Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La bandiera è davanti ai tribunali

Poche decisioni dei tribunali amministrativi del lavoro hanno causato un flusso di inchiostro simile a quello emesso dal giudice amministrativo Philippe Bouvier il 23 marzo 2021. Ordinando che gli operatori sanitari assegnati alle aree “calde” e “tiepide” degli ospedali sanitari e sociali indossino respiratori ( N95) Famous), ha contraddetto le analisi dell’Istituto nazionale di sanità pubblica del Quebec (INSPQ), secondo cui gli ultimi dati scientifici non hanno dimostrato la superiorità di questo tipo di maschera rispetto alla maschera medica (di intervento o chirurgica) di i lavoratori coinvolti.

Questo giudizio dà l’impressione che l’analisi di una persona – anche il giudice – abbia la precedenza sulle scelte che vengono fatte alla luce delle conoscenze scientifiche disponibili in un determinato momento.

Stiamo infatti assistendo a un conflitto giuridico tra scienza e diritto. D’altra parte, INSPQ afferma “che le opinioni e le raccomandazioni che fa o le questioni rappresentano lo stato della scienza e le regole dell’arte e che sono [sic] Non può essere consegnato [sic] In questione inoltre mediante ricorso ai sensi della LSST [Loi sur la santé et la sécurité du travail] », Il giudice riassume la sua decisione. Il pubblico ministero INSPQ, forse per convincere il giudice, ha citato una recente sentenza di un tribunale del Quebec affermando che “è imperativo non seguire le raccomandazioni INSPQ perché non seguendole. E non essendo rispettato, il datore di lavoro sta mettendo in pericolo la salute dei suoi dipendenti” .

Da parte sua, il giudice ha risposto che “Contrariamente alle affermazioni del suo procuratore generale, [l’INSPQ] Non ha uno status speciale per garantire che le sue opinioni e raccomandazioni siano preponderanti e che il tribunale, nella sua valutazione delle prove, debba, sin dall’inizio, concederle un carattere vincolante o persino un peso nel suo valore probatorio. ” un avvertimento del tribunale del Quebec, si afferma che nella suddetta decisione, il tribunale non ha riscontrato una pratica di valutazione delle prove contraddittorie, come nel caso di specie. ”

READ  "La ricerca polare francese a un punto di svolta per mancanza di risorse"

Nel caso di specie, è in gioco l’efficacia relativa delle maschere e su questo argomento non c’è consenso scientifico. Il giudice riconosce fin dall’inizio che “non spetta al tribunale risolvere un disaccordo scientifico o dimostrare fatti scientifici”, ma afferma che “in base al disaccordo prima di esso, tutte le prove fattuali e scientifiche che le vengono presentate, il il tribunale deve valutare il suo valore probatorio, o anche il suo indice convincente, per giungere a una conclusione “.

Avendo così giustificato il suo ruolo dominante nelle circostanze e fondato la legittimità della sua decisione, il giudice del tribunale amministrativo del lavoro ha invocato il principio di precauzione per applicare la maschera respiratoria nelle aree “calde” e “fredde” dei CHSLD.

Egli osserva che questo principio, che è già stato sostenuto dalla Corte Suprema del Canada, è “implicitamente stabilito nel paragrafo introduttivo della Sezione 51 della Legge LSST” e che INSPQ afferma già di tenere conto di questo principio nelle sue decisioni . Questo principio vago e controverso consente a chi lo rivendica di decidere in base alla propria maggiore o minore sensibilità ai rischi. In breve, la decisione del giudice Bouvier riflette la sua sensibilità ai rischi, che non possono essere misurati “scientificamente” e in modo del tutto “oggettivo” e richiedono in ultima analisi l’esercizio di auto-giudizio.

Alla fine, è stata l’opinione del giudice a prevalere, non quella dell’INSPQ e dei suoi comitati di esperti. Ma prima di chiederci su cosa si basa la legittimità delle sentenze nei casi che interessano la società, ricordiamo un altro caso in cui gli studiosi si sono trovati in balia del tribunale.

