Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia: quasi la metà delle attività è strutturalmente a rischio

Circa il 45% delle imprese italiane operanti nei settori produttivi è strutturalmente vulnerabile. Questo è uno dei principali risultati di un nuovo rapporto sulla competitività dei settori produttivi in ​​Italia pubblicato dall’Istituto statistico stato Mercoledì.

Il rapporto avverte che le aziende che operano principalmente in settori a basso contenuto tecnologico e di conoscenza non saranno in grado di sopravvivere di fronte a un’altra crisi esterna.

Il rapporto ISTAT ha rilevato che turismo, arte, spettacolo e ristorazione sono tra i settori produttivi che hanno maggiormente risentito dell’impatto delle misure di contenimento finora adottate dalle autorità italiane.

Una serie di blocchi nazionali per proteggere la popolazione italiana dal COVID-19 e il collasso del sistema sanitario hanno portato al disastro economico. Secondo l’associazione italiana delle imprese Confcommercio, lo scorso anno circa 390.000 aziende hanno chiuso i battenti in Italia.

Intanto, negli ultimi giorni le proteste hanno investito l’Italia da nord a sud. Operatori dell’ospitalità, proprietari di ristoranti, proprietari di negozi e commercianti di mercati di strada chiedono la riapertura della seconda tornata di misure di sostegno economico del governo.

READ  I passeggeri delle crociere risultano positivi al Covid-19 in Italia