Settembre 29, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Jane Drummond: la prima donna a scalare Seven Summits compie sette anni e condivide un “momento inquietante” mentre scala Dykh-Tau

Jane Drummond: la prima donna a scalare Seven Summits compie sette anni e condivide un “momento inquietante” mentre scala Dykh-Tau

Jane Drummond stava attraversando la vetta innevata e incoronata di nuvole del Gura Dijh Tau in Russia, e poteva sentire la tempesta elettrica turbinare intorno a lei, ma non poteva vederla.

A questo punto, la madre di sette figli dello Utah non era estranea al pericolo di montagna, con questo colosso di pietra e ghiaccio di 5.205 metri terzo nella sua lista da scalare.

Era in un’audace missione per stabilire un Guinness World Record.

La squadra è salita durante una tempesta elettrica
La squadra ha attraversato una tempesta elettrica mentre cercava di scalare la vetta del Dih Tau. (fornito)

Ma per quanto Drummond fosse in sintonia con il rischio, gli elementi iniziali del feroce vertice la sorpresero.

“Pensavo che avresti sempre visto una tempesta elettrica, che avresti visto l’elettricità”, ha detto Drummond a 9news.com.au.

“Non l’hai fatto. Eri dentro. Lo stavi ascoltando e all’improvviso la tua piccozza contro la tua schiena diventerà così calda che dovrai tirarla fuori e lanciarla per interrompere la connessione.

“È stato spaventoso. Non avevo nemmeno quella paura sul K2, la paura sul K2 era che qualcuno stesse per colpire una roccia davanti a me.

“La paura su Dykh-Tau è che ci sarà una valanga, sarò colpito da un fulmine, il mio compagno cadrà, quindi siamo entrambi nei guai?

Dykh-Tau in Russia sale a un'altitudine di 5205 metri.  Il suo nome significa
Dykh-Tau in Russia sale a un’altitudine di 5205 metri. Il suo nome significa “montagna dentata”. (fornito)
L'alta montagna ne contiene molti
L’alta montagna ha molte sporgenze ripide ed è soggetta a valanghe. (fornito)

Parte della volatilità della montagna deriva dal fatto che si trova tra due mari, ha detto Drummond, 43 anni.

“Ho molta neve e umidità”, ha detto.

“A Dykh-Tau puoi fare molte valanghe, quindi devi sempre guardare la linea di cresta.”

Gli sforzi e la perseveranza della madre sono stati ripagati ed è stata in grado di raggiungere l’apice dell’elemento durante questa salita nel settembre 2021.

E così un’altra montagna è stata spuntata dalla sua lista.

Dich Tao è stato riassunto da Gene Drummond il 16 settembre 2021.
Dich Tao è stato riassunto da Gene Drummond il 16 settembre 2021. (fornito)

Quest’anno Drummond è diventata la prima e unica donna a conquistare tutte le Second Seven Summits, le seconde montagne più alte della Terra.

Allora come è nata la missione?

The Second Seven Summits è la seconda montagna più alta di ciascuno dei sette continenti.  Jane Drummond ha ora ampliato l'ambito di ciascuno.
The Second Seven Summits è la seconda montagna più alta di ciascuno dei sette continenti. Jane Drummond ha ora ampliato l’ambito di ciascuno. (Foto: Lucy Lowe)

Incidente d’auto e scherzo della bionda

La vita di Drummond è cambiata dopo essere sopravvissuto a un “orribile” incidente automobilistico nel 2018.

“Avrebbe dovuto prendere la mia vita, ma non è successo, e non sappiamo come”, ha detto.

“Me ne sono andato e ho detto: ‘Oh mio Dio, non posso scegliere quando lascio questo mondo, ma posso sicuramente scegliere come vivere.'” “

Jane Drummond è riuscita in qualche modo a uscire indenne da questo incidente, un fatto che ha scioccato allo stesso modo medici e ufficiali.
Jane Drummond è riuscita in qualche modo a uscire indenne da questo incidente, un fatto che ha scioccato allo stesso modo medici e ufficiali. (fornito)

La futura mamma ha cercato l’anima per tutto il 2019, offrendo tutte le cose che non ha fatto ma che voleva comunque.

Con l’avvicinarsi del suo 40° compleanno, ha deciso di scalare una montagna chiamata Ama Dablam in Nepal, ma quel piano è rapidamente fallito.

“Poi il COVID ha colpito e all’improvviso ero un’insegnante di scuola a domicilio”, ha detto.

E mio figlio fa fatica con la matematica, e io sono tipo, ‘Ascolta amico, facciamo tutti cose difficili, ho capito’ e lui si gira e dice: ‘Se stiamo facendo cose difficili, perché stai scalando una montagna chiamata Sono una stupida bionda invece di una vera montagna come l’Everest?’ ‘

“Quel gioco di parole era piuttosto carino, quindi ho detto: ‘Okay, hai fatto i compiti e daremo un’occhiata all’Everest.'”

