Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia: le bottiglie di vino con i ritratti di Hitler e di altri dittatori vengono messe in vendita nonostante il contraccolpo

Bottiglie di vino decorate con i ritratti del dittatore tedesco Adolf Hitler e di altri leader autoritari vengono vendute a Remini, in Italia, nonostante le massicce proteste dei gruppi “antifascisti”. Viene dopo che Vina Lunartelli ha scatenato polemiche con la storica serie lanciata nel 1995. Nel 2013, il Centro Simon Wiesenthal ha chiesto il boicottaggio della serie, che comprendeva tutti i “gloriosi” dittatori dal leader militare francese Napoleone Bonaparte a Hitler.

L’amministrazione locale di Remini riceve in media sei denunce all’anno, ha affermato il sindaco della città Andrea Grassi. I tempi di Israele In un’intervista. Alla domanda sui passi intrapresi dalle autorità per affrontare il problema, Grassi ha affermato che tali sforzi in passato sono stati inutili. Ha detto che la questione era al di fuori della giurisdizione del sindaco, dicendo che la corte aveva annullato la decisione del governo locale di vietare “tali produzioni fasciste”.

“Se non verrà approvata una nuova legge, tutti gli sforzi e le azioni del comune non porteranno a nulla”, ha affermato. I tempi di Israele.

Secondo il sito dell’enologo, la storica serie Lunartelli del 1995 rappresenta la metà dei ricavi e, a sua volta, della produzione.

Nel 2012, una coppia ebrea americana in vacanza a Garda (nord Italia) è scoppiata in un supermercato italiano dopo aver trovato bottiglie di vino appartenenti al leader nazista. Le bottiglie erano etichettate “Mein Kampf”, “Ein Volk, Ein Reich, Ein Führer” e “Fuhrerwein”. Le bottiglie contenevano il tipico saluto di Hitler.

Cindy Hirsch, di Filadelfia, è stata indignata dalla vendita pubblica di etichette di bottiglie di vino. parla Telegrafo quotidiano, ha rivelato che la scena era personalmente sconvolgente poiché era un sopravvissuto ad Auschwitz, quando i suoi nonni e la zia furono uccisi nei campi di concentramento. “Non è solo una vergogna per gli ebrei, anche io e mio marito siamo ebrei. È una vergogna per tutta l’umanità”, ha detto.

READ  Divertiti a navigare in un viale italiano mentre sei sulla Grande Mela

È stata avviata un’indagine sull’imbottigliamento del vino

Successivamente il ministro dell’Unità d’Italia Andrea Riccardi rimproverò i viticoltori, assicurando “amici americani” che l’Italia non sosteneva l’antisemitismo, il nazifascismo o il razzismo. “Offende la memoria di milioni di persone e rischia di compromettere l’immagine dell’Italia all’estero”, ha detto Ricciardi.

Nel frattempo, l’azienda definisce la collezione Lunartelli un “oggetto di culto tra i collezionisti”.

(Immagine: Unsplash/AP)