Maggio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia: Statua di un’eroina letteraria accusa di sessismo | Intrattenimento nazionale

ROMA (AFP) – Un artista italiano difende la sua statua di una contadina del XIX secolo dalle accuse di sessismo dopo che la sua scoperta ha fatto arrabbiare alcuni legislatori e critici d’arte che hanno affermato che sembrava più una stellina che una contadina.

La “Spigolatrice di Sapri”, una statua in bronzo basata sul famoso poema italiano con lo stesso nome, è stata svelata durante una celebrazione sul lungomare il 25 settembre a Sapri, nel sud Italia, alla presenza di funzionari locali e dell’ex primo ministro Giuseppe Conte.

La spigolatrice, o raccoglitrice di grano, è mostrata con indosso un comodo abito a spalle scoperte che le aderisce saldamente ai fianchi. I critici hanno affermato che nessun contadino del diciannovesimo secolo, per non parlare dell’eroina immaginaria nel poema – lascia il suo lavoro massacrante nei campi per unirsi alla rivolta siciliana contro la dinastia borbonica – avrebbe avuto questo aspetto.

“È una statua inappropriata, fuori contesto e offensiva”, ha detto la deputata italiana Laura Boldrini. “Prendete da quella donna la storia e la dignità che aveva”.

La critica d’arte Teresa Macri, docente all’Accademia di Belle Arti di Roma, ha affermato che la statua dovrebbe essere rimossa.

“È intimidatoria e commette l’errore di ritrarre una donna dall’aspetto contemporaneo che assomiglia più a una starlet che a una lavoratrice del XIX secolo”, ha detto McCurry all’Associated Press.

Tuttavia, l’artista, Emmanuel Stefano, ha affermato che tutte le sue opere si distinguono per forme con una quantità minima di abbigliamento, indipendentemente dal genere. A causa della sua posizione sul lungomare della statua, Stefano ha scritto in un post su Facebook questa settimana di aver immaginato che Spigolatris fosse colpita dalla brezza marina che le ha fatto appiccicare il vestito.

READ  Justin Bieber annuncia una nuova data per il tour mondiale della giustizia | intrattenimento

L’obiettivo non era quello di catturare un ritratto fedele di un contadino del diciannovesimo secolo, ma di “rappresentare un perfetto esempio di donna, evocare il suo orgoglio e risvegliare una coscienza, il tutto in un momento di grande lamento”, ha scritto.

L’artista si è detto “scioccato e frustrato” dalle critiche e ha notato che il suo cliente, Sabre City, aveva approvato uno schizzo della scultura.

Intervenendo a difesa dell’opera, il sindaco di Sapri Antonio Gentile ha affermato che ogni discriminazione di genere è “negli occhi di chi guarda”.

Rifiutando l’idea di rimuovere la statua, Gentile ha detto: “Penso che le statue siano state demolite solo nei paesi in cui la democrazia è stata sospesa”.

Altre opere d’arte moderna pubblica hanno prodotto culti in Italia, che considera parte del proprio patrimonio culturale alcuni dei più grandi tesori d’arte dell’Occidente.

Quando i funzionari della città di Roma hanno svelato una statua di San Giovanni Paolo II di fronte alla stazione ferroviaria principale della capitale italiana nel 2011, anche il Vaticano ha criticato l’opera, che assomigliava più al dittatore fascista Benito Mussolini che all’amato Papa.

Alla fine, l’artista ha rielaborato la scultura e le ha dato una nuova testa che assomigliava molto a quella di Giovanni Paolo.

___

Nicole Winfield ha contribuito.

stampa canadese. Tutti i diritti riservati.