Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La cannabis può avere lo stesso effetto antidolorifico di un placebo

Salute

Si dice spesso che la cannabis agisca come antidolorifico… e questa informazione da sola può curare alcune persone.

Mentre alcune ricerche hanno dimostrato che la cannabis può sostituire gli antidolorifici, altri studi sono più scettici. Uno studio pubblicato lo scorso anno sulla rivista medica JAMA Network Open ha evidenziato una mancanza di prove per confermare i benefici della cannabis. I ricercatori hanno scoperto che la cannabis ha alleviato il dolore per il 67% dei pazienti… esattamente la stessa percentuale tra coloro che hanno assunto un placebo.

Secondo gli esperti, questi effetti analgesici sono dovuti principalmente alla buona pressione della cannabis, che produce un effetto placebo sui pazienti, osserva National Geographic. Peggio ancora, lo studio accusa i media di pubblicare articoli positivi anche se le conclusioni degli studi scientifici sono neutre o negative. Perché è difficile fare studi sulla cannabis.

Leggi anche> La scienza finalmente sa perché la cannabis rende felici te (e il tuo vicino paranoico).

Negli ultimi anni sono stati condotti molti studi, ma le prove alla cieca sono difficili da eseguire nel caso della cannabis. Se gli scienziati forniscono un placebo con lo stesso odore e sapore, alcuni utenti possono ancora indovinare quale pillola hanno preso in base alle loro condizioni in seguito. Secondo Deepak D’Souza (un professore di psichiatria alla Yale University che ha studiato la cannabis per più di vent’anni) una soluzione potrebbe essere quella di completare un breve questionario prima di iniziare lo studio. Pertanto, sarà possibile identificare le persone che hanno una visione positiva della cannabis, poiché è probabile che abbiano risultati più positivi in ​​seguito.

READ  G20 Finanza e Salute si impegna ad accelerare l'accesso ai vaccini COVID-19

Il ruolo del cervello nella gestione del dolore

Oltre a queste spiegazioni, un placebo sarebbe particolarmente efficace per alcune condizioni croniche, come il dolore nociplastico (fibromialgia, sindrome dell’intestino irritabile, mal di testa da tensione, ecc.). Questi dolori non sono causati da danni ai tessuti o ai nervi, ma sono il risultato di cambiamenti nel sistema sensoriale.

Gli esperti non sanno ancora esattamente da dove provenga il dolore nociplastico, ma ipotizzano che il pensiero possa avere un ruolo. Secondo i medici, le persone che soffrono di questi dolori possono essere particolarmente sensibili all’effetto placebo.

Leggi anche> In Germania, la cannabis ricreativa potrebbe essere legalizzata entro il 2024

Mentre alcuni potrebbero essere soddisfatti di sapere che la cannabis e i placebo possono essere efficaci nel combattere il dolore, i ricercatori vogliono saperne di più. Ora cercheranno di capire esattamente quale meccanismo è all’opera nel cervello in modo da poter aiutare le persone a lungo termine.