Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Kovit-19: la Croazia manda i pazienti rumeni in Italia come nuovo record

Quattro pazienti rumeni con forme gravi di COVID-19 sono stati inviati in Italia per il trattamento mercoledì perché la Romania sta ricevendo aiuto per affrontare il virus attraverso il meccanismo di protezione civile dell’UE.

Insieme all’Italia, quattro paesi – Germania, Ungheria, Austria e Polonia – hanno offerto il loro aiuto nella trasmissione di pazienti critici – centinaia di persone che aspettano sulle sedie per aprire i loro letti, sapendo che il sistema sanitario rumeno è sull’orlo del collasso. In terapia intensiva.

Più di 6.291 nuovi casi sono stati registrati in 60.000 studi in Romania, con 405 decessi mercoledì. Altri 1.800 pazienti sono in condizioni critiche nel reparto di terapia intensiva.

Nel frattempo, il tasso di vaccino continua la sua tendenza al ribasso. In altri paesi europei, i governi stanno spingendo per misure più severe contro coloro che non sono vaccinati a causa dell’aumento delle infezioni da coronavirus.

Scopri le migliori notizie sul COVID-19 in Europa.

I russi vanno in Croazia per lavori occidentali

Secondo il National COVID-19 Response Team, la Croazia ha registrato casi giornalieri di virus corona dall’epidemia, con 7.315 nuovi casi e 50 decessi correlati. Rapporto del mercoledì.

Nelle ultime 24 ore nel Paese sono stati segnalati 6.987 nuovi casi, portando il numero di casi attivi a 38.089. Di questi, 2.008 pazienti sono in ospedale, di cui 257 nelle vie respiratorie.

Un totale di 474.027 persone sono guarite dal virus dall’epidemia, mentre 9.721 sono morte.

Ma nonostante la crescente epidemia, la Croazia si sta trovando una destinazione popolare tra i cittadini russi, con molti che si recano a Zagabria alla ricerca di un prezioso lavoro occidentale riconosciuto per viaggiare in Europa e negli Stati Uniti.

READ  Senza Govt, i treni ad alta velocità promettono viaggi estivi in ​​Italia

Il vaccino Sputnik V di fabbricazione russa non è ancora approvato dall’Organizzazione mondiale della sanità o dall’Agenzia europea per i medicinali.

“C’è una tassa speciale non solo sui russi, ma su tutti gli stranieri che vengono qui per la vaccinazione. Ma è vero che sono per lo più russi in gita di un giorno in Croazia. Sono vaccinati qui e dopo 14 giorni ricevono il governo dell’UE. 19 certificati”, ha detto Zagabria, coordinatore della protezione civile del centro di vaccinazione. Valentino Rajkovich ha detto.

Il Regno Unito impone una regola “Jab or Job” agli operatori sanitari

L’11 novembre è la scadenza per la vaccinazione completa degli operatori delle case di cura in caso di “jab o jab”. Nuove regole del governo britannico Annunciato martedì.

Gli operatori sanitari e di assistenza sociale nel Regno Unito, compresi i volontari che hanno un contatto diretto con gli utenti del servizio, devono fornire prove di una vaccinazione completa contro Govt-19 nel tentativo di rassicurare i pazienti e il personale. Sono protetti contro l’infezione.

Sajid Javed, segretario alla sanità e alla sicurezza sociale della Gran Bretagna, ha annunciato che 1,45 milioni di dipendenti del SSN saranno vaccinati dal 1 aprile del prossimo anno.

Secondo gli ultimi dati del SSN, il 90% dei lavoratori fiduciari ha già ricevuto le due dosi, ma ancora 103.000 si rifiutano di prendere il vaccino.

Migliaia di operatori sanitari hanno annunciato che lasceranno il lavoro entro aprile 2022, il che potrebbe portare a più ospedali.

Il Regno Unito ha registrato 142.000 morti per il virus corona, il secondo più alto in Europa dopo la Russia.

READ  RWE chiude la costruzione del parco eolico italiano - reNews

Alcuni Paesi europei, tra cui Italia e Francia, hanno già reso obbligatoria la vaccinazione per gli operatori sanitari.