Settembre 29, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia: vaccini per 400 immigrati a Bari

La somministrazione del vaccino COVID è iniziata martedì presso il centro di accoglienza per richiedenti asilo nella città portuale di Bari, nella provincia meridionale italiana di Buglia. Un totale di 400 persone hanno firmato i moduli di approvazione per il vaccino.

La somministrazione del vaccino COVID è iniziata martedì (7 settembre) presso il Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Bari, una città portuale della provincia meridionale italiana della Puglia. Il trasferimento fa parte di un programma di vaccinazione per le persone senza un luogo di residenza permanente.

Un medico del reparto vaccinazioni e tre infermieri del pronto soccorso italiano stavano somministrando i vaccini all’interno del centro allestito presso la struttura di accoglienza. Un’ambulanza ambulatoriale con servizi di emergenza e un defibrillatore sono stati messi a disposizione degli ospiti presso la struttura, se necessario.

Un totale di 400 persone, di età media 26 anni, hanno firmato i moduli di consenso informato necessari per il vaccino. Provengono da Bangladesh, Burkina Faso, Camerun, Costa d’Avorio, Egitto, Eritrea, Etiopia, Gambia, Ghana, Guinea, Iraq, Liberia, Mali, Nigeria, Pakistan, Senegal, Somalia, Sudan e Togo.

Proteggere gli immigrati dal virus è una “priorità”, ha affermato Dominico Lagravinis, direttore del Dipartimento di prevenzione. “La maggiore esposizione al virus richiede interventi mirati per questi gruppi”.

Da marzo 2020, ci sono stati solo 21 casi governativi nel Barry Center

“Vorrei ringraziare l’Ufficio Costituzionale di Barry e le autorità sanitarie locali per aver accolto la nostra richiesta di organizzare questa Giornata delle vaccinazioni”, ha detto Michael de Lorenzo, direttore del centro, che è gestito dalla Cooperativa Ausiliare.

“Dall’inizio dell’emergenza sanitaria, abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza di chi si trova fuori dalla struttura della comunità barese. Lo dimostra il fatto che, dal marzo 2020, dei circa 3.900 richiedenti asilo transitati centro, solo 21 sono risultati positivi al COVID-19″.

READ  Queen's tennis - Gli occhi di Matteo Bertini raddoppiano per l'Italia dopo la vittoria di Wimbledon ed Euro 2020

Gli immigrati nella tendopoli di San Ferdinando sono stati vaccinati

Il 3 settembre gli immigrati della tendopoli di San Ferdinando, nello stato di Reggio Calabria, hanno iniziato a vaccinare gli immigrati che lavorano nei campi vicini.

“A seguito dei passi compiuti all’inizio di luglio per avviare un nuovo percorso di risanamento legale e progressivo della città di San Ferdinando Dent, ai residenti della zona sono stati somministrati i vaccini Covit/19”, ha affermato la Questura regionale di Reggio Calabria. una dichiarazione.

Successivamente, “131 extracomunitari hanno ricevuto la seconda dose del vaccino e 74 hanno espresso il desiderio di ricevere la prima dose”.