Gennaio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia: L’ultima edizione della Circolare sulle Regole Aggiornate per i Documenti sui Prezzi di Scambio

Nella lettera

Il 26 novembre 2021 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato l’edizione definitiva della circolare (“Il giro“) Fornire chiarimenti sui requisiti di prezzo di cambio fissati con la regola n. 360494 del 23 novembre 2020 (“Organizzato“). Questa edizione finale segue il processo di consultazione pubblica iniziato il 20 settembre 2021 e terminato il 12 ottobre 2021.

La versione finale della Circolare conferma i contenuti delineati nella sua versione bozza, alcuni consolidamenti/codici minori relativi al pacchetto di documentazione (ovvero il file primario e il file locale) e i requisiti formali che devono essere soddisfatti per richiedere la protezione sanzionatoria.

File principale

Se il file primario è prodotto da una società diversa dal contribuente italiano (ad esempio, la società madre), includerà una struttura e un contenuto strettamente allineati con le linee guida TP dell’OCSE allegate al Capitolo I (Capitolo V). Anche se tale relazione presenta contenuti non allineati ai requisiti di struttura e/o presentazione, l’ente locale deve fornire un compromesso (con eventuale integrazione) tra la struttura obbligatoria e la struttura del fascicolo primario del panel predisposto centralmente.

Ulteriori informazioni richieste per la circolare (non specificate nel Regolamento o nella bozza di circolare del settembre 2021) possono essere evidenziate:

  • Dovrebbe essere specificato il volume delle vendite/fatturato relativo ai prodotti (o ai tipi di prodotto) superiore al 5% delle entrate del gruppo.
  • Dovrebbero essere forniti i dettagli degli accordi finanziari presi dal Comitato con le Parti Indipendenti, inclusi: Tipo di contratto, Finanziatore, Beneficiario, Data di scadenza, Contratto, Importo del capitale, Valuta, Condizioni utilizzate, Tasso di interesse ed eventuali garanzie fornite.
READ  L'Italia mantiene le lezioni private nonostante l'aumento dei casi di under 20 - EURACTIV.com

Parimenti, se la chiusura dell’esercizio della controllante diretta o indiretta che produce il fascicolo primario è diversa dalla fine dell’esercizio della società locale, quest’ultima potrà emettere il fascicolo primario indicando la data di fine dell’esercizio. Prima dell’anno finanziario della società locale.

File locale

Per quanto riguarda il file locale, si forniscono i seguenti chiarimenti:

  • Organigramma: contiene informazioni sul numero di dipendenti assegnati alle operazioni di ciascuna società. Inoltre, dovrebbe essere fornita una spiegazione del ruolo dei responsabili delle attività amministrative locali e del ruolo delle persone a cui riferiscono.
  • Transazioni residue (non marginali): il limite per il trattamento delle transazioni come non marginali è ora fissato al 5% della transazione totale tra società (tenendo conto dei costi totali di transazione e dei guadagni specificati nella dichiarazione dei redditi annuale). Viene inoltre chiarito che le transazioni residue non analizzate nel fascicolo locale non beneficeranno della tutela sanzionatoria. Quindi, “Qual è l’impatto pratico di questa nuova disposizione/chiarimento?” Alla luce dell’approccio che già consente ai contribuenti di scegliere di documentare le operazioni (e quindi si qualifica per la tutela sanzionatoria).
  • Transazioni relative a royalties e interessi passivi: è stato chiarito che il loro importo deve essere corrisposto secondo la policy di competenza. Tuttavia, su richiesta dell’Agenzia delle Entrate in sede di verifica, è stato precisato che la società locale dovrebbe fornire l’importo di tali operazioni calcolato in termini monetari.
  • Differenze alla fine dell’esercizio finanziario: se il risultato dell’esercizio finanziario della parte sottoposta a revisione differisce dalla fine dell’esercizio finanziario della società locale, è possibile aggiungere una riconciliazione basata sui dati finanziari della parte sottoposta a revisione.
  • Informazioni su APA/Termini: L’informativa da effettuare nel fascicolo locale si riferisce agli accordi imposti tra le società estere del Gruppo, e tali accordi non fanno parte della società italiana nella misura in cui il contribuente è associato a transazioni tra le società interessate .
READ  La squadra italiana di successo di Euro 2020 riceve un caloroso benvenuto a Roma dopo la vittoria finale

Caratteristiche formali e altri concetti generali

  • Dichiarazione dei redditi tardiva: è stato chiarito che la dichiarazione dei redditi tardiva (ovvero 90 giorni dopo la scadenza) può essere presentata per indicare la disponibilità dei documenti relativi al prezzo della transazione. In tal caso, per avvalersi della tutela sanzionatoria, i documenti relativi al prezzo della transazione saranno firmati elettronicamente e timbrati prima della presentazione della dichiarazione dei redditi tardiva.
  • Inoltre, la disponibilità dei documenti TP può essere specificata dopo il suddetto periodo (ma entro il termine di deposito fiscale dell’anno successivo), dalla cosiddetta “remissione dei bonus”. Tuttavia, in questo caso, il contribuente deve preparare e firmare il documento TP con firma elettronica e marca temporale e inviarlo entro 90 giorni come di consueto.

Il contenuto è fornito solo per scopi educativi e informativi e non è inteso e non deve essere interpretato come consulenza legale. Può qualificarsi come un “annuncio pubblicitario” che richiede preavviso in determinate giurisdizioni. I risultati precedenti non garantiscono effetti simili. Per maggiori informazioni per favore visita: www.bakermckenzie.com/en/disclaimers.