Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La camera Della Mota reagisce al piano di salvataggio dell’Italia – WWD

Milano – “Abbiamo una visione strategica per proteggere e riavviare la seconda industria italiana per importanza, ma c’è ancora molta strada da fare”.

Carlo Cabasa, capo della Camera della Mota, ha commentato il PNRR da 220 miliardi di euro del governo, piano di ripresa e recessione progettato dal premier Mario Draghi. Kabasa ha dichiarato: “Siamo lieti di vedere che la maggior parte delle nostre richieste riceve risposta e che il governo si sta concentrando sul settore della moda”.

Il progetto, che sarà finanziato dall’Unione Europea, è stato presentato venerdì alla Commissione Europea, ha detto la telecamera, aggiungendo che “è molto specifico e preciso e pone le condizioni per lo sviluppo del settore”.

“Il governo ha stanziato fondi per indirizzare le stesse aree che riteniamo importanti per l’industria della moda, come la formazione delle giovani generazioni, la digitalizzazione, gli investimenti in nuove tecnologie e la sostenibilità”.

Il settore della moda italiano ha annunciato vendite per quasi 100 miliardi di euro nel 2019, ma l’impatto dell’epidemia ha ridotto le entrate del 26% lo scorso anno, secondo Kabasa.

Il leader della fotocamera PNRR ha parlato della trascendenza del pianoforte 4.0, che verrà descritta come il primo passo, che sarà implementata da novembre 2020 a giugno 2023 per stimolare gli investimenti privati ​​e stabilizzare le aziende. Ha detto che 13,97 miliardi di euro sarebbero stati inviati per il finanziamento. Piano Transition 4.0, che dovrebbe istituire un panel per determinare i cambiamenti necessari per aumentare le prestazioni, e l’1,95 miliardi di euro saranno utilizzati per rifinanziare Fonto 394/81, che è stato creato per aiutare le aziende a internazionalizzarsi.

READ  Versione falsa di WhatsApp per iPhone realizzata da un fornitore di spyware italiano per prendere di mira le persone

L’associazione ha richiesto esenzioni fiscali per le attività legate alla progettazione e incentivi per ristrutturare gli investimenti tra piccole e medie imprese e per ristrutturare modelli grandi, consolidati e di business. Cerca risorse per aggiornare gli asset industriali e fondi per sostenere gli investimenti in macchinari e attrezzature che utilizzano la tecnologia più avanzata.

“Riteniamo che i nostri commenti siano stati ben accolti, in tutto o in parte, in combinazione con l’uguaglianza di genere, borse di studio e bonus per l’occupazione per le giovani generazioni”, ha detto Kabasa.

In particolare, BNRR sta stanziando ில்லியன் 1,5 miliardi per rafforzare la formazione professionale costruendo reti con aziende, università e centri di ricerca. Si prevede che 10 10 milioni definiscano un organismo nazionale per garantire l’uguaglianza di genere e 1,61 miliardi per finanziare progetti di ricerca e innovazione.

A marzo, Kabasa era a Roma per parlare delle opportunità del settore all’interno del Piano nazionale di ripresa e recessione durante i colloqui tra la Camera di Commercio Bassa e la Commissione Affari e Bilancio Europeo del Senato. In quell’occasione ha calcolato l’importo necessario per riavviare l’industria della moda, che era stata duramente colpita dal virus Corona.

Secondo Kabasa e Camera, molte piccole e medie imprese in Italia contano su meno di 15 dipendenti, che richiederanno fino a 3 miliardi di euro come parte di un “intervento immediato” per sostenerle.

Venerdì, Kabasa ha detto che è stato calcolato per il primo anno e mezzo, mentre la telecamera ha chiesto 2 2 miliardi all’anno in sei anni, dicendo: “Questo fa parte del contributo della moda al PIL italiano”.

Tragi, che per primo ha presentato il piano al parlamento italiano, ha sottolineato che determinerà il destino, la credibilità e la reputazione del paese nell’Unione europea.

READ  Il primo green bond italiano riceve un caloroso benvenuto, contribuendo ad alleviare il rischio finanziario

L’Italia è stato il primo paese europeo a essere colpito dall’epidemia nel febbraio 2020, portando a oltre 119.000 morti e una contrazione economica dell’8,9% lo scorso anno.

Si prevede che l’Italia, insieme alla Spagna, riceverà 7 750 miliardi di quote di partecipazione maggiore nel programma di ripresa e recessione dell’UE.

Drake prevede che questi investimenti aggiungeranno 3,2 punti percentuali al PIL tra il 2024 e il 2026.

L’industria della moda italiana ha collaborato con diversi rappresentanti del team strategico di Camera della Mota per aiutarsi a vicenda, come il CEO del Gruppo Prada Patrizio Bertelli; Guildo Jegna, CEO del Gruppo Ermenikildo Zegna, e Renzo Rosso, Presidente dell’OTB, prendono l’iniziativa e tengono incontri con altre associazioni e membri del governo. Rosso, scelto come proprio rappresentante davanti alle aziende dai soci di Camera della Mota, è stato selezionato da Confidastria come rappresentante dell’associazione impegnata a promuovere l’eccellenza, la bellezza e il gusto dei marchi italiani nel mondo. Confindustria è la più grande associazione in Italia, che rappresenta 150.000 aziende manifatturiere e di servizi nazionali.