Novembre 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia: Trieste non ospita richiedenti asilo, afferma l’ente locale

L’ICS afferma che la città di Trieste “infrange le regole” non fornendo alloggio a tutti i richiedenti asilo. Ritengono che le strutture abitative siano oltre la capacità poiché i trasferimenti sono lenti.

L’associazione Consorzio Italiano – Ufficio per i Rifugiati (ICS, italiano originale: Consorzio Italiano di Solidarietà – Ufficio Rifugiati Onlus) ha dichiarato in un comunicato pubblicato domenica (23 ottobre) che le regole di accoglienza dei migranti sono violate a Trieste. Il sistema integra il sistema di hosting in una città del nord-est italiano.

Non ci sono posti sufficienti nel sistema di accoglienza, lasciando circa 250 richiedenti asilo senza alloggio. L’associazione ha aggiunto che la “violazione” “a Trieste va avanti da quest’estate”.

Trieste si trova nell’Italia nord-orientale, vicino al confine con la Slovenia ea meno di 20 chilometri dal confine nord-occidentale con la Croazia. Per questo motivo, un gran numero di migranti e rifugiati è arrivato attraverso la rotta balcanica.

Le migrazioni di migranti e rifugiati sono minori

“Se questa situazione persiste a Trieste, segnaleremo (il problema) direttamente al Ministero dell’Interno (e) ai legislatori che rappresentano questo collegio (perché) l’ospitalità è obbligatoria per legge (e) non un favore o un privilegio”, Lo ha detto nel comunicato il presidente dell’ICS, Gianfranco Schiavone.

“Il nuovo governo deve garantire che la legge non venga violata nel nord-est e che l’ospitalità venga presa sul serio”, ha aggiunto Schiavone.

Secondo Schiavone, questa situazione “non può essere giustificata da un aumento degli arrivi attraverso la rotta balcanica” ma da trasferimenti “lenti”.

“Da metà luglio, il numero di richiedenti asilo trasferiti in altre aree è diminuito di oltre il 50%”, ha affermato l’ICS.

READ  La Turchia vince il pubblico contro il Galles dopo la sconfitta dell'Italia: The Tribune India

Circa 250 richiedenti asilo sono rimasti senza casa

Di conseguenza, circa 1.200 posti di accoglienza non sono sufficienti per i visitatori della città, ha affermato l’organizzazione. Queste persone costruivano rifugi temporanei, dormivano agitati o viaggiavano autonomamente in altre città.

Al 7 ottobre, il numero di persone che non riuscivano a trovare un alloggio attraverso il sistema di accoglienza della città era di almeno 250, ma, secondo un sondaggio, l’ICS ha affermato.

I trasferimenti sono ora ripresi a ritmi più veloci, ha detto, “ma non basta ancora” e “occorre accelerare”.

“Le nuove strutture sono utili e noi le abbiamo richieste, compresa l’area dell’ex mercato coperto selezionata dal comune, ma solo come soluzione di emergenza”, ha detto Schiavone. Tuttavia, questo “meccanismo di trasferimenti deve funzionare”.