Agosto 10, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Banca d’Inghilterra è salita dello 0,5% all’1,75%, avverte di una recessione prolungata

“La banca prevede la stagflazione e afferma che la medicina è tassi di interesse più elevati”, ha affermato Paul Dills, capo economista del Regno Unito presso Capital Economics.

Ha ritenuto che i tassi di interesse potrebbero dover salire al 3% l’anno prossimo e, come molti commentatori, non ha escluso un altro forte movimento di 0,5 punti percentuali a settembre o novembre.

Se la Banca d’Inghilterra continua ad aumentare i tassi di interesse mentre l’economia inizia a contrarsi, sarà la prima volta che lo farà dalla stagflazione del 1975.

Matthew Ryan, responsabile della strategia di mercato presso la società di servizi finanziari Ibery, ha affermato di “aver esaurito le dita dei piedi nel tenere traccia del numero di occasioni in cui l’MPC ha rivisto al rialzo le sue previsioni di inflazione nell’ultimo anno”.

“È chiaro che la priorità ora è ancora concentrarsi sul controllo dell’inflazione a scapito della crescita”, ha affermato.

La Banca d’Inghilterra ha affermato che nemmeno il mercato del lavoro sfuggirà alla carneficina economica: il tasso di disoccupazione, ora al minimo storico del 3,8 per cento, salirà al 6,3 per cento entro il 2025.

Il grosso problema per la BoE è che, indipendentemente dall’aumento dei tassi di interesse, ciò non avrà un impatto significativo sulle bollette energetiche delle famiglie e delle imprese, che sono guidate dall’impatto della guerra in Ucraina sui prezzi globali delle materie prime e dell’energia.

La Banca d’Inghilterra ha affermato nella sua dichiarazione che le pressioni inflazionistiche si sono “intensificate in modo significativo”. “Il recente aumento dei prezzi del gas ha portato a un altro significativo deterioramento delle prospettive di attività del Regno Unito”.

READ  Fonti affermano che Alina Kabaeva, famosa fidanzata di Putin, è nell'elenco delle proposte di sanzioni dell'UE

incubo energetico

Il peggio dell’inflazione energetica deve ancora venire in Gran Bretagna. L’importo massimo che le società energetiche possono addebitare alle case a intervalli fissi è stato fissato dal regolatore Ofgem, che ad aprile ha aumentato il limite del 54%, per una bolletta media annua di gas ed elettricità di 1971 sterline ($ 3.440).

La società di analisi energetica Cornwall Insights prevede che la prossima revisione, in ottobre, aumenterà tale importo a £ 3.358, con un aumento del 70%.

Il governo ha sborsato denaro per aiutare ad attutire il colpo: ogni famiglia riceve £ 400, con i beneficiari del welfare che ricevono una sovvenzione aggiuntiva di £ 650.

Dal punto di vista commerciale, la Cornovaglia prevede che molte aziende potrebbero vedere un aumento di cinque volte dei costi energetici quando rinegozieranno i loro contratti biennali in ottobre.

“Sebbene i mercati dell’energia commerciale siano stati finora in grado di far fronte agli aumenti dei prezzi, l’aumento della fatturazione in ottobre, insieme ad altre preoccupazioni economiche che emergono nel mercato, potrebbero spingere le aziende oltre il limite”, hanno affermato in una nota gli analisti della Cornovaglia.

Ciò è particolarmente vero per alcune aziende la cui redditività è più vulnerabile all’aumento dei costi energetici, tra cui ospitalità, tempo libero, vendita al dettaglio e molte aziende del settore industriale. … Corrispondente perdita di posti di lavoro [could] Risuona in tutta l’economia”.

pressione politica

L’ultima cifra di crescita del PIL della Gran Bretagna è stata dello 0,5% a maggio, dopo un calo dello 0,2% ad aprile. Il tasso annuo nei dodici mesi fino a maggio è stato del 3,5 per cento.

READ  Richard Rogers: muore a 88 anni l'ingegnere Pompidou e Millennium Dome | edificio

Ma le vendite al dettaglio stanno calando, la fiducia delle imprese sta crollando e gli indicatori economici flash PMI sia per i servizi che per la produzione stanno rallentando.

È probabile che le cupe prospettive economiche eserciteranno maggiori pressioni sul governo, che è stato accusato di fare poco per allentare le pressioni sul costo della vita e prevenire un deterioramento del tenore di vita.

Primo ministro La speranzosa Liz Truss ha accusato la Banca d’Inghilterra Per non aver agito prima sull’inflazione, si è impegnata a rivedere il suo mandato. Ma propone anche enormi tagli alle tasse che potrebbero aumentare l’inflazione.

Nel frattempo, la banca sta anche cercando di scaricare i titoli di Stato acquistati per mantenere a galla l’economia durante la pandemia di COVID-19. Sta cercando di iniziare a vendere circa 10 miliardi di sterline trimestrali a partire da settembre, seguiti da piccole vendite di obbligazioni societarie.