Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Banca centrale europea sta pompando miliardi di euro nei mercati del debito più deboli della zona euro

La Banca centrale europea sta utilizzando il suo programma di acquisto di obbligazioni dell’era della pandemia per proteggere i paesi dell’eurozona fortemente indebitati dagli effetti della sua decisione di eliminare i programmi di stimolo nel tentativo di combattere l’inflazione.

La banca centrale ha terminato i suoi acquisti netti nell’ambito del programma di acquisto di emergenza pandemica a marzo, ma è concentrata sul reinvestimento delle obbligazioni in scadenza dei membri finanziariamente più fragili del blocco.

Tra giugno e luglio, la Banca centrale europea ha pompato 17 miliardi di euro nei mercati italiano, spagnolo e greco, consentendo al suo portafoglio di debito tedesco, olandese e francese di diminuire di 18 miliardi di euro, secondo i calcoli del Financial Times basati sulla banca centrale dati.

“La deviazione è ora piuttosto ampia”, ha affermato Frederic Ducrozet, responsabile della ricerca macroeconomica di Pictet Wealth Management, sul reinvestimento della BCE. “Sembra che la Banca centrale europea sia stata molto attiva reinvestendo quasi tutti i proventi dei paesi core nei paesi periferici”.

I reinvestimenti evidenziano l’entusiasmo della Banca centrale europea di tenere sotto controllo i costi di finanziamento di paesi come l’Italia e prevenire un crollo del debito dell’eurozona mentre annulla la politica monetaria accomodante che ha sostenuto il blocco dalla crisi del debito di dieci anni fa.

Ciò avviene dopo che il mese scorso la Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse per la prima volta dal 2011 dopo aver deciso di porre fine al programma PEPP, uno schema di acquisto di obbligazioni a lungo termine chiamato Asset Purchase Program.

Sven Gary Steen, capo economista europeo di Goldman Sachs, ha affermato che “la misura della flessibilità utilizzata” nel reinvestimento dei rendimenti obbligazionari che facevano parte del PEPP era “un po’ più di quanto la gente si aspettasse”.

READ  Relazioni commerciali tra Italia e Pakistan - Supplementi

I responsabili politici e gli investitori della Banca centrale europea temono che la stretta monetaria amplierà il divario tra le economie più forti e quelle più deboli della regione, i cosiddetti rischi al dettaglio. Tali preoccupazioni hanno spinto lo spread tra i rendimenti obbligazionari decennali italiani e tedeschi di riferimento a 2,4 punti percentuali a giugno, un livello visto l’ultima volta durante le turbolenze del mercato nei primi giorni della pandemia nel 2020.

Da allora lo spread si è ridotto a circa 2,1 punti percentuali dopo che la Banca centrale europea si è impegnata a resistere alla frammentazione. La Banca centrale europea ha affermato il mese scorso che la flessibilità nel dispiegare il reinvestimento del PEPP sarebbe stata la “prima linea di difesa” nel suo tentativo di controllare i cosiddetti spread.

“Penso che sia positivo per loro essere audaci… È bello vedere che i mercati stanno mettendo i loro soldi dove sono”, ha detto Ducruzette, aggiungendo che “il messaggio chiaro è che stanno usando quella flessibilità quasi nella massima misura possibile .”

La banca centrale ha anche messo in atto il mese scorso un nuovo strumento di protezione della trasmissione che può essere utilizzato nel caso in cui il reinvestimento del PEPP non riesca a tenere sotto controllo gli spread. Lo strumento consente alla Banca centrale europea di acquistare le obbligazioni di qualsiasi paese che percepisce sotto pressione sul mercato al di fuori delle aspettative economiche, su scala illimitata. Gli investitori hanno osservato con cautela gli spread italiani per vedere quando la Banca centrale europea potrebbe intervenire, con molti che considerano 2,5 punti percentuali un segno significativo.

READ  Il libro racconta quello che gli investitori e gli imprenditori stranieri devono sapere sul fare impresa in Italia

Sebbene la BCE non abbia ancora utilizzato il nuovo strumento, il suo utilizzo del reinvestimento del PEPP mostra quanto i responsabili politici vogliano tenere sotto controllo gli spread.

Jari Stehn ha affermato che questa è stata “un’attivazione di prima linea della difesa contro i rischi di frammentazione, ma significa ancora che è una questione aperta sul se e quando il TPI verrà attivato”.