Elimina il terremoto

Nel 2009, un forte terremoto (6,3 della scala Richter) ha ucciso più di 300 persone nella piccola città medievale di L’Aquila, nel centro Italia. Tre anni dopo, dopo un processo a cui hanno partecipato i cittadini di quella città, sei geologi e sismologi che erano membri del Comitato Alti Rischi sono stati condannati a sei anni di prigione.

READ  14 segni che non ti stai muovendo abbastanza

Tra loro c’erano i migliori studiosi del paese riconosciuti a livello internazionale. Il giudice li ha rimproverati per non aver prestato sufficiente attenzione nel non aver consigliato ai funzionari eletti di evacuare la città. Forse i loro colleghi in tutto il mondo hanno chiarito che era impossibile prevedere esattamente la data e la gravità di un futuro terremoto e nulla ha aiutato.

Quanto al giudice, i membri del comitato avevano fornito agli eletti “informazioni imprecise, incomplete e contraddittorie” sul rischio che un forte terremoto colpisse questa regione, spesso colpita da piccoli terremoti. Molti di loro si sono verificati nei mesi precedenti al disastro, che potrebbe preannunciare un potente terremoto.

I ricercatori hanno reagito all’unanimità: questa sentenza incomprensibile incoraggerebbe gli studiosi a smettere di aderire a tali comitati per comunicare ai politici la loro conoscenza dei fenomeni naturali, o addirittura a smettere di commentare sulla stampa. Fortunatamente, questa decisione discutibile è stata impugnata e due anni dopo i sei studiosi sono stati assolti da altri tre giudici.

Sei ancora colpevole del “principio di precauzione”?

Nonostante questo felice esito, la legalizzazione delle decisioni pubbliche non può escludere altri effetti dannosi. Se i sismologi italiani applicassero il “principio di precauzione” e chiedessero agli eletti di evacuare la città, ma il terreno è rimasto immobile per tre giorni, una settimana o un mese … l’economia locale!

Ma torniamo all’epidemia. Negli ultimi mesi, a fronte di una carenza di vaccini, gli esperti INSPQ hanno suggerito di ritardare la somministrazione della seconda dose. La loro analisi ha mostrato che la prima dose era più efficace di quanto indicato dagli studi clinici – condotti dalle case farmaceutiche, non dimentichiamolo -. Quindi l’efficienza è determinata a circa l’80%, il che costituisce un’ottima protezione. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima inoltre che, nel contesto di una pandemia, i vaccini devono essere efficaci almeno al 50% per essere utili. Ritardare la somministrazione della seconda dose ha assicurato che più persone fossero vaccinate più rapidamente, senza danneggiare coloro che avevano ricevuto il primo colpo. Quindi il governo ha accettato la raccomandazione.

READ  Il delta variabile sta progredendo ma "possiamo evitarlo", secondo il ministro della Salute Olivier Veran

Se il produttore del vaccino o altre persone intraprendono un’azione legale per far rispettare il protocollo di vaccinazione iniziale, il giudice può anche invocare il famoso principio di precauzione per dire che è pericoloso ritardare la seconda dose. Potrebbe non essersi chiesto perché la sperimentazione clinica non avesse pianificato di distribuire le due dosi ad alcune cavie per seguire l’effetto della prima per un periodo più lungo.

La società richiede sempre più che i giudici decidano invece dei funzionari eletti su questioni sempre più lontane dalla legge. Tuttavia, i giudici godono di più sentenze rispetto agli studiosi in un contesto di incertezza? Poiché tutti i giudici non sono ugualmente sensibili e quindi non condividono lo stesso punto di vista, le loro decisioni non potrebbero porre molti, se non di più, problemi rispetto a quelle prese dagli esperti e che sono sostenute dai funzionari eletti?

Anche se la scienza non può giudicare la legittimità dei giudici, è dubbio che sostituire l’incertezza nella scienza con una sentenza del tribunale costituisca necessariamente un progresso.