Quando il COVID-19 ha colpito Drummond, la madre di sette figli ha iniziato a studiare a casa.
Quando il COVID-19 ha colpito, Drummond, madre di sette figli, ha portato a casa la scuola. (fornito)

E guarda l’Everest, lo hanno fatto: Drummond ha iniziato ad allenarsi e ha persino assunto un allenatore.

“Mi ha fatto leggere un libro e, soprattutto, qualcuno aveva stabilito un Guinness World Record per lo sci di fondo o qualcosa del genere.

Ho quasi scherzato dicendo: “Potrei farlo, potrei soffrire, e se ottenessi un Guinness World Record, i miei figli penserebbero che sono super cool”. “

Due mesi dopo, ha ricevuto una telefonata dal suo allenatore sulla “misura perfetta”: i Second Seven Summits.

“Ha detto: ‘Hai sette figli, sette continenti e sette montagne – sembra di vincere il jackpot'”, ricorda.

“Ed è quello che è successo.”

Come hai svolto la missione?

Drummond è riuscito a scalare tutti e sette i vertici in due anni e mezzo impressionanti, mentre in qualche modo navigava nelle chiusure dei confini COVID-19.

E in mezzo a tutto questo, sono anche riuscito a scalare l’Everest, la montagna più alta del mondo.

Ha detto di tutte le vette conquistate, il Monte Logan in Canada è stato di gran lunga il più duro.

Alla fine, ci sarebbero voluti due tentativi per raggiungere la vetta a 5.956 metri perché durante la prima volta, nel maggio 2022, la sua squadra è stata “tirata giù dalla montagna” a causa del maltempo.

Ma nel giugno di quest’anno è riuscito a spuntare dalla sua lista un granodiorite gigante, stabilendo così un record.

Ma ha detto che la scalata non è stata priva di sfide.

La visibilità si è rivelata un problema sul Monte Logan.
La visibilità si è rivelata un problema sul Monte Logan, dove le temperature sono scese a -54 gradi. (fornito)

Faceva un freddo insopportabile, raggiungeva i -54 gradi, la temperatura più fredda a qualsiasi altitudine di Drummond.

“È molto difficile”, ha detto.

“Ti lasciano su un ghiacciaio, devi sciarci sopra perché è il modo più veloce e porti tutta la tua roba, sullo zaino e sugli sci, non c’è una vera pista, devi capire come aggirare i crepacci.

“C’è anche molto vento, la visibilità non è delle migliori e non puoi salire su quella montagna senza di essa perché ti perderai molto facilmente.

“Non è tecnicamente difficile, è solo che il tempo continua a ricordarti di tornare a casa.”

La vista mentre la squadra scia verso il campo III a Mount Logan.
La vista mentre la squadra scia verso il campo III a Mount Logan. (fornito)

“Avevo un po’ di ego”, ha detto, aggiungendo che non ha aspettato l’apertura della seggiovia Thredbo quando ha cavalcato Mount Townsend nelle Snowy Mountains del New South Wales.

“Siamo andati a Kosciuszko e l’abbiamo fatto per primo perché è sulla strada per Mount Townsend.

“È tutta strada, molto ben tenuta, quindi penso che avremo una grande giornata.

Poi il tempo ha iniziato a cambiare.

“C’era ancora la neve, cosa che non doveva succedere.

“Quindi non c’era strada lì ed era piena di neve, non mi aspettavo il livello della neve.

“Durante l’ultimo miglio in salita e la schiena inclinata, stavamo annaspando nelle fosse di posta, quindi la neve stava iniziando a trasudare sotto il livello superiore, lo attraversavi e cadevi fino alla coscia: ogni passo era enorme e pesante .

“È stata la montagna più difficile e più facile che abbia mai scalato.”

Le 10 montagne più pericolose del mondo

Drummond spera che la sua storia aiuti a ispirare gli altri a scalare le proprie montagne, che sia “figurativa o letterale”.

“Voglio solo aiutare le altre persone ad avere il coraggio di andare avanti quando vogliono voltarsi”, ha detto.

“Una delle lezioni che ho imparato è che puoi andare più a lungo di quanto pensi.

“Abbiamo questo enorme universo con così tanti ambienti meravigliosi e luoghi diversi da vedere e come umani, abbiamo l’opportunità di farlo.

Quindi esplora, sperimenta, sperimenta, il viaggio è dove sta la ricompensa.

“Sono così grato per l’intera esperienza.”

Registrati qui Per ricevere le nostre newsletter quotidiane e gli avvisi sulle ultime notizie, inviati direttamente nella tua casella di posta.