Settembre 29, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Banca centrale europea rallenta lo stimolo alla crisi per il prossimo trimestre mentre la ripresa continua

(Bloomberg) – Iscriviti alla newsletter New Economy Daily, seguici su economia e iscriviti al nostro podcast.

La Banca centrale europea rallenterà il ritmo del suo programma di acquisto di obbligazioni pandemiche negli ultimi tre mesi del 2021, riconoscendo che la ripresa dell’eurozona è abbastanza forte da poter essere sostenuta con meno sostegno.

Il consiglio ha deciso che avrebbe effettuato acquisizioni “a un ritmo leggermente inferiore” rispetto alle acquisizioni mensili da € 80 miliardi ($ 95 miliardi) registrate negli ultimi due trimestri. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha giustificato la decisione affermando che la ripresa dell’economia “sempre più avanzata” potrebbe essere sostenuta con un minore aiuto monetario.

Ha inoltre avvertito che la diffusione globale della variabile delta potrebbe ritardare la piena riapertura dell’economia. I funzionari, che hanno rivelato nuove previsioni che mostrano che l’inflazione rimarrà al di sotto dell’obiettivo, hanno ribadito il loro impegno a mantenere in vigore il programma da 1,85 trilioni di euro fino a marzo 2022 o successivamente, se necessario, suggerendo che non sono ancora pronti a discutere la fine della misura.

La mossa della Banca centrale europea per continuare a stimolare contrasta con le principali banche centrali altrove, una posizione che Lagarde ha voluto sottolineare. La Federal Reserve statunitense e la Banca d’Inghilterra hanno segnalato la loro intenzione di ritirare gradualmente gli aiuti durante il periodo di crisi.

“La signora non sta diminuendo”, ha detto, descrivendo la decisione della BCE giovedì come una “ricalibrazione del programma di acquisto di emergenza pandemico per i prossimi tre mesi”.

Questo calendario rende la riunione di dicembre cruciale per il futuro del programma di stimolo della banca centrale.

READ  L'Italia apprezza il sostegno del Pakistan alla soluzione politica in Afghanistan

Le prospettive per le nuove assunzioni hanno mostrato una prospettiva a breve termine più forte per i prezzi e la crescita, sebbene non fosse ancora sufficiente per adempiere al suo mandato. L’inflazione sarà in media solo dell’1,5% nel 2023, al di sotto del suo obiettivo del 2%.

Il messaggio equilibrato di Lagarde agli investitori significa che la BCE è stata in grado di abbassare il livello di stimolo senza innescare una reazione immediata del mercato. L’euro ha ridotto i guadagni mentre parlava, il trading è stato poco cambiato durante il giorno a circa $ 1,1821 alle 15:34 ora di Francoforte.

“Questa non è una decisione affusolata, come ha sottolineato il presidente della BCE Lagarde”, ha dichiarato in un commento via e-mail Elga Bartsch, capo della ricerca macro presso il BlackRock Investment Institute. “Gli acquisti di asset sembrano essere destinati a durare, poiché il nuovo quadro politico apre la strada a una politica monetaria più lunga nella zona euro”.

Segui la conferenza stampa sul nostro live blog

Con le interruzioni della catena di approvvigionamento e la diffusione del virus che minacciano di minare la ripresa e le pressioni sui prezzi a medio termine che probabilmente rimarranno ben al di sotto del suo obiettivo, i funzionari hanno insistito nelle ultime settimane sul fatto che l’economia della zona euro si trova in uno stato diverso rispetto agli Stati Uniti e ancora fa affidamento sul supporto della banca centrale europea.

Tuttavia, alcuni governanti hanno iniziato ad avvertire pubblicamente che mantenere un atteggiamento ultra-permissivo per troppo tempo comporta anche dei rischi. La scorsa settimana l’austriaco Robert Holzmann e l’olandese Klaas Knott hanno dichiarato a Bloomberg in interviste separate che gli acquisti di asset di emergenza dovrebbero terminare a marzo, suggerendo accese discussioni politiche nei prossimi mesi.

READ  Vincent clam bar conserva l'esperienza italo-americana

La linea guida principale per la BCE saranno i termini di finanziamento in tutto il blocco di 19 nazioni. Il rendimento dei titoli di stato e dell’euro è sceso durante i mesi estivi, per poi risalire di recente in previsione dell’annuncio di giovedì.

I decisori politici hanno inoltre preso le seguenti decisioni:

Il tasso sui depositi rimane a -0,5%, i tassi di interesse non aumenteranno fino a quando le aspettative non mostreranno un’inflazione sostenibile al 2% e le pressioni sui prezzi core non raggiungeranno questo obiettivo, il vecchio programma di acquisto di attività continua a € 20 miliardi al mese, i prestiti a lungo termine alle banche continueranno a prestito di supporto

(Aggiornamenti con Lagarde al quinto comma)

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com

Iscriviti ora Per rimanere all’avanguardia con la fonte di notizie economiche più affidabile.

© 2021 Bloomberg LP