una controversia con la Cina sulle esportazioni di orzo. Pechino insiste che si tratta di una questione “antidumping”. Canberra dice che è un divieto commerciale.

Ma da allora gli scontri sono aumentati fino a includere vino, legna, manzo, pesce e carbone, tra le altre cose.

“In assenza di conseguenze per il comportamento coercitivo, c’è poco incentivo alla moderazione”, ha affermato il primo ministro.

Pechino ha respinto le parole di Morrison, accusandolo di essere un “bugiardo” e “uno dei pilastri della strategia statunitense indo-pacifica volta a contenere la Cina”.

Tuttavia, la Cina non cambierà la sua posizione nel difendere i suoi interessi fondamentali e nell’adottare contromisure quando necessario. Tale complicità rivela solo la loro debolezza”. Direttore del Centro di studi australiani presso la East China Normal University, Chen Hong.

L’accusa di Morrison di coercizione economica è una bugia e il suo appello alle riforme dell’OMC mira a politicizzare e armare l’organizzazione. Questo commento ha mostrato che l’Australia non può permettersi un disimpegno economico con la Cina, nonostante le tensioni che Canberra ha avviato tra i due paesi. Ha un disperato bisogno dell’aiuto dei suoi partner occidentali per riscrivere il regolamento sul sistema economico globale in base ai suoi interessi”.

La reazione violenta di Pechino

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wen Bin ha attaccato il vertice del G7.

Ha affermato che i paesi del G7 dovrebbero “fare maggiori sforzi per migliorare la cooperazione internazionale nella lotta all’epidemia, far progredire la ripresa economica globale e aiutare i paesi in via di sviluppo ad accelerare il loro sviluppo, piuttosto che suscitare controversie e disaccordi nella comunità internazionale”.

READ  L'atleta bielorusso è "sicuro" ma ha lasciato le partite dopo lo scontro a tarda notte

Si allinea con i punti di discussione di Pechino:

È solo un’ulteriore prova del modo in cui gli Stati Uniti e l’Occidente sono determinati ad arginare l’ascesa della Cina.

Criticando lo Xinjiang, il Tibet, Hong Kong, Taiwan e il Mar Cinese Orientale e Meridionale, l’Occidente cerca di negare alla Cina lo stesso livello di sicurezza che richiede.

Riducendo le sue politiche economiche, l’Occidente sta cercando di privare la Cina dello stesso sviluppo di cui ha goduto.

Criticare la diplomazia ostile di Pechino è solo un tentativo di soffocare la disputa e impedire al Partito comunista cinese di “contrattaccare”.

In precedenza Pechino e Mosca hanno annunciato di voler prendere una posizione unitaria contro le “azioni anomale” degli Stati Uniti.

Una teleconferenza tra i ministri degli esteri dei due Paesi ha visto Wang Yi e Sergey Lavrov decidere di “intensificare il coordinamento” per affrontare le minacce comuni.

“Gli Stati Uniti hanno formato piccoli gruppi con il pretesto della democrazia, hanno usato i diritti umani come pretesto per interferire nella politica interna dei paesi e hanno praticato l’unilateralismo all’insegna del pluralismo”, Secondo quanto riferito, Wang.

Pechino ha anche ringraziato Mosca per la sua “bontà e lealtà”.

La diffamazione è stata criticata dagli Stati Uniti e dall’Occidente. La Cina lo apprezza. Daremo anche alla Russia pieno sostegno politico per la sua difesa dei diritti legittimi”.

Il presidente Vladimir Putin ha poi confermato il rafforzamento del rapporto.

“Sia la Russia che la Cina sono interessate a mantenere la nostra cooperazione nell’arena internazionale, e questa cooperazione è chiaramente un elemento chiave di stabilità negli affari internazionali”, ha affermato.

Jimmy Seidl Scrittore freelance | Tweet incorporato